un gloubi-boulga di cause per la manifestazione contro l’“estrema destra”

un gloubi-boulga di cause per la manifestazione contro l’“estrema destra”
un gloubi-boulga di cause per la manifestazione contro l’“estrema destra”
-

Arrivato prima degli altri e vestito con una tuta che sottolinea il suo sovrappeso, l’uomo sventola una bandiera algerina sopra la stazione della metropolitana. “ Questa bandiera? È per dare fastidio ai fascisti che odiano l’Algeria, ma anche a Macron che ci odia “, Egli ha detto. Accanto a lui, un gruppo di insegnanti sindacalisti viene a testare il suo impianto audio. Comincia a canticchiare, con un grande sorriso: “ Oh sharia, oh sharia… » Momento di imbarazzo prima della partenza del corteo… I docenti interrompono subito: « È che non ci arrendiamo, non ci arrendiamo, no, oh sharia… Stai dicendo la cosa sbagliata! » « Ah, pensavo… »

Il resto dopo questo annuncio

La sfilata parigina, da République a Nation, è stata l’occasione per rivedere vecchi slogan e luoghi comuni adattandoli alla situazione politica del 2024. I riferimenti alla collaborazione sono ovunque. Una giovane donna va in giro con una foto dell’incontro, nell’ottobre 1940, tra Pétain e Hitler alla stazione di Montoire, sulla quale ha scritto in rosa: “ No Pasaran! » Chi è Hitler, chi è Pétain? È piuttosto vago nella sua testa: “ Direi che Pétain è Attal e Hitler è Bardella. » Poi cambia idea: « No, è Macron ed è Marine Le Pen… Anzi, sono un po’ tutti in questo momento. » Un vecchio con in mano un cartello « Bardella, Laval, stessa lotta ” spiegare ” voler colpire forte come con il CRS-SS nel 1968 “.

Abbiamo tirato fuori i distintivi” Non toccare il mio amico “. Attac ha inviato femministe in tuta per ricordarci che “ la violenza sessuale e di genere è legata all’ideologia di estrema destra “. Secondo momento di imbarazzo… Un manifestante ribatte che il Nuovo Fronte Popolare ha nominato Adrien Quatennens, deputato uscente del Nord, condannato per violenza domestica. “ Sì, beh, tranne lui, cosa… »

In questo gloubi-boulga di varie rabbie, di richiami” alla fine del dominio statale e dello sfruttamento capitalista », giochi di parole banali e rime mediocri (“ Bardella, esci di lì! “), stand di merguez (quello vicino al Cirque d’Hiver, garantito 100% halal, con sconti alla fine del corteo), negozi meno legali ma poco discreti (la vendita di cannabis ha fatto bene all’Émilienne-Moreau -Évrard Terrace vicino a Place de la République), la causa filo-palestinese sembra quella più unificante. Veniamo a denunciare la RN e chiamiamo “ da Parigi a Gaza all’Intifada “. Un tag recentemente eseguito sul Boulevard du Temple afferma “ la lotta armata in Palestina e in Francia “. Le bandiere tricolori palestinesi sono la maggioranza.

Veniamo a denunciare la RN e lanciamo un appello “da Parigi a Gaza all’Intifada”

Una coppia americana esce dall’hotel Crowne Plaza, proprio sulla piazza. “ Stanno protestando contro Israele, giusto? » si chiedono. Un manifestante, che porta sul bavero una piccola spilla del sindacato didattico della FSU, cerca di spiegare loro in un inglese molto stentato: “ Razzismo… ovunque… Francia, Israele… » e sbotta assumendo uno sguardo informato: « Presto America! » (“ presto America! “). Il marito alza le spalle: “ La metropolitana non è in sciopero, spero? »

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole