quello che sappiamo sulla qualità della Senna un mese prima dei Giochi

quello che sappiamo sulla qualità della Senna un mese prima dei Giochi
quello che sappiamo sulla qualità della Senna un mese prima dei Giochi
-

A poco più di un mese dai Giochi Olimpici di Parigi 2024, la Senna è ancora troppo inquinata secondo gli ultimi campioni di qualità prelevati nei giorni scorsi. Questo pone molte domande sullo svolgimento degli eventi che dovranno svolgersi nel fiume.

Il clima è in parte responsabile di questo inquinamento : tutto dipende dalla pioggia. IL forti precipitazioni che la Francia ha vissuto negli ultimi mesi hanno infatti conseguenze sull’inquinamento delle acque. Lo fanno prima reti di acque reflue straripanti che provengono in particolare dai nostri servizi igienici. Queste acque reflue si mescoleranno poi con le reti di acqua piovana e confluiranno nel fiume senza essere trattate.

Un’altra conseguenza di queste docce: accelerano il corso della Senna, che comporta un rischio di inquinamento. “Ci sono molti materiali trasportati a monte. E lì ci sono sostanze inquinanti”, spiega Michel Riottot, presidente onorario di France Nature Environnement ed ex direttore della ricerca del CNRS. “Dipendiamo completamente dal tempo”.

“Per le Olimpiadi è sufficiente che le cose vadano bene e che non ci siano temporali durante la giornata. Andrà molto bene”, assicura comunque. Ma è quindi impossibile prevedere con precisione la pioggia il giorno prima degli eventi organizzati a fine luglio e inizio agosto. Per limitare i rischi, la città di Parigi ha inaugurato negli ultimi mesi bacini di ritenzione destinati a limitare lo scarico delle acque reflue.

Il team dello spettacolo consiglia

Novità dalla redazione RTL nella tua casella di posta.

Utilizzando il tuo account RTL, iscriviti alla newsletter informativa di RTL per seguire quotidianamente tutte le ultime novità

Per saperne di più

-

PREV Cala la fiducia dei consumatori americani, migliorano le previsioni sull’inflazione Da Investing.com
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole