Tesla non è coinvolta

Tesla non è coinvolta
Tesla non è coinvolta
-
La Tesla Model 3 non è rimasta coinvolta nell’incidente © Alex Krassovsky

Alla fine del 2021, un grave incidente che ha coinvolto una Tesla Model 3 ha provocato un morto e diversi feriti gravi a Parigi. L’autista ha poi spiegato che la sua vettura aveva accelerato da sola. L’indagine sembra indicare il contrario.

L’11 dicembre 2021 è avvenuto un terribile incidente: nel 13° arrondissement di Parigi, una Tesla Model 3 un po’ impazzita ha investito diverse auto e due pedoni. Una persona è stata uccisa, 20 ferite, di cui 3 in gravi condizioni, l’incidente è di grande importanza. Senza nemmeno aver ispezionato il veicolo, la casa madre precisa tempestivamente che non vi è stato alcun malfunzionamento con questo Model 3 utilizzato nella flotta di taxi G3. Successivamente la società ha deciso di non utilizzare più le Tesla durante le indagini. Abbiamo dovuto aspettare quasi tre anni per arrivare alla fine della storia.

Tesla non ha colpa

Il tassista avrebbe detto alla polizia che il suo veicolo aveva iniziato ad accelerare da solo. Un caso ovviamente e fortunatamente estremamente raro che ha interessato anche altri marchi in passato. Ricordiamo in particolare la vicenda dei “pedali adesivi” della Toyota, che portò il colosso giapponese a richiamare migliaia di veicoli e a concludere un affare in via stragiudiziale per una cifra di 1,2 miliardi di dollari. Ma questa volta il veicolo non c’entra niente. Tesla fu subito sicura della sua mossa e la giustizia dovrebbe pronunciarsi a favore del produttore americano. Secondo i nostri colleghi di Le Parisien, dall’inchiesta sono emerse versioni contraddittorie del tassista. La perizia tecnica non ha individuato alcun problema tecnico della berlina elettrica. La colpa sarebbe quindi umana. Il conducente è stato accusato di “omicidio colposo e lesioni colpose da veicolo a motore terrestre”.

Questo articolo è pertinente?

-

PREV Morte di Alain Drumel (Ecolo), ex consigliere comunale di Bernissart
NEXT L’ANPC sperimenta il sistema di intervento a Daoudè di Assoli