Inno alla multiculturalità, svelata a Parigi la scultura simbolo dei Giochi Olimpici – 23/06/2024 alle 19:43

Inno alla multiculturalità, svelata a Parigi la scultura simbolo dei Giochi Olimpici – 23/06/2024 alle 19:43
Inno alla multiculturalità, svelata a Parigi la scultura simbolo dei Giochi Olimpici – 23/06/2024 alle 19:43
-

L’artista americana Alison Saar posa il 21 giugno 2024 a Parigi davanti alla scultura da lei creata per simboleggiare i Giochi Olimpici (AFP / JULIEN DE ROSA)

Una donna nera con in mano un ramoscello d’ulivo e una fiamma dorata, seduta al centro di sei sedili che simboleggiano tutti i continenti: la scultura progettata dall’artista americana Alison Saar per le Olimpiadi e le Paralimpiadi di Parigi invita al dialogo.

Quest’opera d’arte “multiculturale”, nelle parole dell’artista californiano, è stata inaugurata domenica pomeriggio nel giardino Charles-Aznavour, ai piedi degli Champs-Elysées, a Parigi, 33 giorni prima della cerimonia di apertura della messa solenne dello sport.

L’occasione per il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Thomas Bach, di congratularsi con se stesso per i “preparativi”, che secondo lui “stanno andando molto, molto bene”.

“L’entusiasmo cresce quando si cammina a Parigi”, ha assicurato il capo del movimento olimpico in una conferenza stampa. “I siti olimpici incombono, si vedono le bandiere, si vede la gente al Trocadéro che esulta davanti agli anelli olimpici della Torre Eiffel”, ha aggiunto.

Intitolata “Salon”, l’opera di Alison Saar, 68 anni, è intesa come uno “spazio aperto a tutti, che promuove il dialogo e permette gli incontri”, secondo l’artista.

La statua comprende diversi elementi, tutti realizzati dall’artista nei laboratori di Puy-de-Dôme, nel centro della Francia.

– “Diversità” –

Composta da bronzo e roccia vulcanica resistente agli agenti atmosferici e agli inquinanti ambientali, l’opera comprende una grande figura femminile seduta che tiene in una mano rami di ulivo e nell’altra una fiamma dorata e sei sedili, disposti su un cerchio di 5 m 40 di diametro , provenienti dall’Africa Occidentale, dall’America Centrale, dalla Francia, dalla Cina e dall’Europa. Uno di questi è anche un’antica sede che simboleggia l’origine dei Giochi Olimpici. Al centro del cerchio ci sono gli anni olimpici incastonati nel terreno.

“Salon”, la scultura realizzata dall’artista americana Alison Saar per i Giochi di Parigi del 21 giugno 2024. L’opera è composta da una donna nera che regge un ramoscello d’ulivo e una fiamma dorata e sei sedili che simboleggiano tutti i continenti (AFP / JULIEN DE ROSA)

“+Salon+ è un invito al dialogo, allo scambio, all’incontro, alla condivisione”, ha salutato Thomas Bach nel suo discorso, invitando a celebrare “l’unità di tutta l’umanità nella nostra diversità”.

“Questo è lo scopo dei Giochi Olimpici: riunire le diverse culture del mondo nella competizione pacifica e nel dialogo”, ha aggiunto alla stampa.

Esiste un messaggio politico rivolto alla Francia nel contesto delle elezioni legislative anticipate del 30 giugno e del 7 luglio? “Non sono cittadino francese, non ho diritto di voto”, ha detto Thomas Bach, intervistato dall’AFP.

Poco conosciuta in Francia, Alison Saar è stata scelta dal Comitato Olimpico Internazionale e dalla Città di Parigi “per il suo impegno a favore dei valori umanisti e di pace delle Olimpiadi” e “per il suo desiderio di avere una produzione locale per sostenere il” Artigianato francese e riduzione dell’impronta di carbonio”, si legge nella cartella stampa.

– “Ascendenza africana” –

Per 40 anni il suo lavoro si è concentrato sull’identità femminile nera.

“Io stesso sono di razza mista, quindi la maggior parte del mio lavoro si concentra sui miei antenati africani”, ha spiegato Sunday colui che voleva “rompere con l’immagine standard dell’uomo bianco che troviamo nella maggior parte dei monumenti e delle sculture”.

Le sue sculture e installazioni, realizzate con materiali naturali e di recupero, incorporano elementi provenienti da diverse tradizioni culturali africane, afroamericane e caraibiche.

Tra le sue opere più famose c’è una scultura di Harriet Tubman, ex schiava e attivista contro la schiavitù, il primo monumento (2008) a una donna di colore a New York.

Negli Stati Uniti le sue opere sono state esposte al Metropolitan Museum of Art e al Whitney Museum di New York e al Lacma di Los Angeles.

Nata il 5 febbraio 1956 a Los Angeles, l’artista proviene da una famiglia di artisti, la madre Betye Saar nota per i suoi assemblaggi che affrontano questioni razziali e di genere, e il padre Richard Saar, di origine tedesca, come ceramista e restauratore di opere dell’arte.

La scultura olimpica creata per Parigi-2024 è il suo primo progetto in uno spazio pubblico fuori dagli Stati Uniti.

Alison Saar succede al francese Xavier Veilhan che ha creato una serie di sculture intitolate “The Audience” (“Il pubblico”) per le Olimpiadi di Tokyo del 2021.

-

NEXT Arte in Lussemburgo: l’arte di strada è esposta su 200 metri