Girondins4Ever ha chiesto loro durante l’intervallo: ‘C’è qualcuno qui che non vuole vincere con un margine maggiore?'”

-

(Foto di Anthony Dibon/Icon Sport) – Foto di Icon Sport

In una conferenza stampa post partita, l’allenatore dei Girondins de Bordeaux, Alberto Rierache ha visto la sua squadra segnare quattro gol per la prima volta in questa stagione, non si è sentito rassicurato sull’efficienza offensiva della sua squadra.

“All’intervallo siamo tornati a casa un po’ infreddoliti… Anche questo perché non ero vicino ai giocatori, va detto (sorride). I primi dieci minuti… Quando entriamo in campo, dico che per noi è il primo fallo, la prima pressione, il primo calcio d’angolo… Tutto per noi! Lì, così, siamo già in partita e stiamo mandando un messaggio alla squadra avversaria. Noi siamo entrati, loro avevano la palla, hanno giocato sul portiere e non c’era pressione, abbiamo aspettato. Ma cosa stiamo aspettando?! Per vedere come avrebbe giocato il portiere, a chi avrebbe passato la palla?! No, non stiamo aspettando… Quindi, ne abbiamo parlato, e sai che con me non c’è tregua. A metà tempo ho sentito che non eravamo efficaci. Sentivo che il punteggio avrebbe dovuto essere ancora più grande. Questa è la domanda che ho posto loro a fine primo tempo: ‘C’è qualcuno qui che non vuole vincere con un margine maggiore?’. Era oggi… Avevamo le situazioni, il piano preparato è stato applicato… Era ‘oh, va bene, siamo in vantaggio 2-0…’. Questa settimana, al primo incontro, ho detto loro che giocavamo sempre per qualcosa. Se non raggiungiamo l’obiettivo, nonostante tutto, nello sport, ci giochiamo sempre qualcosa… Sempre. Non è la stessa cosa vincere 1-0 o 5-0. Il come è molto importante. Il cosa, la vincita, ovviamente. Ma il come è molto importante in termini di sensazioni. Quindi, se possiamo vincere di più… chiedo ai miei giocatori questa mentalità, perché è il modo migliore per progredire, per essere migliori in questo sport”.

Trascrizione Girondins4Ever

-

PREV Mondi di Judo. A che ora e su quale canale guardare la terza giornata con Agbegnenou?
NEXT “La ragazza con l’ago”, un’opera magistrale di Magnus von Horn