la nuova annata 2024 del crème delle startup francesi, sempre più redditizia

la nuova annata 2024 del crème delle startup francesi, sempre più redditizia
la nuova annata 2024 del crème delle startup francesi, sempre più redditizia
-

Sono 35 le nuove startup che debuttano per questa edizione 2024 di Next40/120. Questa classifica lanciata nel 2019 dal governo e dalla French Tech Mission mira a etichettare le aziende tecnologiche più promettenti. La classe Next40 2024 accoglie senza sorprese Mistral AI, il tesoro francese dell’IA che ha raccolto 500 milioni di dollari nel 2023, e il parigino Pennylane, uno specialista di gestione finanziaria che è diventato un unicorno durante l’anno. Ma anche, e questo probabilmente è meno atteso, aziende più vecchie come lo specialista di biglietteria online Weezevent. Quest’ultimo è entrato in classifica grazie ai nuovi criteri messi in atto.

Mentre negli anni precedenti venivano presi in considerazione solo gli importi raccolti, ora anche le start-up che generano profitti e registrano un fatturato in crescita hanno la loro chance. Questi criteri sono stati rivisti per corrispondere meglio all’ecosistema, molto più maturo rispetto a quando il marchio è stato lanciato nel 2019, e per dare una possibilità alle aziende capaci di autofinanziarsi. Perché l’etichetta, oltre a offrire visibilità, dà accesso “supporto dedicato ai responsabili della missione French Tech, grazie ad una rete di 40 corrispondenti”, ricorda Clara Chappaz, direttrice della missione Tech francese. Comprende in particolare l’assistenza per il reclutamento di talenti all’estero, l’internazionalizzazione e la raccolta di fondi; consulenza legale e fiscale; accesso a una rete di rete.

Nel dettaglio, 60 posti nel Next40/120 sono quindi riservati alle aziende che soddisfano i criteri di crescita: un tasso di crescita del 15% in media negli ultimi tre anni, un fatturato netto minimo di 40 milioni di euro. Rimangono gli altri 60 posti per le startup che hanno raccolto almeno 40 milioni di euro.

Marina Ferrari, Sottosegretario al Digitale, rileva i buoni risultati delle startup greentech, “che stanno andando bene diventando il principale settore di investimento di French Tech nel 2023, e che ritroviamo naturalmente in vigore in questa nuova promozione di French Tech Next40/120 con 24 vincitori, ovvero il 20% delle startup selezionate”.

Quasi un terzo delle aziende nell’elenco sono redditizie

Grazie a questi nuovi criteri di crescita: l’annata 2024 mostra una buona redditività. Il 30% delle aziende è redditizio (esclusa la deeptech, la maggior parte delle quali viene selezionata per la raccolta fondi), comprese 10 aziende Next40. È il caso della citata Weezevent, ma anche del fornitore di energia verde Ilek o addirittura di Ultra Premium Direct (presente nel Tech 120 francese), produttore di alimenti per animali domestici. Lo scorso anno 31 aziende hanno registrato un fatturato netto superiore a 100 milioni di euro, rispetto alle 19 aziende al lancio della promozione 2023.

In totale, questa nuova promozione rappresenta 40.000 posti di lavoro diretti, di cui quasi il 70% in Francia, e un fatturato cumulato di oltre 10 miliardi di euro per l’anno 2023, con un aumento di quasi il 30% rispetto all’anno precedente, tiene a chiarire il concetto presidente della missione Tech francese. Si tratta però di meno posti di lavoro rispetto alla classe 2023, che ha pesato 47.800 persone nel mondo, di cui 31.400 in Francia. Tuttavia, nonostante il difficile contesto economico, i giovani germogli della griffe hanno continuato a creare posti di lavoro: 3.100 nel 2023.

Lavoro, reddito, dominio parigino… cosa ricordare dell’edizione 2023 di Next40 e del Tech 120 francese

Un palmares ancora molto parigino e maschile

All’interno del Next40, 11 nuove società si sono aggiunte all’elenco (è lo stesso numero dell’anno scorso) tra cui Mistral AI, Malt, Ekwateur, Weezevent e Qair. Tutti tranne uno (Ekwateur) provengono dalla regione dell’Ile-de-France.

Nonostante i criteri di inclusività richiesti alle startup – ciascuna deve sottoscrivere un “Patto di Parità” (che le impegna in particolare a rivedere le proprie assunzioni, avendo il 20% di donne nel board entro…il 2028), la Next40 resta in maggioranza maschile. Una donna single gestisce una delle 40 migliori startup selezionate. È ancora, come nel 2023, Eleonore Crespo, a capo dell’editore di software Pigment, che punta a competere con Excel. Durante l’anno divenne anche la prima donna francese a gestire un unicorno.

Il Next120 fa meglio, ma resta molto lontano dalla parità. Solo 18 donne gestiscono o fondano le aziende selezionate. Erano 15 per l’edizione del 2023, e 5 per quella del 2022. Il problema, però, va ben oltre l’etichetta. Nelle startup tecnologiche francesi, meno del 10% dei team fondatori sono al 100% donne e solo il 18% delle posizioni dirigenziali sono occupate da donne…

Il corpo delle donne, il primo bersaglio per gli utilizzatori dell’IA generativa

-

PREV USA: inizio della riunione della Fed, che aggiornerà le previsioni economiche
NEXT A Wall Street, Nasdaq e S&P 500 ai record, Dow Jones in calo