INCHIESTA – “Una risorsa che costa tantissimo”: perché aumentano i furti di olio alimentare usato

INCHIESTA – “Una risorsa che costa tantissimo”: perché aumentano i furti di olio alimentare usato
INCHIESTA – “Una risorsa che costa tantissimo”: perché aumentano i furti di olio alimentare usato
-

L’olio per friggere è diventato il bersaglio dei ladri che lo rivendono a prezzi elevati.

Dall’inizio dell’anno sono stati colpiti una quarantina di ristoranti nella Francia occidentale.

Precedentemente considerato un rifiuto, ora viene utilizzato per produrre biocarburanti, in particolare per gli aerei.

Segui la copertura completa

LE MER 20H

L’olio da cucina potrebbe diventare il nuovo oro giallo? Ne è quasi convinto Adrien Perrault, titolare di un ristorante a Rezé (Loira Atlantica). Il suo olio da cucina usato è molto ambito dai ladri che per tre mesi sono venuti a sottrarre le sue scorte, ovvero 100 litri a settimana. Nel cuore della notte ha dovuto allestire un cancello per fermare la pratica. “Non pensavamo di dover costruire una fortezza per evitare di utilizzare il petrolio rubato”, dice nel rapporto sopra.

Il suo caso purtroppo non è isolato. L’azienda che raccoglie i propri oli per il riciclo invita tutti i ristoratori alla cautela prima della ripresa dell’attività estiva. “Dal 1° gennaio 2024, in quattordici dipartimenti del Grande Ovest si sono verificati circa più di 45 furti. Inizia il periodo estivo e questo fenomeno dei furti inevitabilmente si intensifica durante questa stagione”spiega Fabien Visseriat, direttore di France Collect.

traffico europeo

Questi voli sono talvolta molto organizzati e coordinati. Nei magazzini di Beauce, la gendarmeria ha scoperto l’anno scorso dei traffici europei. Cinque cittadini bulgari sono stati arrestati. Stavano inviando migliaia di litri di olio usato a un impianto di riciclaggio nei Paesi Bassi. Questo traffico era redditizio: l’olio alimentare usato veniva filtrato lì per essere poi rivenduto a 1000 euro la tonnellata. “L’olio da cucina usato è diventato una risorsa costosa perché può essere riciclato in biocarburante”stima Jérôme du Boucher, direttore di Aviation France.

Ecco la spiegazione del fenomeno. Questo biocarburante viene prodotto miscelando benzina e olio usato. Viene utilizzato sotto forma di biodiesel per veicoli commerciali e biocherosene per aeroplani. La sua produzione è in aumento da tre anni. Di conseguenza, le raffinerie di tutto il mondo sono alla ricerca di olio da cucina. L’Europa utilizza 130.000.000 di barili al giorno, che è molto più di quanto ne ricicla.

Per le organizzazioni ambientaliste è impossibile continuare in questa direzione. “La conseguenza è che importiamo sempre più olio da cucina usato, soprattutto dal Sud-Est asiatico, dalla Cina e dalla Malesia. Il che non è una soluzione sostenibile perché anche questi paesi utilizzeranno gradualmente le proprie risorse”aggiunge Jérôme du Boucher.

70% biocarburanti nel 2050

Per non parlare del costo ecologico del trasporto di questi oli. Con le crescenti esigenze dell’aviazione, questa carenza dovrebbe quindi peggiorare. Tre anni fa Air France ha effettuato il primo volo per Montreal con cherosene organico. Da allora, l’Unione europea si è posta degli obiettivi: dobbiamo passare dall’1% di biocarburanti oggi al 5% nel 2030 e al 70% nel 2050. Di fronte all’incombente carenza di materie prime, Air France ha preso l’iniziativa. “Nei prossimi anni avremo ancora la maggior parte del carburante sostenibile per l’aviazione che sarà prodotto da oli usati. Ma prima della fine del decennio avremo altri tipi di carburante, in particolare i carburanti sintetici che prenderanno il posto questi combustibili da oli usati”ammette Antoine Laborde, direttore degli acquisti di carburante di Air France.

  • Leggi anche

    RAPPORTO – Biocarburanti: quando Venezia funziona con l’olio per friggere

In attesa di queste nuove fonti di energia, il traffico di petrolio si intensifica. Lo scorso dicembre la Commissione europea ha avviato un’indagine contro la Cina, sospettata di introdurre olio di palma, dannoso per l’ambiente, nelle sue esportazioni di petrolio usato.


VF | Rapporto TF1: Benoit Christal, Corinne Chevreton e Camille Courta

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori