quanto vale la versione più economica dell’X2? (Saggio)

-

IN BREVE

SUV coupé compatto

2a generazione

A partire da 46.600€

Dopo una prima generazione commercializzata nel 2018 e la cui carriera è stata altalenante, la X2, la versione coupé della X1, è ora disponibile in una seconda versione, che cambia radicalmente rispetto alla precedente. La novità principale sta nelle dimensioni che passano dai 4,36 m del primo nome ai 4,55 m, ovvero ulteriori 19 cm.

Rispetto all’X1 da cui deriva, l’X2 è inoltre più grande di 5 cm mentre il tetto è ribassato di 4 cm. Al di là delle sue dimensioni, conserva il suo stile da SUV coupé con in particolare un design specifico a livello della calandra che può essere illuminata con angoli appuntiti, fari allungati, un tetto pronunciato e soprattutto grandi luci che traboccano sul portellone e sui paraurti . Lungi dall’essere unanime, questo X2 sembra in realtà meno equilibrato del suo predecessore.

Il cruscotto è identico a quello della X1, fatta eccezione per alcune impiallacciature in alluminio.

Le trasformazioni sono molto visibili anche nell’abitacolo con l’adozione della stessa plancia della X1, che si compone di un ampio doppio schermo digitale, strumentazione da 10,25 pollici e sistema multimediale GPS da 10,7 pollici. Il funzionamento di quest’ultimo risulta essere piuttosto fluido e pratico. Troviamo anche la grande consolle galleggiante, sulla quale si affacciano numerosi spazi di stivaggio. Non c’è nulla da eccepire sulla qualità dei materiali, di buon livello, tra cui in particolare i rivestimenti in alluminio, che rafforzano questa impressione.

C’è spazio nella parte posteriore, ad eccezione dell’altezza libera che è più limitata.
Nonostante la carrozzeria coupé, il volume del bagagliaio rimane significativo con 560 litri.
Nonostante la carrozzeria coupé, il volume del bagagliaio rimane significativo con 560 litri.

Buon punto per quanto riguarda gli aspetti pratici con un volume di carico di 560 litri, anche se dovrete fare i conti con il tetto cadente, che può rivelarsi un handicap durante il trasporto di oggetti ingombranti. Attenzione, però, alla soglia di caricamento elevata.

Essendo molto vicino al Ci sono tuttavia alcune differenze con l’abbandono, ad esempio, dell’entry-level 18i presente sulla X1, ma anche delle versioni ibride plug-in. Restano a catalogo i motori elettrici.

Iscriviti alla newsletter di Caradisiac

Ricevi tutte le novità automobilistiche

Accetto di ricevere offerte dai partner

Registrati

L’indirizzo email fornito in questo modulo è trattato da GROUPE LA CENTRALE in qualità di titolare del trattamento.

Questi dati vengono utilizzati per inviarti informazioni sulle nostre offerte, novità ed eventi (newsletter, avvisi, inviti e altre pubblicazioni).

Se l’hai accettato, questi dati saranno trasmessi ai nostri partner, in qualità di titolari del trattamento, per consentirti di ricevere la loro comunicazione in formato elettronico.

Hai il diritto di accesso, rettifica, cancellazione di questi dati, il diritto di limitazione del trattamento, il diritto di opposizione, il diritto alla portabilità dei tuoi dati e il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo (in Francia, la CNIL) . Puoi anche revocare in qualsiasi momento il tuo consenso al trattamento dei tuoi dati. Per saperne di più sul trattamento dei tuoi dati: www.caradisiac.com/general/confidentialite/

Il 2.0 i di BMW non significa più 6 cilindri, ma tre...
Il 2.0 i di BMW non significa più 6 cilindri, ma tre…

Nonostante tutto e dopo aver testato la versione sportiva M35i e la sua versione a emissioni zero, ora è la volta dell’X2 20i, che costituisce quindi la versione d’accesso su questo modello. Poco più di 10 anni fa, quando compravi una BMW con questo logo, avevi diritto a un sei cilindri. Oggi le cose si sono decisamente evolute visto che ci si dovrà accontentare di un semplice 3 cilindri. Gli standard antinquinamento hanno avuto la meglio su molti motori blasonati e la BMW non fa eccezione a questa regola. Con una cilindrata di 1,5 l, sviluppa 170 CV e 280 Nm grazie ad un’ibridazione leggera a 48 volt, che non gli permette di funzionare interamente in elettrico, ma aiutando il blocco termico in diverse situazioni e soprattutto in città. Le riaccensioni al fuoco sono più morbide e meno avvertibili, perché l’1.5 silenziato per ibridazione è più discreto, sia a livello di suono che di vibrazioni. Una volta fuori città, la performance è sufficiente senza mai risultare straordinaria. Nessuna preoccupazione quotidiana per i sorpassi o per la guida in autostrada, il 3 cilindri fa il suo lavoro, e abbastanza bene, ma manca ancora un po’ di brillantezza. In termini di consumi, durante il nostro test abbiamo notato una media abbastanza elevata di 8,4 l/100 km.

Questi magnifici cerchi da 21 pollici sono opzionali.
Questi magnifici cerchi da 21 pollici sono opzionali.

In termini di comfort, l’X2 gioca con lo studente che potrebbe fare meglio. In questa finitura M-Sport, è dotata di magnifici cerchi da 21 pollici opzionali. Perfetto per riempire bene i passaruota e curare l’estetica, ma come previsto questo peggiora il comfort, soprattutto in occasione di collegamenti o spurghi che si fanno particolarmente sentire nonostante la presenza di una sospensione adattiva M che abbassa di 15 mm l’altezza da terra, cercando di mantenere un buon livello di comfort generale. Un punto a favore, infine, per l’efficace insonorizzazione dei rumori aerei, che consente viaggi rilassanti. Lo stesso vale per il comportamento. Lo sterzo offre una buona consistenza e consente all’X2 di posizionarsi facilmente in curva. Soffre però di un aumento di coppia quando si accelera un po’ troppo, perché non bisogna dimenticare che questa X2 non è propulsione, ma trazione. Ciò induce anche un temperamento sottosterzante, non molto marcato, ma decisamente presente.

-

PREV Questa Cobra da 830 cavalli è la migliore Mustang speciale di tutti i tempi?
NEXT Giornata Mondiale della Fame – 15 giugno 2024