Ecco come ricevere la pensione completa senza lavorare quando non hai contribuito abbastanza

Ecco come ricevere la pensione completa senza lavorare quando non hai contribuito abbastanza
Ecco come ricevere la pensione completa senza lavorare quando non hai contribuito abbastanza
-

A seconda dell’anno di nascita, è necessario un certo numero di trimestri per beneficiare di una pensione completa. Per chi non desidera prolungare la propria attività professionale, ecco come acquisire i trimestri mancanti.

A seguito della riforma pensionistica che innalza l’età pensionabile legale da 62 a 64 anni, molti lavoratori sono costretti a prolungare la propria vita lavorativa per ottenere una pensione completa. Le persone nate nel 1956 o 1957 devono avere un totale minimo di 166 trimestri, ovvero 41 anni e mezzo di contributi. Tuttavia, con la nuova normativa, la maggioranza dei lavoratori dovrà raggiungere i 43 anni.

I dipendenti che non completano il numero di trimestri richiesto non possono richiedere la pensione completa. In questa situazione, subiranno una riduzione definitiva dell’importo della pensione. Ma per evitare danni finanziari hanno a disposizione tre opzioni: accettare di lavorare fino al completamento dei trimestri mancanti, rinviare il pensionamento fino all’età della tariffa piena automatica fissata a 67 anni, oppure procedere al riscatto dei trimestri inadempienti.

In effetti, il riacquisto dei trimestri è un’opzione per raggiungere il periodo contributivo richiesto senza dover prolungare la carriera. Tuttavia, il numero di trimestri riscattabili è limitato. Nel settore privato sono ammissibili solo gli anni di istruzione superiore, i tirocini studenteschi e gli anni incompleti in termini di contributi. Si tratta degli anni di studio che portano al diploma così come delle classi preparatorie agli esami di ammissione alle Grandes Ecoles. Per quanto riguarda i tirocini, si tratta di quelli svolti in un corso di formazione superiore a partire dal 15 marzo 2015. Infine, gli anni incompleti corrispondono a quelli che non hanno consentito la convalida di 4 mandati, ad esempio per lavoro part-time, lavoro interinale, lavoro stagionale. , attività studentesca o disoccupazione non compensata.

Il riscatto è possibile dai 20 ai 67 anni, entro un massimo di 12 trimestri. Il prezzo per un periodo varia a seconda dell’età e del reddito. Sul sito dell’Assicurazione Pensione è disponibile un simulatore che copre i dipendenti del settore privato, i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, dirigenti d’azienda) e i lavoratori a contratto del pubblico impiego. Permette di ottenere una stima precisa del costo di riacquisto. Dovresti contare su un budget minimo di 1000 euro a trimestre, la tariffa applicabile ai giovani lavoratori che ricevono una retribuzione modesta.

Va notato che il riacquisto è limitato a 12 trimestri e che, sebbene consenta di evitare uno sconto, non può tuttavia superare il periodo contributivo richiesto in funzione dell’anno di nascita e quindi generare un premio. Inoltre, le somme destinate al riscatto dei trimestri sono deducibili dal reddito imponibile. Nel servizio pubblico, le normative differiscono leggermente, poiché il riacquisto è limitato ai soli anni di istruzione superiore.

-

PREV Lancio dell’Apple Vision Pro in Francia: i nostri schermi sono destinati a scomparire?
NEXT prezzo e disponibilità, tutto quello che devi sapere