Boeing: il secondo informatore muore dopo aver contratto un’infezione “improvvisa e rapida”.

Boeing: il secondo informatore muore dopo aver contratto un’infezione “improvvisa e rapida”.
Boeing: il secondo informatore muore dopo aver contratto un’infezione “improvvisa e rapida”.
-

Gli affari continuano ad accumularsi alla Boeing. Oltre ai numerosi problemi tecnici rilevati sui dispositivi del produttore americano negli ultimi mesi, è morto in modo inquietante un secondo informatore che aveva sporto denuncia nei suoi confronti.

Lo scorso 30 aprile, Joshua Dean, 45 anni, è morto dopo due settimane in condizioni critiche legate a un’infezione batterica (MRSA), riferiscono i media americani Il Seattle Times. Secondo chi è vicino a Joshua, questo ex revisore dei conti della qualità presso Spirit AeroSystems, un fornitore di Boeing, era “ in buona salute ed era noto per il suo stile di vita sano “.

Ha lottato per due settimane con difficoltà respiratorie, polmonite e poi un’infezione batterica. veloce e improvviso » riferisce il giornale, che precisa che i medici stavano valutando la possibilità di amputargli gli arti nonostante i loro sforzi per cercare di fermare l’infezione.

Informatore sul 737 MAX

Joshua Dean era un ingegnere meccanico di professione e lavorava presso Spirit dal 2019. Dopo un licenziamento dovuto al Covid, è tornato in azienda nel 2021 con lo status di auditor della qualità. Alla fine del 2022 ha evidenziato al suo management i difetti di aver praticato dei buchi nelle partizioni del 737 MAX.

Spirit ha poi licenziato il revisore dei conti nell’aprile 2023. Quest’ultimo ha poi presentato una denuncia al Dipartimento del Lavoro sostenendo che questo licenziamento era direttamente collegato a quanto da lui segnalato. Ha anche testimoniato in una causa e ha presentato una denuncia alla Federal Aviation Administration denunciando un “ comportamento serio e serio da parte del senior management della qualità della linea di produzione del 737” Di Spirito.

Dean era rappresentato dallo stesso studio legale di un altro informatore della Boeing, John “Mitch” Barnett. Questo ex responsabile della qualità presso lo stabilimento di North Charleston che produceva il 787 Dreamliner è morto il 9 marzo nella sua auto. Egli fece https://twitter.com/BBCWorld/status/1767299166781268448?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1767299166781268448%7Ctwgr%5E294284e8345bd878cb7dc6c4b00ef46ef662d531%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.lavoixdunord.fr%2F1439668%2Farticle%2F2024-03-12%2Fil-avait-temoigne-contre-boeing-un-ancien-responsable-de-qualite-de-l-entreprise già nel 2019 e aveva testimoniato nuovamente in una causa contro la sua ex azienda pochi giorni prima della sua morte. Si predilige l’ipotesi del suicidio con arma da fuoco ma le indagini sono ancora in corso e uno degli avvocati di Joshua Dean preferisce non ipotizzare un potenziale legame tra le due morti.

Il portavoce di Spirit ha inviato i suoi pensieri alla famiglia di Joshua Dean.

A metà aprile, quattro informatori, tra cui un ingegnere ed ex dipendenti della Boeing, hanno testimoniato davanti a una commissione investigativa del Senato degli Stati Uniti per mettere in guardia su “problemi seri» produzione dei velivoli Boeing 737 MAX, 787 Dreamliner e 777.

-

PREV La Colombia taglia i rapporti diplomatici con Israele
NEXT Il settore privato lavora più del settore pubblico, con 1968 ore lavorative all’anno (Rapporto)