nel finale, la fortezza dell’Espérance attacca la piramide di Al Ahly

nel finale, la fortezza dell’Espérance attacca la piramide di Al Ahly
nel finale, la fortezza dell’Espérance attacca la piramide di Al Ahly
-

Nel 2019, durante la sua ultima incoronazione in Champions League, l’Esperance de Tunis si è presa il tempo per assaporare appieno la sua vittoria contro il Wydad. Dopo l’andata a Casablanca (1-1), il ritorno è stato davvero caotico con una partita interrotta al 58′ con il punteggio di 1-0 per i tunisini. Alzeranno la Coppa, ma aspetteranno quasi quattro mesi, tra i rinvii della CAF e la decisione del Tribunale Sportivo, per essere sicuri di aver vinto la loro quarta Champions League.

Sperano che questo ritorno in finale sia meno stressante. Questo sabato 18 maggio alle 19:00, l’Espérance de Tunis intende fare un’opzione ospitando allo stadio Radès l’andata della finale di Champions League contro l’Al Ahly. Per iniziare bene l’ottava finale della loro storia, i Sang et Or dovranno prima fare affidamento sulla loro solidità difensiva in Champions League, con nove partite di fila senza subire gol (serie attuale). Dalla seconda giornata del girone e dalla sconfitta (3-1) in casa dei sudanesi Al Hilal, l’Esperance non ha subito un solo gol.

Sesto faccia a faccia
La “preoccupazione” è che, al contrario, anche Al Ahly rimane nella stessa incredibile serie di 9 reti inviolate di fila. Meglio ancora, gli egiziani hanno subito solo un gol in questa stagione in Champions League e sono 18 partite senza sconfitte in C1.

L’Esperance dovrà quindi abbattere una montagna, per non dire una grande piramide, per vincere la quinta Champions League della sua storia. Oggi la squadra ha il miglior profilo per abbattere l’orco egiziano. Perché dopo l’Al Ahly (14 finali), l’Esperance è il secondo club africano ad aver giocato più finali di Champions League nella storia (8).

Questa sarà la sesta volta che Esperance e Al Ahly si incontreranno nella finale di Champions League; gli egiziani conducono 3-2 nelle vittorie. Entrambe le squadre si sono già qualificate per il nuovo Mondiale per Club, che si svolgerà a giugno 2025 negli Stati Uniti.

-

PREV La Guinea finalmente trionfa ai Mondiali di Orléans
NEXT Europei: l’Italia vacilla dal 23esimo secondo, poi si riprende e batte l’Albania 2 a 1