La società indiana IIFL Finance si trova ad affrontare una crisi di liquidità a seguito delle restrizioni sulle attività di prestito di oro, dicono alcune fonti

La società indiana IIFL Finance si trova ad affrontare una crisi di liquidità a seguito delle restrizioni sulle attività di prestito di oro, dicono alcune fonti
Descriptive text here
-

L’IIFL Finance dell’India si trova ad affrontare una crisi di liquidità poiché le banche sono diventate caute nel concedere prestiti a seguito di un giro di vite sulle attività di prestito di oro da parte di prestatori non bancari, hanno detto ai banchieri un alto funzionario e due funzionari.

“Le banche non concedono nuove linee (di credito) e non erogano importi già concessi”, ha detto il funzionario della società, che ha voluto restare anonimo.

Le banche hanno smesso di concedere prestiti all’IIFL Finance per le sue attività legate all’oro e ad altre attività, ha detto il funzionario, aggiungendo che si prevede che l’impatto delle restrizioni sull’attività complessiva sarà dell’ordine di 5 miliardi di rupie.

IIFL Finance non ha risposto immediatamente a un’e-mail di Reuters in cerca di commenti.

All’inizio di marzo, la Reserve Bank of India (RBI) ha ordinato all’IIFL Finance di interrompere le sanzioni, l’erogazione e la vendita di prestiti in oro, citando “problemi di vigilanza significativi” nel suo portafoglio di prestiti in oro.

Subito dopo le restrizioni, IIFL Finance ha annullato una prevista raccolta fondi di obbligazioni da 400 milioni di dollari.

Il suo maggiore azionista, Fairfax India, ha accettato di fornire fino a 200 milioni di dollari in liquidità per alleviare le preoccupazioni. Da allora la società ha raccolto 5 miliardi di rupie tramite obbligazioni e sta cercando di raccogliere 12,72 miliardi di rupie attraverso un’emissione di diritti di azioni.

“Le banche sono attualmente in una posizione di attesa e aspettano che il polverone normativo si dissolva prima di esporsi ulteriormente”, ha detto un funzionario della banca statale.

“Anche se il cofinanziamento dovrebbe riprendere automaticamente una volta revocato il divieto della RBI, per ora ci teniamo lontani dai prestiti a termine.

Le banche prestano fondi congiuntamente nell’ambito di un accordo di cofinanziamento per distribuire il rischio di credito. Al 31 dicembre, il 57% dei prestiti totali di IIFL Finance proveniva da banche.

I banchieri hanno voluto restare anonimi perché non sono autorizzati a parlare con i media.

Secondo l’agenzia di rating ICRA, IIFL Finance aveva un saldo di cassa e liquidità non gravato di circa Rs 40,35 miliardi al 5 marzo.

“La riduzione della liquidità sta arrivando più velocemente del previsto poiché anche altre attività dell’azienda devono sopravvivere”, ha affermato la fonte dell’azienda.

Il secondo banchiere ha detto che voleva evitare di concedere prestiti a un’entità che è nel mirino dell’autorità di regolamentazione.

“Con l’aumento del controllo normativo sulle banche, preferiremmo sospendere temporaneamente i nostri prestiti finché non avremo chiarezza su come la società affronta i problemi di conformità e prevede di riavviare le operazioni”, ha affermato il banchiere.

($ 1 = 83,4460 rupie indiane) (Segnalazione di Siddhi Nayak e Swati Bhat; Montaggio di Mrigank Dhaniwala)

-

PREV Borsa di Zurigo: l’SMI si avvicina ai 12.000 punti, sostenuto da Roche
NEXT “Dopo aver annullato il viaggio, ho ricevuto una fattura di 960 euro”