“Tutto sta andando in pezzi”: Ibiza è l’ultima destinazione spagnola a combattere l’overtourism

“Tutto sta andando in pezzi”: Ibiza è l’ultima destinazione spagnola a combattere l’overtourism
“Tutto sta andando in pezzi”: Ibiza è l’ultima destinazione spagnola a combattere l’overtourism
-

Un’insegnante locale vola ogni giorno da e per Ibiza perché non può permettersi di vivere sull’isola.

ANNUNCIO

Il turismo priva la gente del posto dell’opportunità di vivere a Ibizadicono gli attivisti.

Gli attivisti scenderanno in piazza questo fine settimana per protestare contro quelli che chiamano gli aspetti negativi del turismo.

Chiudi la pubblicità

Secondo Prou Ibiza (“Basta con Ibiza” in catalano), infermieri e agenti di polizia devono vivere in auto e roulotte perché gli alloggi sono inaccessibilie le operazioni e le cure contro il cancro sono state ritardate perché i medici non possono permettersi di vivere sull’Isola Bianca.

Gli attivisti chiedono alle autorità di limitare il numero di posti letto per turisti a Ibiza, una delle località balneari più apprezzate della Spagna.

Manifesteranno oggi davanti agli uffici governativi dell’Isola Bianca. Nel fine settimana sono previste proteste anche a Maiorca e Minorca.

Non siamo contrari al turismo stesso

Rafael Jimenez, portavoce di Prou ​​Ibiza, è un agente di polizia locale originario diIbiza che si stabilirono in Aragona, sulla terraferma spagnola, dopo averne abbastanza del turismo di massa.

Non siamo contrari al turismo in sé. Non abbiamo nulla contro le persone che vengono a rispettare la nostra isola“, spiega a Euronews Travel.

“Uno degli effetti collaterali del turismo di massa è l’aumento dei prezzi degli immobili. Tutti hanno la sensazione che tutto stia andando a rotoli. Più ristoranti richiedono più lavoratori, ma questi lavoratori hanno bisogno di un posto dove vivere e ce ne sono dieci che cercano per ogni posto. Infermieri e poliziotti vivono lì rimorchi.

Il signor Jimenez se n’è andato Ibizadove aveva vissuto gran parte della sua vita, perché “non sopportava più l’atmosfera”.

Ho una casa a Ibiza. Ma non ne potevo più. Abbiamo l’impressione che il turismo stia prendendo il sopravvento sui luoghi pubblici. È molto costoso”Ha aggiunto.

Gli spagnoli viaggiano avanti e indietro da Ibiza per lavoro

Karla Andrade, 36 anni, insegnante e madre che lavora presso Ibizasi è trasferito a Palma da Maiorca. Vola a Ibiza piuttosto che pagare l’alto affitto dell’isola.

Prende 40 voli al mese e si alza alle 6 del mattino per andare al lavoro.

“Non potevo permettermi di vivere a Ibiza dato il costo delle case” ha detto ad Atena 3, canale televisivo spagnolo.

Ne è convinto Ivan Fidalgo, dell’Associazione della Guardia Civile delle Isole Baleari l’aumento dei costi immobiliari danneggia i servizi pubblici.

Vendono Ibiza come a località balneare di prima classe, ma non lo è, perché non ci sono nemmeno i servizi pubblici perché non c’è abbastanza gente che ci lavori.”spiega a Euronews Travel.

Le Isole Baleari, che lo scorso anno hanno attirato 17,8 milioni di turisti, sono la seconda destinazione più popolare in Spagna dopo le Isole Canarie.

Il turismo crea 200.000 posti di lavoro a livello locale e genera entrate per 16 miliardi di euro ogni anno, ovvero 45% del prodotto interno lordo delle isole.

Il turismo di massa suscita un crescente malcontento in Spagna

Ibiza non è il primo posto in Spagna per contrastare la pressione esercitata dal crescente numero di turisti.

ANNUNCIO

HA Tenerifeuna delle Isole Canarie, anche i residenti sarebbero costretti a farlo dormire in macchine e cavernel’alloggio viene preso in carico dalle organizzazioni turistiche.

Nella città costiera di Malagai residenti hanno copriva le pareti e le porte con adesivi recanti iscrizioni come “vai a casa, cazzo” (a tu puta casa) e “gatto il turista” (apestando a turista).

In una delle destinazioni turistiche più apprezzate d Minorcail cattivo comportamento dei turisti ha portato la gente del posto a farlo limitare gli orari di visita.

-

NEXT Un candidato municipale assassinato in Messico, più di venti in totale