Per i taiwanesi la Cina sta semplicemente “mostrando i muscoli”

Per i taiwanesi la Cina sta semplicemente “mostrando i muscoli”
Per i taiwanesi la Cina sta semplicemente “mostrando i muscoli”
-

Mentre giovedì navi da guerra e aerei cinesi circondavano Taiwan, la gente e i canali televisivi non sembravano allarmati dalla situazione nello stretto.

Sul canale di notizie TVBS, le notizie sulle esercitazioni militari di Pechino sono state rapidamente spazzate via da argomenti come la proposta di vietare le sirene delle ambulanze o uno scandalo che coinvolge un ristorante e un influencer.

Il Ministero della Difesa taiwanese ha “condannato fermamente” queste esercitazioni e ha annunciato di aver “schierato forze marittime, aeree e terrestri per difendere la libertà, la democrazia e la sovranità” del territorio.

“Comportamento militare provocatorio” da Pechino

Taiwan “difenderà i valori della libertà e della democrazia”, ha affermato il suo presidente Lai Ching-te. “Sarò in prima linea con i nostri fratelli e sorelle nell’esercito per difendere insieme la sicurezza nazionale”, ha aggiunto. Poco prima, un portavoce della presidenza taiwanese aveva deplorato “il comportamento militare provocatorio” di Pechino.

Gli uominiœLe operazioni militari di Pechino sono iniziate alle 7:45 di giovedì (23:45 GMT di mercoledì) e dovrebbero durare fino a venerdì. Essi giungono tre giorni dopo il discorso d’insediamento del presidente Lai Ching-te, che la Cina ha percepito come una “ammissione dell’indipendenza di Taiwan”. La Cina minaccia da tempo di usare la forza per portare Taiwan sotto il suo controllo, in particolare se l’isola dichiarasse l’indipendenza. E Xi Jinping ha intensificato le sue dichiarazioni secondo cui “l’unificazione” è “inevitabile”.

“Quello che vogliono veramente è la riunificazione, il che significa che vogliono divorarci”, spiega un tassista di Taipei, che dice di chiamarsi Hung. Questo sessantenne mette in ridicolo le esercitazioni di Pechino affermando che “stanno solo provocando agitazione” e “non inizieranno una guerra”. Se davvero volessero attivarlo, “sarebbero dei missili che sorvolerebbero” Taiwan, aggiunge.

“Per favore, lasciate le nostre acque limitate il prima possibile”

Le precedenti esercitazioni militari cinesi su larga scala intorno a Taiwan si sono svolte nell’agosto 2023, un “severo avvertimento” secondo Pechino dopo una visita dell’allora vicepresidente Lai negli Stati Uniti. Anche Pechino aveva lanciato l’uomoœLavori di portata storica nell’agosto 2022 in seguito alla visita all’isola di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

La nuova serie di esercitazioni si è svolta giovedì nello Stretto di Taiwan, nel nord, nel sud e nell’est dell’isola di Taiwan, nonché nelle aree intorno alle isole di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin. Queste ultime isole si trovano nelle immediate vicinanze della costa orientale cinese.

La guardia costiera di Pechino ha detto venerdì di aver rafforzato i pattugliamenti nelle acque di Kinmen, 140 chilometri a ovest di Taiwan. Tra le sei e le undici navi cinesi “circondano” queste isole ogni giorno, ha detto lunedì il capo della guardia costiera di Taiwan.

Il filmato diffuso dalla guardia costiera taiwanese mostra gli ufficiali che ordinano alle navi cinesi di lasciare l’area tramite un altoparlante. “I vostri movimenti influiscono sull’ordine e sulla sicurezza del nostro Paese, per favore tornate indietro e lasciate le nostre acque limitate il prima possibile”, proclama uno degli ufficiali in un video pubblicato dalla guardia costiera sui social media. Anche la Guardia costiera di Taiwan ha schierato la sua flotta in mare.

Parlando a Canberra, il generale americano Stephen Sklenka ha descritto la situazione come “preoccupante”. La televisione statale cinese CCTV ha pubblicato una mappa che mostra le nove aree in cui si stanno svolgendo le esercitazioni. Il più vicino all’isola di Taiwan risulta essere situato a meno di 50 chilometri dalla costa.

“È la vita di tutti i giorni”

Per Puang Chang, guida turistica di Kinmen, “è la vita di tutti i giorni”. “Questa situazione non mi stressa. Non credo che la Cina lancerebbe un attacco”, confida. I turisti che lo accompagnavano giovedì faticavano a vedere, a causa della nebbia, i grattacieli della megalopoli cinese di Xiamen, a cinque chilometri in linea d’aria.

A Taipei, Lin, un’impiegata di 49 anni che non ha voluto rivelare il suo nome completo, liquida la situazione, sostenendo che “oggi i mercati finanziari sono stabili”. Giovedì la Borsa di Taiwan ha chiuso leggermente in rialzo.

Quel giorno le esercitazioni militari non erano tra i 18 argomenti più cercati a Taiwan su Google. Candice Chen, 41 anni, spiega che personalmente è “più preoccupata” per gli accesi dibattiti nel parlamento di Taiwan che per le esercitazioni militari cinesi.

Lunedì, all’indomani dell’insediamento del nuovo presidente, l’opposizione ha presentato un progetto di legge volto ad estendere i poteri del Parlamento, che il partito al governo contesta e ritiene imposto senza un’adeguata consultazione. Per questo quarantenne che lavora nell’e-commerce la Cina sta solo “mostrando i muscoli”. “Invece di preoccuparmi di tutto questo, dovrei semplicemente vivere la mia vita”, dice.

Sostieni Epoch Times a partire da 1€

Come puoi aiutarci a rimanere informati?

Epoch Times è un mezzo di informazione libero e indipendente, che non riceve alcun sostegno pubblico e non appartiene ad alcun partito politico o gruppo finanziario. Fin dalla nostra creazione, abbiamo dovuto affrontare attacchi ingiusti volti a mettere a tacere le nostre informazioni, in particolare sulle questioni relative ai diritti umani in Cina. Per questo contiamo sul vostro sostegno per difendere il nostro giornalismo indipendente e continuare, grazie a voi, a far conoscere la verità.

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India