SENEGAL-FRANCE-PERSPECTIVES / Samira Djouadi si batte per una migliore integrazione degli imprenditori binazionali – Agenzia di stampa senegalese

-

Dakar, 23 giu. (APS) – Samira Djouadi, unica candidata del Movimento Ensemble pour la République (maggioranza uscente) nella 9a circoscrizione elettorale in rappresentanza dei francesi stabiliti nel Maghreb e nell’Africa occidentale, ha sottolineato sabato a Dakar la necessità di rafforzare il partenariato tra Francia e Senegal, in particolare per facilitare l’integrazione degli imprenditori binazionali.

”Cercheremo di rafforzare questa partnership tra Senegal e Francia affinché gli imprenditori possano fare affari a Dakar e in altre città in modo tranquillo. In Senegal, a differenza degli altri paesi del 9° distretto, il 60% dei francesi ha la doppia cittadinanza”, ha spiegato.

Samira Djouadi è in viaggio di due giorni a Dakar, con la sua vice Léa Diani, nell’ambito della campagna per le elezioni legislative. Ha intenzione di interagire con gli elettori francesi residenti a Dakar, Saint-Louis e Saly Portudal.

Il Senegal conta 17.000 elettori che voteranno al liceo Jean Mermoz (Dakar) per queste elezioni legislative, il cui primo turno è previsto per il 30 giugno e il 7 luglio per il secondo turno.

”Gli imprenditori sono venuti per stabilirsi [au Sénégal] perché per loro il ritorno nel paese d’origine dei genitori era molto importante. Vengono per fornire competenze e per co-costruire con i senegalesi nati in Francia”, ha affermato Samira Djouad.

Invita le autorità consolari ad avvicinarsi a questi cittadini francesi per facilitare loro le procedure amministrative.

“Dovremo pensare a come facilitare loro questa integrazione sia a livello amministrativo ma anche finanziario perché un imprenditore ha bisogno di essere sostenuto”, ha spiegato considerando che il problema dei visti preoccupa anche i cittadini con doppia cittadinanza i cui genitori non sono francesi.

”Dobbiamo fermarci. Ci sono cose che possiamo fare in modo molto semplice per ristabilire questo rapporto e permettere ai genitori di visitare i loro figli”, ha detto, promettendo di proporre “idee molto concrete in questo ambito se sarà eletta alla fine del mandato”. lo scrutinio.

La nona circoscrizione comprende 16 paesi dell’Africa occidentale e del Maghreb (Algeria, Marocco, Libia, Tunisia, Burkina Faso, Mali, Niger, Mauritania, Capo Verde, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau, Senegal, Sierra Leone, Costa d’Avorio, Liberia ).

FD/AKS

-

PREV Giornate del Patrimonio 2024: luoghi da scoprire a Neuilly-sur-Marne (93)
NEXT 3 bambini morti, la pista criminale preferita