Incendi e rischi di inondazioni minacciano il Nuovo Messico

Incendi e rischi di inondazioni minacciano il Nuovo Messico
Incendi e rischi di inondazioni minacciano il Nuovo Messico
-

I circa 1.000 vigili del fuoco mobilitati hanno approfittato della temperatura intorno ai 20°C, degli acquazzoni sparsi e del vento leggero per scavare con le ruspe le linee di protezione. Altri equipaggi hanno utilizzato pale su terreni più accidentati per combattere gli incendi vicino al villaggio di montagna di Ruidoso.

Secondo il National Interagency Fire Center, il South Fork Fire, che è cresciuto fino a raggiungere una superficie di 67 chilometri quadrati, è stato contenuto per il 26%, mentre il Salt Fire, che ha una superficie di 31 chilometri quadrati, era contenuto per il 7% a partire da sabato mattina.

Secondo l’agenzia, non era previsto il controllo completo degli incendi prima del 15 luglio.

Altrove nel New Mexico, gli allarmi di forti piogge e inondazioni improvvise hanno spinto le autorità a ordinare l’evacuazione obbligatoria venerdì nella piccola città di Las Vegas e nelle comunità vicino ad Albuquerque, a circa 320 km a nord di Ruidoso. Las Vegas ha allestito rifugi per i residenti sfollati e alcuni ordini di evacuazione sono rimasti in vigore anche sabato.

Gli avvisi di inondazioni improvvise sono stati cancellati sabato, anche se il National Weather Service ha affermato che i temporali pomeridiani potrebbero produrre un deflusso eccessivo e ulteriori inondazioni nell’area.

Rischi ancora presenti

Gli incendi hanno distrutto o danneggiato circa 1.400 edifici. Altre ricadute degli incendi – tra cui linee elettriche crollate, linee idriche, fognarie e del gas danneggiate, inondazioni – hanno continuato a “presentare rischi per i vigili del fuoco e il pubblico”, secondo un aggiornamento di sabato del Dipartimento per l’energia, i minerali e le risorse naturali del New Mexico.

Le evacuazioni nelle aree vicino a Ruidoso e le chiusure stradali erano ancora in vigore. A Ruidoso i residenti potranno rientrare lunedì, anche se la vita quotidiana non tornerà alla normalità.

“Dovrai portare cibo per una settimana, dovrai portare acqua potabile”, ha pubblicato su Facebook il sindaco Lynn Crawford.

Giovedì il presidente Joe Biden ha rilasciato una dichiarazione di disastro naturale per alcune parti del New Mexico meridionale, liberando fondi e più risorse per aiutare negli sforzi di recupero, compresi gli alloggi temporanei. Questa dichiarazione consentirà inoltre prestiti a basso costo per coprire proprietà non assicurate e altri lavori di emergenza nella contea di Lincoln e su terreni di proprietà della tribù Mescalero Apache.

L’amministratore dell’Agenzia federale per la gestione delle emergenze, Deanne Criswell, ha incontrato sabato il governatore Michelle Lujan Grisham, Crawford e la presidentessa della tribù Mescalero Apache Thora Walsh Padilla. “Queste comunità hanno il nostro sostegno per tutto il tempo necessario per riprendersi”, ha affermato Criswell sulla piattaforma di social media X.

Gran parte del sud-ovest è stato estremamente secco e caldo negli ultimi mesi. Queste condizioni, insieme ai forti venti, hanno fatto sì che le fiamme andassero fuori controllo, facendo avanzare rapidamente il South Fork Fire verso Ruidoso in poche ore. Le evacuazioni si sono estese a centinaia di case, aziende, un centro medico regionale e l’ippodromo di Ruidoso Downs.

A livello nazionale, quest’anno gli incendi hanno bruciato più di 8.660 miglia quadrate, una cifra superiore alla media decennale, secondo il National Interagency Fire Center.

-

PREV La Corte Suprema americana estende l’immunità presidenziale, una vittoria per Trump
NEXT “So che potevo arrivare fino in fondo”, ha deluso Sylvie Jouart-Fernandez per il suo ritiro