La Cina lancia manovre militari su larga scala intorno a Taiwan, una “punizione” contro il suo nuovo presidente

La Cina lancia manovre militari su larga scala intorno a Taiwan, una “punizione” contro il suo nuovo presidente
La Cina lancia manovre militari su larga scala intorno a Taiwan, una “punizione” contro il suo nuovo presidente
-

“Azioni irrazionali”

Chiamate “Joint Sword-2024A”, queste nuove manovre coinvolgono l’esercito, la marina, l’aeronautica e l’unità missilistica.

L’objectif est de “tester les capacités de combat réelles conjointes des forces du commandement”, a indiqué le porte-parole, à travers notamment “la prise de contrôle de l’ensemble du champ de bataille et des frappes de précision sur des cibles chiavi”.

Il ministero della Difesa taiwanese ha “condannato fermamente” queste manovre cinesi, che ha definito “provocazioni e azioni irrazionali”.

“Abbiamo schierato forze marittime, aeree e terrestri in risposta (…) per difendere la libertà, la democrazia e la sovranità” dell’isola, ha sottolineato.

La guardia costiera taiwanese ha annunciato di aver dispiegato la sua flotta in mare per “difendere fermamente la sovranità e la sicurezza” dell’isola.

La televisione statale cinese CCTV ha pubblicato una mappa che mostra le nove aree in cui si stanno svolgendo esercitazioni militari. Il più vicino all’isola di Taiwan risulta essere situato a meno di 50 chilometri dalla costa.

Lunedì, durante il suo giuramento, Lai Ching-te, descritto in passato da Pechino come un “pericoloso separatista”, ha promesso di difendere la democrazia di fronte a quelle che presenta come minacce cinesi.

Ha invitato Pechino a “fermare le sue intimidazioni politiche e militari”, che vanno avanti da diversi anni.

I separatisti taiwanesi “saranno messi alla berlina della vergogna per la storia”, ha risposto martedì il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

“Il tradimento di Lai Ching-te nei confronti della sua nazione e dei suoi antenati è vergognoso”, ha aggiunto il ministro, che critica in particolare Lai Ching-te per aver voluto approfondire la separazione culturale tra l’isola e il continente.

“Senso vietato”

Questa settimana, la Cina ha anche risposto sanzionando diverse aziende americane che denunciavano la vendita di armi da parte degli Stati Uniti a Taiwan.

Dall’avvento al potere sull’isola di Tsai Ing-wen (2016-2024), il cui partito, lo stesso di Lai Ching-te, considera questo territorio già indipendente, le autorità taiwanesi hanno rafforzato i loro legami con gli Stati Uniti.

“Affidarsi all’estero significa prendere la strada sbagliata”, ha detto giovedì l’esercito cinese in un messaggio che mostra immagini impressionanti e minacciose di aerei da combattimento, navi e un missile che volano via in un pennacchio di fumo.

“La Patria deve essere riunificata e inevitabilmente sarà riunificata”, ha sottolineato.

Le precedenti esercitazioni militari cinesi su larga scala intorno a Taiwan si sono svolte nell’agosto 2023, un “severo avvertimento” secondo Pechino dopo una visita dell’allora vicepresidente Lai negli Stati Uniti.

Prima di ciò, Pechino aveva anche lanciato manovre di portata storica nell’agosto 2022 dopo la visita sull’isola di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

“L’attuale esercitazione si chiama Joint Sword-2024A, il che significa che probabilmente ce ne saranno diverse quest’anno”, la “A” suggerisce che si tratta della prima di una serie di manovre, indica l’analista Bill Bishop nella sua newsletter Sinocism.

Un conflitto aperto nello Stretto di Taiwan, anche se la maggior parte degli esperti esclude questa ipotesi nel breve termine, avrebbe un effetto devastante sull’economia: più del 50% dei container trasportati nel mondo transitano per questo stretto e l’isola ne produce il 70%. dei semiconduttori del pianeta.

-

PREV il tasso di disoccupazione sfiora l’80%
NEXT 24 Ore di Le Mans – Hyperpole gratificante per Alpine: “Sono soddisfatto di vedere che siamo sul passo”