Matthieu Pavon, 2° agli US Open, domenica nella partita finale con Bryson DeChambeau

Matthieu Pavon, 2° agli US Open, domenica nella partita finale con Bryson DeChambeau
Matthieu Pavon, 2° agli US Open, domenica nella partita finale con Bryson DeChambeau
-

Quella domenica 16 giugno 2024 rimarrà qualunque cosa accada nella storia del golf francese. Mai un golfista francese è stato invitato alla parte finale degli US Open. Matthieu Pavon ci è riuscito restituendo una terza carta sotto il par (69, -1) questo sabato ed è insieme a Bryson DeChambeau, leader con tre colpi di anticipo, che partirà per l’ultimo round. Il giocatore del Bordeaux succede così a Jean Van de Velde, l’ultimo azzurro ad aver ottenuto tali successi durante il British Open del 1999.

Partendo a pieni voti, come nel suo secondo giro, Pavon ha piazzato un birdie sulla buca numero 1, seguendo uno splendido approccio piazzato a meno di due metri dalla bandiera. Dopo tre par consecutivi, il vincitore del Farmers Insurance Open di Torrey Pines all’inizio della stagione si è ripetuto a 5, centrando il green di questo par 5 in due colpi. Grazie ad un due putt perfettamente negoziato, “La Pav” aveva già un secondo birdie. Proprio nel mezzo quantità di motoil 31enne ha poi stretto il pugno dopo aver affondato un magnifico putt da oltre sei metri a 7, aggiungendo l’ennesimo tocco di rosso al suo cartellino.

Non potevo sognare di meglio (…) Poter condividere una partita finale in una Major, questo è ciò per cui ho lavorato tutta la mia vita.

Con questo terzo birdie e i due par assicurati alle buche 8 e 9, il 24esimo giocatore al mondo ha preso temporaneamente il comando alla fine della sua prima tappa. Il suo ritorno è stato un po’ più complicato. Un tre putt alle 11 gli è costato uno spauracchio, poi ha commesso un altro errore alle 16, intrappolato nel bunker a sinistra del green. Solido nella finale, Matthieu Pavon è uscito con un ottimo punteggio di 69 che lo ha mantenuto in seconda posizione (-4 in totale), a pari merito con Patrick Cantlay e Rory McIlroy. “Il corso è molto difficileha analizzato al microfono di Canal Plus. Bisogna mantenere la calma e cercare di gestire al meglio quando si rischia di perdere un green, cercare sempre di trovarsi sempre nel posto giusto, non esporsi mai veramente ai grandi numeri. E’ proprio la cosa da evitare, uno spauracchio a cui puoi sempre rimediare, raddoppia, tripla, costa davvero molto. Sono arrivato con aspettative molto basse, vale a dire concentrarmi davvero sul mio processo e fare un buon lavoro con il mio caddie e questo è stato un giorno fantastico. »

Caldo, il fatto di ritrovarsi nell’ultima parte di un Major non gli ha dato davvero le vertigini che questa impresa rappresenta, soprattutto in uno US Open e in compagnia di un americano che si farà spingere da un intero popolo. “È semplicemente divertente, è davvero fantasticodisse Pavon con calma. Non avrei potuto sognare niente di meglio. Già la mia esperienza al Masters, ritrovarmi nelle ultime parti di un Major è stata eccezionale, sentire questa atmosfera, questo fervore del pubblico, quindi poter condividere un’ultima partita in un Major, è quello per cui ho lavorato tutta la vita. Poter farlo qui è davvero fantastico, mi divertirò (…) Avevo perso un po’ di vista me stesso in queste ultime settimane, non mi divertivo proprio, avevo aspettative che erano troppo alto, non giocavo per il mio piacere, giocavo a golf per altri motivi. Penso di essere riuscito a concentrarmi nuovamente su ciò che è essenziale per me e sul motivo per cui amo così tanto questo sport. E ovviamente sembra che funzioni questa settimana. »

DeChambeau ha ispirato, Scheffler ha cancellato

Tra i big con cui Pavon è alla pari, McIlroy ha chiuso la sua giornata commovente con il suo stesso punteggio (69, quattro birdie, due spauracchi). Ma per ritrovare il gusto della vittoria in un Major (sensazione che aspettava da dieci anni), il nordirlandese dovrà anche recuperare tre punti di svantaggio nei confronti di un impressionante Bryson DeChambeau. L’americano ha aspettato di concedere uno spauracchio a 4 prima di iniziare definitivamente la sua giornata. Successivamente, il membro della LIV ha accumulato cinque birdie, con chip di precisione (5 e 10) e putt perfettamente misurati (7, 11 e 14) per raggiungere la vetta della classifica.

Il vincitore degli US Open 2020, però, ha commesso un errore per la prima volta da inizio settimana al 16, con un approccio troppo breve, punito da un doppio spauracchio. Un errore subito cancellato da DeChambeau, autore di un birdie finale al 17, che gli ha permesso di mettere a segno un cartellino da 67 (-7 totale).

66

Come la carta più bella di questo 3° giro, autografata da Collin Morikawa. Quest’ultimo torna alla 9a posizione (per totale)

Molto più lontano, Scottie Scheffler ha concluso un tiro sopra il par questo sabato (71, tre spauracchi, due birdie). Il numero 1 del mondo è al 42esimo posto (+6) e non avrà voce in capitolo nella confezione finale.

-

PREV PSG: Due rinforzi arriveranno tardi
NEXT PSG: Le cose si muovono per questo trasferimento da 60 milioni di euro