Émilie e Louis Labbé nuovi proprietari di Genévrier

Émilie e Louis Labbé nuovi proprietari di Genévrier
Émilie e Louis Labbé nuovi proprietari di Genévrier
-

Non è un disastro naturale a fermare la famiglia Labbé. L’albero di Ginepro passa nelle mani di un 3e generazione. Da ieri Louis e Émilie Labbé sono i nuovi proprietari.

Questa transazione avrebbe dovuto avvenire l’anno scorso. Pochi giorni prima della firma dei documenti, gli elementi si scatenarono. Prima di pensare alla vendita, la famiglia Labbé ha dovuto decidere sul futuro del campeggio.

“È evidente che le inondazioni hanno reso gli affari più complessi”, ammette Bruno. “Cambia anche la visione”, aggiunge Louis Labbé.

L’importo della transazione non è stato rivelato. I progetti stanno già germogliando. Saranno confermati quando tutti i fili saranno stati legati.

Louis Labbé gestisce il campeggio da tre anni. Non sente alcuna pressione da quel lato. Ma il suo cognome abbinato all’ammiraglia appena acquistata “gli dà una bella carica”, ammette. “Rilevare l’attività costruita dalla mia famiglia è motivo di grande orgoglio. Inoltre, lo faccio con mio cugino. Ci completiamo a vicenda”, aggiunge.

Émilie Labbé frantuma il soffitto di vetro. È la prima Labbé di questa famiglia a diventare imprenditrice. “La mia bisnonna Elmina Fortin aveva le idee e decideva, ma tutto era a nome di suo marito Stanislas Labbé”, ricorda.

Non ha mai pensato di arrendersi dopo il disastro dell’anno scorso. “Mi dispiaceva per mio padre e i miei zii. Sono felice di vedere che tutti si sono ripresi qui come altrove. Abbiamo l’energia dei nostri 30 anni, quindi ce la mettiamo tutta”, dice la giovane donna.

Un piccolo incontro ha riunito la famiglia Labbé.

Per i campeggiatori la transazione non cambia assolutamente nulla. Continuerai a vedere le stesse facce sul sito. “Non lasceremo il campeggio”, ha detto Paul Labbé a margine di un incontro in cui è stata illustrata l’operazione. “I miei zii e mio padre rimangono preziosi consiglieri. Mi hanno insegnato i valori dell’azienda. Non è nel loro stile interpretare la suocera”, dice ridendo.

I sentimenti erano contrastanti. L’orgoglio di vedere i 3e generazione che prendeva le redini del campeggio era palpabile. Allo stesso tempo, per i fratelli Bruno, Dominic, Paul, Raymond, Jean, Michel e Robert si apre un’intera pagina di storia. Sono cresciuti in questo campeggio che in seguito hanno trasformato in una fiorente attività.

Molti ricordi ed emozioni tornarono nei fratelli Labbé con il passaggio del potere. Saranno ancora a casa a Juniper, tranne per il fatto che i loro obblighi saranno scomparsi. Non tutto. Rimangono tuttora i proprietari della Laiterie Charlevoix.

-

PREV Mercato: dà appuntamento al PSG per il trasferimento
NEXT Il Real Madrid si oppone alla partecipazione di Brahim Diaz alle Olimpiadi