Falsità della RN n°6: “Un “prezzo francese” dell’elettricità abbasserebbe la bolletta”

Falsità della RN n°6: “Un “prezzo francese” dell’elettricità abbasserebbe la bolletta”
Falsità della RN n°6: “Un “prezzo francese” dell’elettricità abbasserebbe la bolletta”
-

Troppo alto il discorso sulla bolletta energetica, nel programma di un Raduno Nazionale (RN) che punta a farlo “Rendere la Francia un paradiso energetico”rientra saldamente nella serie “è colpa di Bruxelles”.

Il metodo promesso sembra semplice sulla carta: “Troviamo innanzitutto un prezzo francese per l’elettricità, liberandoci dalle regole del mercato energetico europeo. » Il ripristino del prezzo francese dell’elettricità ridurrebbe quindi il prezzo degli elettroni dal 30 al 40%, secondo il programma di Jordan Bardella.

Dall’inizio della crisi energetica il mercato europeo è stato accusato di numerosi mali. Mentre la Francia produce elettricità a basso costo grazie al nucleare e all’energia idraulica (che rappresentano la maggior parte del mix elettrico nazionale), il prezzo francese dell’elettricità è indicizzato al costo dell’elettrone prelevato dalle centrali a gas e carbone dei nostri vicini, e fa salire alle stelle la nostra bolletta.

Per rimediare a ciò, basterebbe quindi fissare il prezzo dell’elettricità in base al costo di produzione francese per abbassare i prezzi. È così semplice?

Garantire l’interconnessione

Ricordiamo innanzitutto come si forma il prezzo dell’elettricità. Questa energia è molto particolare perché non può essere immagazzinata e la produzione deve essere sempre uguale al consumo, altrimenti si avrà un blackout diffuso. Quindi, tra una turbina eolica, una centrale nucleare, una diga idroelettrica o una centrale a gas o carbone, il prezzo di produzione varia molto.

Per ottenere lo stesso prezzo ed equilibrare la rete, è quindi in ogni momento l’unità più economica disponibile a produrre un elettrone in più che è chiamato a rispondere alle variazioni di consumo.

Pertanto, nel cuore della notte, quando la domanda è bassa, funzionano solo le turbine eoliche e alcune dighe. Poi, quando tutti si alzano, accendono il tostapane, la macchina del caffè e i TGV si avviano, le centrali nucleari funzionano a potenza più elevata e le centrali a gas bruciano carburante per alimentare la rete.

È il costo di produzione dell’ultima centrale chiamata a bilanciare la rete a determinare, in ogni momento, il prezzo per l’intero mercato. Le regole del mercato elettrico europeo sono consistite principalmente nell’estendere questi meccanismi all’intero sistema elettrico europeo.

Le reti sono ampiamente interconnesse per ridurre il rischio di interruzioni, ma anche per ottimizzare l’utilizzo della flotta produttiva

Le reti dei diversi Paesi sono infatti in gran parte interconnesse per ridurre il rischio di interruzioni, ma anche per ottimizzare l’utilizzo della flotta produttiva. Per consentire ciò, quando la domanda in un paese aumenta, è possibile utilizzare l’impianto più economico disponibile, indipendentemente da quale lato del confine si trovi.

Certamente, ma perché la nostra fattura è determinata dai costi di esercizio delle centrali elettriche a gas tedesche, il cui prezzo dell’elettrone ha seguito l’impennata dei prezzi del gas in un contesto di guerra in Ucraina, mentre il 75% della produzione nazionale è nucleare e idroelettrica?

Già oggi le centrali a gas non sono così marginali nel mix francese (10% della produzione elettrica nel 2022). Soprattutto, la crisi energetica che ha attraversato la Francia non è stata causata solo dall’aumento del prezzo del gas, ma anche dal crollo della produzione nucleare del paese. Manutenzione, problemi di corrosione: più della metà delle centrali elettriche francesi erano indisponibili durante il picco della crisi energetica.

Nel 2022 la produzione da atomi è scesa del 30% rispetto alla media degli ultimi vent’anni. E, per la prima volta in più di quarant’anni, la Francia ha esportato meno elettricità di quanta ne abbia importata.

Un approccio parziale

In altri termini, in molti momenti della crisi energetica, l’equilibrio della rete francese è stato mantenuto grazie all’importazione di energia dai nostri vicini, e in particolare dalla Germania. I volumi coinvolti non sono trascurabili, perché le importazioni di energia elettrica hanno rappresentato il 12% dei consumi nel 2022. Germania e Belgio da soli hanno rappresentato il 6,8% dei nostri consumi.

Se il gas ha avuto una grande importanza durante la crisi, è perché le centrali elettriche a gas hanno svolto un ruolo importante nel bilanciamento della rete.

Tuttavia, le fonti termiche (gas e carbone) rappresentano ancora rispettivamente il 41% e il 33% del mix europeo. Contrariamente a quanto spesso si afferma, il prezzo dell’elettricità non è indicizzato a quello del gas, ma a quello dell’ultima centrale chiamata. Se il gas ha avuto una grande importanza durante la crisi, è perché le centrali elettriche a gas hanno svolto un ruolo importante nel bilanciamento della rete.

Prendere come riferimento i costi di produzione nazionali quando la flotta del Paese non è in grado di soddisfare la domanda è un approccio parziale: in un modo o nell’altro, il gas bruciato nelle centrali tedesche – che hanno permesso alla rete francese di resistere – deve essere ben pagato.

La situazione oggi è diversa. Il livello di produzione nucleare è aumentato, riducendo così per il momento la nostra dipendenza dal gas, e allo stesso tempo il prezzo di questo combustibile è diminuito. Di conseguenza cala anche il prezzo dell’energia elettrica sul mercato all’ingrosso.

Ricordiamo inoltre che metà della nostra bolletta elettrica è costituita dai costi di utilizzo della rete e dalle tasse. Il prezzo del KWh rappresenta quindi solo una piccola metà della bolletta. Inoltre, nella tariffa elettrica regolamentata (tariffa blu EDF), il prezzo del KWh è pari a due terzi di quello dell’energia nucleare regolamentata, che è fissato e determinato dalla legge.

La quota dipendente dal mercato rappresenta quindi solo un terzo del prezzo del KWh. Sperare in questo modo riduzioni dal 30 al 40% è quindi illusorio. La RN aggiunge sicuramente una riduzione dell’Iva, dal 20 al 5,5%, ma questa imposta rappresenta solo il 15% dell’importo totale della fattura.

Le regole del mercato elettrico europeo non sono esenti da critiche, e sono state infatti oggetto di recenti riforme. Ma non sono l’unica causa delle battute d’arresto vissute dal sistema elettrico francese.

Trova la nostra serie “The 10 principali falsità del Raduno Nazionale »

-

PREV la toccante testimonianza di Ayelet Levy-Shachar, madre di Naama, tenuta in ostaggio da Hamas
NEXT OM: Accordo raggiunto con un marcatore!