Yvelines: prima del Roland-Garros, una stella mondiale del tennis viene a inaugurare i campi a suo nome

-

Di

Massimo Pimont

pubblicato su

22 maggio 2024 alle 19:16

Vedi le mie notizie
Segui 78-

Appena è apparso sul vialetto che porta ai nuovi campi da tennis, c’era già una folla. Questo mercoledì, 22 maggio 2024, a stella mondiale del tennis era in visita a Maisons-Laffitte (Yvelines). Il russo Daniil Medvedev, N. 5 dell’ATP e vincitore degli US Open 2021è stato presente per inaugurare il nuovo attrezzo sportivo che ora porterà il suo nome.

Questa non è una coincidenza. Il moscovita, arrivato giovanissimo in Francia, ha trascorso tre stagioni con il club Maisons-Laffitte, dal 2014 al 2016.


“Per dare il mio nome ho detto subito sì”

Accolto tra gli applausi, il 28enne si è preso il tempo di scoprire i quattro campi in moquette blu. ” È un grande piacere per inaugurare queste terre nel mio nome”, ha esordito.

“Ho tantissime richieste. On me demande de faire beaucoup de choses, que je ne fais pas, car je n’ai pas envie, mais pour donner mon nom, j’ai dit oui tout de suite, car j’ai de bons sentiments avec ce club et cette città. È un bel pezzo di attrezzatura. »

Daniil Medvedev, tennista professionista

La visione di Claude Kopélianskis

Questa sala coperta è stata consegnata più di un anno fa all’Île de la Commune. Y portare dentro Daniil Medvedev non è stato facile, tenendo conto del suo programma. Ciò è stato finalmente ottenuto grazie alla combattività di Claude Kopélianskis, vicesindaco. L’eletto ha avviato il progetto e ha pensato fin dall’inizio a Daniil Medvedev.

“Oggi è il coronamento di un sogno. »

Claude Kopélianskis, vicesindaco di Maisons-Laffitte

Jean-Pascal Dupuis, presidente del TSML (Tennis-Squash de Maisons-Laffitte) per ventidue anni, ha avuto un ruolo di primo piano. È rimasto in stretto contatto con il giocatore russo sin dalla sua permanenza nella città degli Yvelines.

Il numero 5 del mondo, Daniil Medvedev, ha risposto ad alcune domande dei giovani del tennis club Maisons-Laffitte (Yvelines) prima di una lunga sessione di autografi. ©Maxime Pimont

Tre anni nel club che Medvedev non ha dimenticato

” È qui la prima volta che torno ecco, ha detto Daniil Medvedev. Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questo progetto a Maisons-Laffitte e in particolare Jean-Pascal [Dupuis]. »

“Per la prima partita della squadra che sono venuto a giocare al Maisons-Laffitte, mi avete accolto a casa vostra, senza conoscermi. Mi hai accolto come se fossi una persona amata. »

Daniil Medvedev, tennista professionista

Jean-Pascal Dupuis saluta la sua lealtà

Il russo risiedeva allora ad Antibes (Alpi Marittime), ma vedeva in Maisons-Laffitte la via per progredire e realizzare la sua tornei della prima squadra. A quel tempo, permise addirittura al club di salire di divisione.

Video: attualmente su -

“Con noi ha giocato quasi tutte le partite”, spiega Jean-Pascal Dupuis. È un giocatore di un grande gentilezza e fedele. Ad ogni partita gli mando un piccolo SMS, un messaggio positivo. In dieci anni non c’è stata una sola volta in cui non mi abbia risposto anche se deve essere molto richiesto. Questo è quello che ci piace di lui oltre al grande campione che è. »

L’aneddoto del presidente di TS Maisons-Laffitte

È stata anche l’occasione per il presidente di raccontare un piccolo aneddoto. “ La sua prima partita al Maisons-Laffitte, commette una dozzina di doppi falli e perde. Sono andato a trovarlo nello spogliatoio e gli ho detto: “È un peccato, senza tutte queste doppiette avresti potuto vincere”. »

“Nel 2021, quando ha battuto Djokovic nella finale degli US Open, continua il presidente del TSML, gli ho chiesto se si ricordava di questa osservazione che gli avevo fatto. Mi disse: “Vedi, ho servito le seconde palle più forte della prima e ho battuto Djoko”. »

IL servizio è ormai uno dei punti di forza del giocatore alto 1,98 m, che è diventato completissimo.

L’attrezzatura da tennis dell’Île de la Commune, a Maisons-Laffitte (Yvelines), porta ora il nome del tennista russo Daniil Medvedev. ©Maxime Pimont

Domande e dediche con i giovani

Con un atleta del genere non poteva mancare la folla per questa inaugurazione. Durante tutta la passeggiata, Daniil Medvedev non ha smesso di andare avanti selfie e autografi con tutti i soci del club, bambini e genitori. “Ho un po’ di tempo”, ha detto presentandosi ai bambini, che hanno potuto fargli qualche domanda.

Antologia: “Quando sei stato il miglior giocatore del mondo? » “Nel 2022 e spero di diventarlo di nuovo. » “In che anno hai iniziato a giocare a tennis?” » “Avevo 6 anni. »

Oppure: “Sei stressato prima della partita? » «Sì e no, perché ho giocato così tante partite che adesso faccio la mia routine e allo stesso tempo c’è sempre tun poco più stress dell’allenamento e respirare è un po’ più difficile. Devi trovare il giusto equilibrio. »

Roland-Garros e Olimpiadi nel mirino

Prossimo passo per Daniil Medvedev: il campo in terra battuta del Roland-Garros, dal 26 maggio al 9 giugno 2024. Lungi dall’essere sulla sua superficie preferita, il russo apparirà per vincere la competizione“come tutti i tornei a cui partecipo”.

Stessa cosa per le Olimpiadi di Parigi. Anche la gara di tennis si giocherà alla Porte d’Auteuil. “I Giochi lo sono sempre un obiettivo anche se per me sarebbe stato più facile se fosse stato duro come agli US Open”, sorride.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Mercato-PSG: Salta una cessione da 70 milioni di euro, è in dubbio
NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1