“I benefici economici sono potenzialmente enormi, ma difficilmente quantificabili oggi”

“I benefici economici sono potenzialmente enormi, ma difficilmente quantificabili oggi”
“I benefici economici sono potenzialmente enormi, ma difficilmente quantificabili oggi”
-

Finance News Weekly: La pandemia di Covid-19 ha dimostrato l’importanza per un Paese di essere autonomo nella produzione di vaccini. In questo senso, dov’è attualmente il Marocco?

Abdelmadjid Belaïche: La sovranità farmaceutica di un paese presuppone la sua capacità di ottenere forniture regolari e sostenibili di prodotti farmaceutici, in particolare di vaccini. Ciò può essere pienamente raggiunto solo attraverso la produzione locale di questi prodotti sanitari per evitare il più possibile di dipendere da paesi terzi per la fornitura di vaccini e per non trovarci a volte in concorrenza con altri paesi nei picchi di domanda di questi prodotti. La domanda che ci si pone oggi è: “Il nostro Paese ha raggiunto i suoi obiettivi in ​​questo ambito”? La risposta è: “Non proprio, è ancora in corso”. Anzi, se nel campo della vaccinazione animale, due enti nazionali, ovvero il BCI, un laboratorio privato, e Biopharma, un ente pubblico sotto la supervisione del Ministero dell’Agricoltura, sono molto attivi, lo stesso non vale per la produzione di vaccini per uso umano. E questo, nonostante i colossali investimenti mobilitati per la costruzione della fabbrica di vaccini Marbio “Ex-Sensyo” a Benslimane e l’avvio della produzione “Fil & Finish” dei vaccini Sinopharm da parte dei laboratori Sothema nel 2021.

FNH: In questa fase, il Marocco è sulla strada giusta per diventare entro pochi anni un leader regionale nella produzione di vaccini? E quali passi deve ancora compiere il Regno per diventare un hub continentale nel campo delle biotecnologie farmaceutiche?

AB: Le cause del ritardo La produzione di vaccini in Marocco è molteplice e complessa. Innanzitutto bisogna ricordare la complessità delle biotecnologie necessarie alla produzione dei moderni vaccini, in particolare dei vaccini a RNA. C’è poi il cambiamento del contesto sanitario globale, con la virtuale scomparsa della pandemia di Covid-19. Ciò ha cambiato radicalmente il profilo della domanda di vaccini, che è migrata da una domanda quasi esclusiva di vaccini anti-Covid-19 (soprattutto nel 2021) verso un ritorno ad una domanda inferiore in volume, e soprattutto più dispersa su più tipologie di vaccini per infezioni classiche. Questo cambiamento nel profilo della domanda di vaccini ha avuto, a livello globale, un impatto negativo sulle economie di scala nella produzione di vaccini. In effetti, il la domanda di vaccini si è concentrata nel 2021 principalmente sui vaccini anti-Covid, mentre nel periodo post-Covid ha visto un ritorno ai vaccini per le infezioni virali o batteriche più comuni.

Sembra che questo cambiamento a livello globale possa smorzare il desiderio di investimenti e partnership in termini di produzione di vaccini. Tuttavia, non dobbiamo mai dimenticare il fatto che il futuro del mondo porterà probabilmente nuove minacce ambientali e sanitarie e la minaccia di pandemie virali. Ciò significa che gli investimenti fatti e gli sforzi compiuti in Marocco non sono una perdita, in quanto rappresentano una forza d’attacco contro possibili future pandemie. Allo stesso modo rappresentano un’opportunità di diversificare verso la produzione di una gamma più ampia di vaccini che soddisfano le diverse esigenze di approvvigionamento. Questi investimenti consentiranno inoltre al Marocco di posizionarsi come un vero hub dei vaccini per il nostro continente e come il cuore della sovranità vaccinale del Paese e dell’Africa. Va inoltre ricordato che per produrre un vaccino non è sufficiente disporre di una fabbrica ultramoderna, attrezzata, certificata secondo gli standard più recenti e con risorse umane qualificate. Sarebbe inoltre necessario disporre delle necessarie autorizzazioni da parte dei laboratori partner esteri e di file solidi per le richieste di autorizzazioni all’immissione in commercio (AMM). Ciò richiede molto tempo, per non parlare del tempo necessario per ottenere le autorizzazioni all’immissione in commercio e per le ispezioni da parte delle autorità preposte al settore farmaceutico.

FNH: Quali sarebbero i benefici economici e sanitari attesi per il Marocco a seguito dei suoi investimenti nella produzione di vaccini?

AB: I benefici economici sono potenzialmente enormi, ma oggi difficili da quantificare. In caso di una pandemia su larga scala come quella del Covid-19, il nostro Paese sarà in grado di stabilire rapidamente una copertura vaccinale ottimale per la sua popolazione, con costi molto inferiori a quelli pagati nel 2021 per acquisire i vaccini contro il coronavirus. Ricordiamo che il conto per l’importazione di vaccini ammontava a quasi 6 miliardi di dirham. Ciò ha poi aggravato il deficit della nostra bilancia commerciale farmaceutica che è passata da -6,8 miliardi di dirham nel 2020 a -12,6 miliardi di dirham nel 2021. Questo costo molto elevato è certamente ampiamente giustificato dai benefici sanitari in termini di disponibilità e accesso ai vaccini anti-Covid e in termini di termini di un gran numero di persone vaccinate, con conseguenti minori danni umani rispetto ad altri paesi.

Tuttavia, la produzione locale di questi vaccini avrebbe consentito non solo di alleviare la nostra bilancia commerciale farmaceutica e di realizzare sostanziali risparmi in valuta estera, ma anche di migliorare sostanzialmente le nostre esportazioni farmaceutiche, di contribuire al nostro valore aggiunto industriale e all’offerta di posti di lavoro per i giovani. laureati. Con investimenti molto importanti nella produzione di vaccini, il Marocco mette finalmente piede nella biotecnologia di alto livello, senza dimenticare che la padronanza del know-how biofarmaceutico consentirà successivamente di orientarsi verso altri prodotti ad alto valore economico e sanitario. come gli anticorpi monoclonali utilizzati nel trattamento del cancro e di altre malattie croniche. Permetterà inoltre risparmi significativi sui farmaci, che oggi sono tra i più costosi.

-

PREV Dieta, sport, stress… Come limitare i reumatismi
NEXT Mangiare la buccia di frutta e verdura: buona o cattiva idea?