2.500 benne da 16 tonnellate all’anno” nell’Aveyron, l’azienda Vincent continua il suo sviluppo

2.500 benne da 16 tonnellate all’anno” nell’Aveyron, l’azienda Vincent continua il suo sviluppo
2.500 benne da 16 tonnellate all’anno” nell’Aveyron, l’azienda Vincent continua il suo sviluppo
-

In occasione della visita del prefetto Carlo Giusti, accompagnato dal sottoprefetto e dagli eletti del Bacino, le officine Vincent hanno fatto visitare ai visitatori il loro laboratorio specializzato nella produzione e assemblaggio di benne, gru e bracci di sollevamento.

“HA“Con Francis ci conosciamo da 20 anni.” Dopo essere entrato nel capitale della società Rouergue Carrosserie Industrielle (RCI) creata da Francis Montbroussous – “chi è nato a meno di 3 chilometri da qui” – nel 2014, il gruppo guidato da François Vincent ha acquistato nel 2020 la totalità dell’azienda locale. “Non aveva un successore ma voleva perpetuare la sua attività dopo la sua partenza. È così che siamo finiti nell’Aveyron”.spiega il rappresentante dell’azienda Drôme.

I cinquanta dipendenti del sito di Almont-les-Junies producono e installano benne su camion. “Possiamo installare 1.200 cassonetti da 3,5 tonnellate e 2.500 cassonetti da 16 tonnellate all’anno. Da qui, ci estendiamo in tutto il sud-ovest, il gruppo rappresenta il 20% del mercato nazionale. A Flagnac è ​​presente anche un’altra filiale con una decina di dipendenti. “Ad Almont lavoriamo con l’acciaio e a Flagnac con l’alluminio.” L’azienda a conduzione familiare, che possiede una cinquantina di sedi in Francia e distribuisce i prodotti degli specialisti della movimentazione Sennebogen e Palfinger, sta andando bene, anche se la situazione attuale non le è del tutto favorevole. “La situazione non è semplice. Siamo legati al settore dei lavori pubblici e dell’edilizia, con l’aumento delle tariffe è complicato”.ritiene François Vincent, “ultimo della quarta generazione”.

Persistono le difficoltà di reclutamento

“Il grande argomento”ben noto alle aziende del bacino della Decazeville, resta il reclutamento. “Il reparto HR è quello che è esploso di più. Oggi bisogna essere belli, attraenti… […] L’assunzione è un ciclo lungo. Devi essere paziente. In tutto il gruppo ci sono più di cento posti di lavoro da coprire. Questo è un ostacolo allo sviluppo della nostra attività. Qualche anno fa abbiamo assunto persone che abbiamo portato fino alla pensione. Adesso è più raro.”testimonia François Vincent, il quale ritiene che sia un problema “nazionale, anzi europeo”.

Problemi che Francis Montbroussous conosceva già nel 2012. “Non riusciamo a trovare nessun lavoratore in Francia. Per il momento abbiamo quattro lavoratori temporanei polacchi. Offriamo però posizioni che non richiedono alcuna formazione specifica. Cerchiamo solo persone che abbiano voglia di lavorare”, ha sottolineato nelle nostre colonne.

#French

-

PREV Giochi olimpici, elezioni legislative, minaccia di privatizzazione… France Télévisions colpita dallo scioglimento
NEXT Rinchiusi, senza acqua e senza servizi igienici: a Green Dock e Amundi, il calvario degli attivisti ambientali