Marocco: quando la street art fa vibrare i muri di Rabat

Marocco: quando la street art fa vibrare i muri di Rabat
Marocco: quando la street art fa vibrare i muri di Rabat
-

Colori accesi, messaggi forti e look accattivanti invadono le mura della capitale marocchina. Giunto alla sua IX edizione, il festival “Jidar” (“muro” in arabo) invita dodici artisti da tutto il mondo a conquistare i quartieri della città e creare murales unici.

Un’esplosione di creatività ed espressione artistica

Dal 28 aprile al 12 maggio 2024, artisti provenienti da diversi background, come Marocco, Francia, Germania, Messico, Sud Africa, Tunisia, Senegal e Palestinaappropriarsi delle mura di Rabat per trasformarle in vere e proprie opere d’arte.

Reporter Senza Frontiere svela la sua classifica annuale sulla libertà di stampa nel mondo ed ecco il posto occupato dal Belgio

Le loro creazioni, intrise delle loro culture e ispirazioni personali, affrontano temi diversi come l’identità, la memoria, l’ambiente, la speranza e la solidarietà. I murales realizzati nell’ambito del festival Jidar sono visibili gratuitamente ai residenti e ai visitatori di Rabat, contribuendo così democratizzare l’accesso alla cultura e per abbellire gli spazi pubblici.

Un festival in continua evoluzione

Dalla sua creazione nel 2016, il festival Jidar ha conosciuto un successo crescente, diventando un evento irrinunciabile nel mondo Scena artistica marocchina. Ogni anno il festival attira nuovi talenti e offre un programma ricco e vario, contribuendo a rendere Rabat una città dove la cultura si esprime con tutti i mezzi.

-

PREV Alla Fondazione Vuitton, la mostra “Matisse: l’Atelier rouge” presenta uno dei più grandi capolavori del XX secolo
NEXT Montech. La poetica di Thierry Jamme