La SIG rimborserà 27 milioni ai propri clienti di Ginevra

La SIG rimborserà 27 milioni ai propri clienti di Ginevra
La SIG rimborserà 27 milioni ai propri clienti di Ginevra
-

Tra il 2008 e il 2021, i Servizi industriali di Ginevra (SIG) hanno avuto un peso eccessivo sulle bollette elettriche, ha denunciato la Corte dei conti in febbraio. L’autorità ha ricevuto un’eccedenza di 22 milioni di franchi, che corrispondeva a «perdite della rete elettrica»: elettricità fatturata ma non consegnata a causa soprattutto di perdite. Non illegale, la pratica ha tuttavia suscitato scandalo. L’azienda ha annunciato lunedì che quest’estate restituirà 27 milioni di franchi. Tale somma equivale all’importo in questione, più gli interessi. I clienti verranno rimborsati in base al consumo.

Le economie domestiche e le PMI (piccole e medie imprese) riceveranno un importo forfettario compreso tra 28 e 800 franchi. Si tratta di una scelta “pragmatica” guidata da una preoccupazione per “la semplicità e l’equità”, ha sintetizzato Alain Zbinden, direttore generale ad interim: “Stiamo parlando di 275.000 clienti; era impossibile farlo caso per caso”. Se l’autorità avesse scelto di farlo, “ci sarebbe voluto così tanto tempo che non saremmo mai stati rimborsati”, ha affermato Robert Cramer, presidente del consiglio di amministrazione.

Il SIG non ha dettagliato gli importi che verranno restituiti alle grandi aziende. In base al loro consumo effettivo nel 2023, che nel complesso rappresenta più della metà dell’elettricità utilizzata nel Cantone, i rimborsi raggiungeranno in questi casi diverse migliaia di franchi.

-

NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France