Nessuno vuole vivere in questa casa

Nessuno vuole vivere in questa casa
Nessuno vuole vivere in questa casa
-

Quella che una volta era una proprietà opulenta a Loz Feliz, un elegante quartiere di Los Angeles, sembra avere difficoltà a trovare un proprietario. Questa proprietà di 464 m2 dispone ancora di cinque camere da letto e di un ampio giardino. Tuttavia, è passato di mano in mano solo da più di 60 anni. Si ritiene che i successivi proprietari non vi abbiano mai abitato.

E per una buona ragione: la casa, situata a Glendower Place 2475, ha un passato alquanto tragico. Fu costruito nel 1925 da una coppia composta da Harold e Florence Schumacher. Solo tre anni dopo, entrambi morirono a poche settimane di distanza l’uno dall’altro. Due anni dopo, l’autore Welford Beaton e suo figlio Donald si trasferirono lì. Ma poco dopo, quest’ultimo morì a causa di un’infezione, a soli 21 anni. Suo padre, Welford, fallì pochi mesi dopo la morte di suo figlio.

La casa visse un capitolo particolarmente tragico nel 1959. Quell’anno, Harold Perelson, un medico, si trasferì lì con sua moglie Lillian e i loro tre figli, Judy, Joel e Debbie. Nel dicembre dello stesso anno, Harold uccise sua moglie nel sonno con un martello prima di aggredire sua figlia Judy, allora 18enne.

Risvegliato dalle grida della giovane, Joel riesce tuttavia a tenere a bada il padre, permettendo alle due sorelle di scappare. Judy sopravvive all’attacco e suo padre, Harold, si suicida per overdose. Ciò valse alla casa il soprannome di “Los Feliz Murder Mansion” da parte dei media.

Successivamente la casa passò di mano a diversi proprietari, senza che nessuno di essi vi si trasferisse. I progetti di ristrutturazione non sono mai stati realizzati, a causa del mancato ottenimento delle autorizzazioni o della mancanza di finanziamenti. Uno degli ultimi proprietari fu l’avvocato Lisa Bloom, diventata nota per aver rappresentato Harvey Weinstein, condannato per violenza sessuale.

L’ultimo proprietario è stato Ephi Zlotnitsky, il capo della Luxmanor Custom Home Builders. Anche lui si trovò in difficoltà finanziarie, tanto che l’immobile fu venduto all’asta. Per il momento non sappiamo a quanto ammonta il suo prezzo, ma in passato il suo valore si aggirava intorno ai 2,4 milioni di dollari.

-

PREV Il settore del risparmio gestito riparte nel 2023
NEXT Un ultimo omaggio alla messaggistica ICQ prima della sua morte