Depressione postpartum | Il Quebec lancia una piattaforma informativa sulla salute mentale perinatale

Depressione postpartum | Il Quebec lancia una piattaforma informativa sulla salute mentale perinatale
Depressione postpartum | Il Quebec lancia una piattaforma informativa sulla salute mentale perinatale
-

Il Ministro responsabile dei Servizi Sociali Lionel Carmant ha presentato mercoledì una nuova piattaforma online del governo del Quebec volta a migliorare la salute mentale dei genitori durante una conferenza stampa tenutasi al CHU Sainte-Justine. “ [C’est un] strumento per tutti i neo genitori, per accompagnarli e sostenerli al meglio”, ha dichiarato il ministro.


Inserito alle 9:12

Aggiornato alle 12:01

Il sito web tu, io, bambino consentirà alle mamme e agli operatori sanitari di consultare informazioni sulla “salute mentale perinatale”. Questo programma di auto-cura, “confidenziale e accessibile adesso”, mira a preparare le madri alle sfide psicologiche derivanti dall’arrivo di un nuovo bambino nelle loro vite. Si presenta sotto forma di diversi moduli da completare, un po’ come un programma di formazione online.

“I problemi di salute mentale lo sono […] una delle complicazioni più frequenti nel contesto perinatale”, ha ricordato Isabelle Demers, CEO del CHU Sainte-Justine, presente alla conferenza stampa. Tuttavia, “la maggior parte delle madri soffre di questi problemi […] hanno paura di ricorrere ai nostri servizi”, ha ammesso il suo omologo, il direttore generale del CIUSS de l’Est-de-l’île-de-Montréal, Jean-François Verreault. Tu, io, tesoro, serviremo da complemento alla cura preventiva della salute mentale e renderemo le informazioni sull’argomento più accessibili e conosciute.

Il contenuto del sito è stato creato da un’équipe clinica e da un’altra équipe di ricerca del CHU Sainte-Justine, in collaborazione con un’équipe del CIUSS de l’Est-de-l’île-de-Montréal. È un adattamento di una piattaforma californiana.

Marie-Michelle, infermiera e madre di tre figli, ha testato il sito come utente dopo la nascita di suo figlio. A differenza della sua prima gravidanza, in cui soffriva di depressione postpartum, è riuscita a “ [faire] pace con la genitorialità e le sue sfide”, poiché aveva “molti strumenti a disposizione [pour l’aider] “.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega