L’integrazione di ChatGPT solleva questioni relative alla concorrenza e alla privacy dei dati – Euractiv FR

-

La nuova partnership di Apple con OpenAI per integrare ChatGPT nei sistemi operativi, nell’assistente virtuale e negli strumenti di scrittura di Apple solleva questioni relative alla concorrenza e alla privacy, hanno affermato gli esperti di EURACTIV.

Partenariati simili sono già stati sottoposti al controllo dell’UE e potrebbero essere oggetto di indagini formali per pratiche anticoncorrenziali.

L’integrazione di ChatGPT da parte di Apple potrebbe portare al rafforzamento dei controlli normativi sulla concorrenza, anche per quanto riguarda i rischi di concentrazione tra concorrenti che condividono partnership con la stessa società di intelligenza artificiale.

L’impatto di tale integrazione sull’accesso alle applicazioni di terze parti e sulla privacy degli utenti è preoccupante, così come lo è il passaggio da un modello di elaborazione dei dati sul dispositivo a un modello di elaborazione sul dispositivo. nuvolarichiedendo un maggiore controllo ai sensi del regolamento sui mercati digitali (Legge sui mercati digitaliDMA) e la normativa sulla protezione dei dati.

Euractiv ha contattato l’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (CMA), la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti, l’Autorità francese per la concorrenza e l’Ufficio federale dei cartelli tedesco (Bundeskartellamt), ma non hanno risposto o si sono rifiutati di commentare.

Euractiv ha contattato anche Apple e OpenAI, ma non hanno fornito ulteriori dichiarazioni oltre a quelle già disponibili.

Di che tipo di integrazione si tratta?

ChatGPT sarà integrato nei sistemi operativi Apple per iPhone, iPad e computer Mac entro la fine dell’anno, secondo l’annuncio fatto durante la Worldwide Developer Conference 2024 dell’8 giugno durante la presentazione del nuovo sistema operativo Apple, iOS18.

Gli utenti “potrà utilizzare ChatGPT gratuitamente, senza creare un account”, ha affermato Craig Federsghini, vicepresidente senior dell’ingegneria del software di Apple. L’integrazione riguarda il modello più recente di OpenAI, GPT-4o, il cui accesso è attualmente a pagamento.

Siri, l’assistente virtuale di Apple, sarà in grado di accedere a ChatGPT, nonché ai messaggi e alle e-mail degli utenti, per fornire risposte più precise e contestuali, ha affermato la società. Le funzionalità di intelligenza artificiale generativa integrate negli strumenti di scrittura di Apple, come Note e Pages, consentiranno agli utenti di creare contenuti scritti e visivi.

Problemi di concorrenza

Le autorità di regolamentazione potrebbero esaminare possibili pratiche anticoncorrenziali attraverso la lente delle leggi antitrust o della DMA europea.

OpenAI è già in fase di revisione nell’UE, nel Regno Unito e negli Stati Uniti grazie alla sua partnership con Microsoft. Altre partnership simili, come quella di Amazon con Anthropic, hanno incontrato la stessa sorte.

Questi accordi potrebbero non rientrare nelle norme esistenti sulle fusioni, ma potrebbero comunque essere soggetti a controllo per motivi di concorrenza. Ad esempio, l’autorità di regolamentazione antitrust dell’UE non indagherà sulla partnership OpenAI-Microsoft ai sensi delle regole sulle fusioni, ma potrebbe comunque indagare su Microsoft per potenziali distorsioni della concorrenza all’interno del mercato interno, concentrandosi sul fatto che il suo potere di mercato si traduca in pratiche anticoncorrenziali.

Alcuni politici temono che le grandi aziende tecnologiche domineranno l’intelligenza artificiale, attraverso queste acquisizioni e partnership avviare dell’IA, sebbene non siano soggetti alle regole sulle fusioni, ha affermato Lazar Radic, ricercatore di politica di concorrenza presso l’International Center for Law & Economics e professore aggiunto di diritto all’Università dell’IE.

Lo status di gatekeeper di Apple ai sensi del DMA impone di garantire un accesso equo e di prevenire pratiche che potrebbero soffocare la concorrenza, comprese quelle che svantaggiano avviare.

Il DMA e i suoi processi lo sono “abbastanza flessibile” E “può essere aggiornato se necessario”ha detto la portavoce della Commissione Lea Zubler in una conferenza stampa martedì scorso (11 giugno), quando le è stato chiesto di una possibile revisione della collaborazione tra Apple e OpenAI.

Un’altra preoccupazione futura potrebbe essere la collaborazione tra concorrenti che condividono partnership con la stessa società di intelligenza artificiale, come Apple e Microsoft con OpenAI, ha affermato Radic.

“È importante garantire che queste aziende non si scambino informazioni sensibili che potrebbero falsare la concorrenza”Lui continuò.

Sorgono anche domande su come Apple garantirà che altre app possano funzionare con i suoi strumenti di intelligenza artificiale, in particolare quelli che competono con i suoi, e su come la sua intelligenza artificiale utilizzando i dati Apple. Altre app influenzeranno il modo in cui gli utenti interagiscono con tali app. Ciò è di particolare importanza per le app che si basano sulla pubblicità, ha detto a Euractiv un avvocato che parla a condizione di anonimato.

Protezione dati

Nella sua dichiarazione, Apple afferma che l’integrazione non comprometterà la protezione dei dati personali degli utenti del sistema operativo Apple. OpenAI non memorizza le richieste degli utenti e “gli indirizzi IP degli utenti sono nascosti”ha assicurato l’azienda.

Ma l’uso di tali tecniche, come il mascheramento degli indirizzi IP, può essere un problema “zona sfocata”, ha detto a Euractiv Arnav Joshi, un avvocato esperto di tecnologia anche lui presso Clifford Chance. Inoltre è difficile saperlo “Se le reali opzioni per innalzare le barriere e preservare la privacy sono davvero praticabili su larga scala, da un punto di vista pratico e legale, penso che siamo in un territorio inesplorato”Ha aggiunto.

Daniel Leufer, analista politico senior di Access Now, ha detto a Euractiv che Apple “si è allontanato dai suoi standard relativamente elevati di protezione della privacy”mentre il signor Joshi ha contestato questo punto di vista: “Apple ha una solida esperienza nella protezione della privacy degli utenti e basa gran parte del suo marketing su questo problema, quindi sa cosa è in gioco qui.”

Le aziende hanno enfatizzato il consenso nei loro annunci, chiarendolo “Agli utenti Apple viene chiesto prima che qualsiasi domanda venga inviata a ChatGPT, insieme a eventuali documenti o foto, e Siri presenta quindi direttamente la risposta.”

Tuttavia, ottenere il consenso non risolve tutti i problemi associati al lancio di tali funzionalità. Le opzioni di consenso e adesione sono complesse ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e non sono sempre l’approccio migliore per introdurre nuove funzionalità, ha affermato Joshi.

La conformità di OpenAI al GDPR è stata discutibile. L’autorità italiana per la protezione dei dati ha riaperto un’indagine sulla società a marzo e le autorità europee di regolamentazione della privacy hanno lanciato un gruppo di lavoro dedicato alla protezione della privacy su ChatGPT lo scorso anno.

-

PREV I nuovi Samsung Galaxy Z Fold 6 e Z Flip 6 portano Galaxy AI a nuovi livelli
NEXT Design della cucina AI: KitAI per iPhone