È necessario prestare attenzione urgente da parte dei leader aziendali per mitigare lo stress lavorativo dei dipendenti nelle aziende manifatturiere

-

La gestione dello stress emotivo dei dipendenti è una delle sfide più critiche a livello mondiale che il posto di lavoro deve affrontare oggi ed è diventata particolarmente cruciale nei luoghi di lavoro dello Sri Lanka. Sebbene la tendenza attuale sia diventata critica, si prevede che peggiorerà la situazione. Poiché il problema è diventato globale, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha rivelato che lo stress lavoro-correlato sperimentato dai dipendenti costa ogni anno all’economia globale oltre 1 trilione di dollari e provoca la perdita di 12 miliardi di giorni lavorativi. In termini di dimensioni della forza lavoro, l’occupazione rappresenta attualmente oltre il 50% della popolazione mondiale. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il 15% delle persone in età lavorativa nel mondo soffre di disturbi mentali. Date queste tendenze, sia l’ILO che l’OMS hanno chiesto l’adozione di misure urgenti per affrontare i problemi di salute mentale che sono prevalenti tra la fascia demografica occupata.

È stato segnalato che il livello di stress lavorativo sperimentato dai dipendenti in Sri Lanka sta peggiorando rispetto a molti altri paesi. Questa tendenza preoccupante può essere attribuita a fattori che potrebbero essere peculiari del panorama socio-economico, politico e culturale dello Sri Lanka. Una scoperta scioccante emersa dal “Rapporto sullo stato del posto di lavoro globale 2023” di Gallup è che i dipendenti dello Sri Lanka sono i più stressati ogni giorno rispetto ai lavoratori di altri paesi dell’Asia meridionale (ad eccezione dell’Afghanistan). Secondo il Gallup Survey 2023, un numero significativo (58%) di intervistati dello Sri Lanka ha affermato di essere stato stressato per la maggior parte dei giorni precedenti. Ciò rappresenta un aumento di tre punti rispetto agli ultimi dati del 2022. In confronto, vale la pena notare che Bangladesh, Nepal e Pakistan hanno riportato livelli di stress quotidiano molto più bassi, rispettivamente con il 41%, 34% e 33%, mentre la forza lavoro indiana ha riportato un livello di stress del 32%.

Questo numero non solo colloca lo Sri Lanka in cima alla classifica dello stress, ma rende anche chiaro che il paese è sempre più preoccupato per la salute e la sicurezza della sua forza lavoro, in particolare per la salute mentale dei dipendenti. A causa della crescita, è chiaro che esiste una tendenza che richiede un’attenzione immediata da parte dei leader aziendali per affrontare i fattori che contribuiscono allo stress sul posto di lavoro. Un recente sondaggio condotto su 1214 dipendenti nello Sri Lanka ha rivelato una significativa prevalenza di livelli di stress da moderati ad elevati tra gli srilankesi. Ciò sottolinea la necessità immediata di interventi di gestione dello stress per migliorare la resilienza e il benessere psicologico dei dipendenti dello Sri Lanka.

Necessità di nuovi approcci e quadri

Date le crescenti tendenze dello stress e dei relativi problemi psicosociali nei luoghi di lavoro, sono necessari nuovi approcci e quadri per alleviarli. Fondamentale per questi metodi è la comprensione che gli squilibri tra le esigenze fisiologiche del posto di lavoro e la capacità dei singoli lavoratori di soddisfare tali bisogni sono ormai diventati una fonte comune di stress sul posto di lavoro. Questa discrepanza può manifestarsi a causa di diversi fattori, inclusi ma non limitati a carichi di lavoro elevati, scadenze ravvicinate, risorse insufficienti o mancanza di supporto manageriale, che contribuiscono a creare un ambiente pieno di pressione e ansia. Altre possibili cause includono le ripercussioni di crisi economiche, instabilità politica o disordini sociali. Queste difficoltà di fondo possono creare incertezza e pressione pervasive nella vita quotidiana dei lavoratori.

Pertanto, è imperativo che le organizzazioni riconoscano e affrontino attivamente queste preoccupazioni, coltivando un ambiente di lavoro favorevole che non solo raggiunga gli obiettivi di produzione ma ponga anche l’accento sul benessere emotivo della forza lavoro. Pertanto, le aziende devono modificare il proprio approccio gestionale ed esplorare nuove tattiche. Affinché un’organizzazione possa prosperare, i dipendenti devono essere psicologicamente in forma e gestire il proprio livello di stress in modo da soddisfare i requisiti formali del lavoro e dimostrare anche comportamenti prosociali.

In particolare nel settore manifatturiero, i dipendenti incontrano spesso ostacoli che potrebbero portare a stress lavoro-correlato a causa dell’enfasi sulla produttività e sull’efficacia costanti. Ciò può significare lavorare per lunghe ore, rispettare scadenze ravvicinate e svolgere lavori che spesso sono gravosi per il corpo. I lavoratori in questo campo possono anche preoccuparsi della sicurezza del proprio posto di lavoro perché le esigenze del mercato cambiano continuamente ed esiste la possibilità che i lavori vengano automatizzati o esternalizzati. Inoltre, la mancanza di libertà e autonomia e i compiti ripetitivi possono rendere le persone meno soddisfatte del proprio lavoro e più stressate. Inoltre, la sicurezza può rappresentare un problema significativo negli ambienti produttivi, dove è più probabile che si verifichino incidenti dovuti all’utilizzo di strumenti e macchinari. Ciò può essere molto stressante per i lavoratori, che possono sentirsi psicologicamente come se lavorassero sempre in condizioni pericolose.

Stabilire un clima conduttivo

Uno dei principi che possono affrontare questi problemi è stabilire un clima conduttivo nell’organizzazione. Un clima organizzativo che favorisce il supporto può essere classificato come orientato alla sicurezza o orientato al servizio. Le aziende manifatturiere tendono a dare priorità alla creazione e al mantenimento di un ambiente orientato alla sicurezza, riconoscendo il ruolo cruciale della sicurezza nel migliorare la produttività della forza lavoro e le prestazioni complessive. Un clima orientato alla sicurezza garantisce che i lavoratori siano fisicamente ed emotivamente sani. Tuttavia, quando le aziende si preoccupano molto della salute emotiva dei propri dipendenti, è più probabile che facciano cose buone per gli altri e svolgano un lavoro migliore perché hanno meno probabilità di sperimentare stress, burnout e problemi di salute mentale a causa dell’ambiente percepito come sicuro. al lavoro. Pertanto, sostenere un ambiente organizzativo favorevole nelle imprese manifatturiere è più importante per mitigare lo stress emotivo e le sfide psicosociali dei dipendenti.

Al contrario, poiché le aziende manifatturiere tendono ad abbracciare l’integrazione dell’intelligenza artificiale e dei progressi tecnologici, implementano gradualmente cambiamenti organizzativi innovativi, spesso investendo milioni di rupie. Queste trasformazioni mirano a semplificare le operazioni, migliorare l’efficienza e ridurre il carico di lavoro manuale, alleviando potenzialmente alcuni dei fattori di stress che i dipendenti devono affrontare. Tuttavia, tali cambiamenti possono portare a preoccupazioni circa lo spostamento del lavoro e richiedere ai lavoratori di adattarsi a nuovi sistemi e metodi di lavoro, il che può anche essere fonte di stress.

Questa transizione richiede investimenti finanziari e un impegno a riqualificare i dipendenti, coltivare l’adattabilità e gestire il lato umano del cambiamento per garantire che la forza lavoro non solo venga mantenuta, ma rimanga anche meno stressata, coinvolta e motivata. Pertanto, quando si riconfigura l’ambiente di lavoro nelle aziende manifatturiere, è essenziale individuare e utilizzare le giuste strategie per operare con successo gestendo e mitigando in modo efficace i livelli di stress dei dipendenti.

La Banca Centrale dello Sri Lanka ha inoltre affermato che molti paesi hanno registrato una rapida crescita dopo aver implementato solide strategie manifatturiere a metà del XX secolo, dimostrando che il settore manifatturiero può svolgere un ruolo importante nel cambiamento economico e sociale di un paese. L’ascesa dell’industria manifatturiera potrebbe contribuire a eliminare la povertà e le disuguaglianze regionali, rendere disponibili buoni posti di lavoro, aumentare i proventi delle esportazioni e migliorare la tecnologia dell’economia e le capacità produttive per sostenere la crescita. Dalla sua liberalizzazione economica nel 1978, lo Sri Lanka ha avuto molto successo in termini di ricchezza nazionale e migliori standard di vita. Tuttavia, il settore manifatturiero non è stato altrettanto utile alla crescita economica dello Sri Lanka quanto il settore dei servizi.

La Banca Mondiale afferma inoltre che l’industria manifatturiera dello Sri Lanka si è mossa molto più lentamente rispetto ad altri paesi dell’Asia meridionale. Il Bhutan e l’Afghanistan sono gli unici due paesi dell’Asia meridionale i cui settori produttivi sono cresciuti meno di quello dello Sri Lanka dal 2010 al 2021. Per questo motivo, il settore manifatturiero dello Sri Lanka deve trovare modi per migliorare le proprie prestazioni e quelle dei suoi lavoratori, in particolare gestendo il stress e problemi psicosociali correlati che derivano dal lavoro.

A livello aziendale, i leader aziendali e delle risorse umane hanno la responsabilità di affrontare i crescenti livelli di stress lavorativo dei dipendenti delle organizzazioni manifatturiere. Il loro compito include l’identificazione e l’attuazione di rimedi e la comprensione delle ragioni alla base di tale stress. È apprezzato che i leader aziendali stiano valutando la possibilità di creare strutture per la ricerca e gli studi su questa questione critica. Questo approccio esamina attentamente le politiche lavorative, le relazioni con i dipendenti, le percezioni, le aspettative e l’impatto delle tecnologie emergenti sulla forza lavoro. Devono valutare come è strutturato il lavoro, le aspettative degli individui e i sistemi di supporto in atto.

Pertanto, i leader aziendali e delle risorse umane devono affrontare queste sfide con empatia, pianificazione strategica e dedizione alla salute e al benessere a lungo termine dei propri dipendenti e dell’organizzazione. Questo sforzo aiuterebbe a creare un ambiente di lavoro sostenibile in cui lo stress è gestito e il morale dei dipendenti ha la priorità insieme agli obiettivi finali.


(L’autore è un dottorando, Università di Wollongong, NSW, Australia. Ha conseguito un MLHRM, PgD. in HRM, BSc (Business Mgt.) Special ed è membro fondatore di CIPM, PMHRP, AMITD (SL). Può essere contattato tramite [email protected]/[email protected].)

-

PREV i parigini sfoggeranno la nuova maglia per l’ultima di Mbappé al Parc
NEXT Giochi Olimpici di Parigi 2024: la saltatrice in alto di Perpignan Nawal Meniker vince gli interclub e realizza la seconda miglior prestazione della sua stagione