il canadese ovviamente ha in mente un profilo di giocatore

il canadese ovviamente ha in mente un profilo di giocatore
il canadese ovviamente ha in mente un profilo di giocatore
-

Dall’inizio di maggio si è parlato molto del draft e della quinta scelta assoluta dei Montreal Canadiens. È normale.

Tuttavia, non va trascurata l’importanza della scelta dei Jets, la 26esima in assoluto. Dopotutto, poiché il canadese non ha la sua scelta al secondo giro (ha solo quella di Avalanche, che sarà una scelta lontana), avere la possibilità di draftare al primo giro è ancora più importante.

Il club potrebbe scegliere di scambiare la scelta… ma se ciò accadrà, sarà perché sul tavolo ci sarà un’opportunità positiva.

Tutto questo per dire che sarà interessante vedere cosa farà Kent Hughes con la scelta, se mai decidesse di usarla per draftare un prospetto invece di lasciare che un’altra squadra scelga un giovane con il 26esimo diritto di parola.

E a questo proposito i ragazzi di The Athletic hanno un’idea di cosa potrebbe succedere.

Nell’ambito di un mock draft (lo stesso che portò Ivan Demidov a Montreal) effettuato da Scott Wheeler e Corey Pronman, Wheeler era incaricato del draft per il CH alla 26esima scelta.

Ha messo gli occhi su Lucas Pettersson.

Questo svedese è un giocatore centrale di 5’11 che ha ottenuto 57 punti in 44 partite nelle juniores. È il suo profilo ad essere interessante poiché, in effetti, probabilmente non è una scelta fatta per caso.

Per quello? Perché Wheeler ha aggiunto questo dopo aver scelto “lo stimato giocatore svedese”:

Centri come Beaudoin, Hage e Boisvert avrebbero senso qui se uno di loro fosse disponibile. –Scott Wheeler

Nel bozza finta dalla pedana, Cole Beaudoin, Michael Hage e il quebecchese Sacha Boisvert (già accostato al canadese) sono usciti tutti tra il 22° e il 24° posto. Nashville, Toronto e Denver hanno arruolato tutti e tre i ragazzi.

E se guardiamo i quattro giocatori centrali, vediamo una tendenza.

  • Beaudoin: 62 punti in 67 partite in OHL, 6’2 centro
  • Hage: 75 punti in 54 partite nella USHL, 6’1 centro
  • Boisvert: 68 punti in 61 partite nella USHL, 6’2 centro
  • Pettersson: 57 punti in 44 partite nella junior svedese, 5’11 centro

Anche se Pettersson è un po’ più piccolo, siamo d’accordo sul fatto che un ragazzo di 18 anni può ancora crescere di qualche centimetro. Ma oltre a ciò, sono tutti grandi centri che hanno flirtato/superato la soglia di punti per partita nell’hockey junior nella loro stagione di 17 anni.

Nel 2022, alla fine del primo turno e all’inizio del secondo, il canadese ha scelto Filip Mesar e Owen Beck.

Ho la sensazione che il club voglia reclutare – se davvero sceglierà il 26esimo posto assoluto nel 2024 – un giocatore un po’ dello stesso stampo, ma un po’ migliore in attacco e un po’ più alto, idealmente.

Ricordiamo che il CH non è necessariamente alla ricerca di un centro nell’immediato, ma trovare un centro di terza linea per il futuro è comunque una strada interessante da tenere a mente.

Molti

– Dietro le quinte della conquista dei Voltigeurs.

– Questo è il motivo per cui Mike Matheson non è con il Team Canada in questo momento.

– In effeti.

– Due anni senza perquisizione?

– Una grande estate attende i Bruins.

-

PREV Club: Finalmente la ripresa del dialogo tra PSG e Comune di Parigi attorno al Parco dei Principi?
NEXT Gran Premio F1 di Montreal: a che ora e su quale canale tv guardare le prove di qualificazione?