Elezioni legislative: due blocchi faccia a faccia e duello del centrodestra nel primo collegio elettorale dell’Yonne

Elezioni legislative: due blocchi faccia a faccia e duello del centrodestra nel primo collegio elettorale dell’Yonne
Elezioni legislative: due blocchi faccia a faccia e duello del centrodestra nel primo collegio elettorale dell’Yonne
-

Stessa configurazione, stesso scenario? Nella prima circoscrizione elettorale dell’Yonne, quattro candidati rappresenteranno i tre blocchi politici alle elezioni legislative anticipate. Come nel 2022, destra e centro non sono riusciti a unirsi, il che potrebbe avvantaggiare il deputato uscente (RN) e la sinistra.

Lo scioglimento a sorpresa dell’Assemblea nazionale, la sera del 9 giugno 2024, ha provocato un vero terremoto. In tutta fretta, le forze politiche si sono impegnate in una campagna lampo, in un contesto di alleanze e rotture. Il primo turno di queste elezioni legislative anticipate si svolgerà domenica 30 giugno. E queste elezioni dalla posta in gioco storica si riducono allo scontro tra tre blocchi. Ma nel primo collegio elettorale dell’Yonne (Auxerre-Puisaye), quattro candidati li incarnano.

Già nel 2022, il Raggruppamento Nazionale e la sinistra avevano beneficiato della dispersione dei voti al centro tra il uscente Guillaume Larrivé (LR) e il candidato macronista Victor Albrecht (Rinascimento). Due anni dopo, la battaglia di mezzo esiste ancora. E da allora l’estrema destra ha consolidato la sua posizione.

La RN diventa la favorita

Nelle ultime elezioni legislative, il collegio elettorale sembrava essere il “meno favorevole” al partito di Marine Le Pen, secondo l’ammissione dell’allora leader Julien Odoul. È stato però Daniel Grenon (RN), un novizio politico, a ereditare il seggio al Palais Bourbon in un contesto di forte astensione. A 75 anni, il commerciante in pensione di Poyaudin punta a ripetere quello che oggi non sarebbe più un risultato. Alla luce dei risultati ottenuti dalla RN alle elezioni europee, Daniel Grenon è addirittura entrato nella cerchia dei favoriti, nonostante una campagna discreta.

Tutti i comuni della circoscrizione, nessuno escluso, hanno collocato al primo posto la lista guidata da Jordan Bardella il 9 giugno. Una prima volta ad Auxerre, con un risultato chiaro: 27,76% dei voti per la RN, molto davanti alla sinistra (15,63%) e alla maggioranza presidenziale (14,03%). Per cercare di contrastare l’ondata blu navy, gli altri candidati sperano di mobilitare ciò che resta dell’elettorato ostile al partito nazionalista.

Tutti i nostri articoli sulle elezioni legislative ad accesso libero

Il duello al centro potrebbe favorire il RN e la sinistra unita

A sinistra, gli ecologisti sono riusciti ancora una volta a ottenere il primo collegio elettorale, dopo gli arbitrati nazionali del Nuovo Fronte Popolare. Florence Loury tenta quindi nuovamente la fortuna, dopo aver sfiorato la vittoria nel 2022. La maestra cinquantenne è arrivata prima al primo turno, prima di essere definitivamente superata nel secondo.

Consigliere comunale d’opposizione ad Auxerre per quattro anni, Florence Loury è particolarmente nota per aver contestato diversi progetti dell’agglomerato (ecoparco Venoy, fine della raccolta dei rifiuti porta a porta). Ma la sua recente lotta contro la vendita del campeggio municipale all’AJ Auxerre potrebbe rendergli un cattivo servizio. Il ricorso al tribunale amministrativo presentato quest’inverno dall’eletto (per contestare, tra l’altro, il prezzo di vendita) rallenta il progetto di espansione del club.

Gli elettori del “blocco centrale” potranno scegliere domenica 30 giugno. A differenza di altri collegi elettorali icaunesi, un candidato della maggioranza presidenziale dovrà affrontare un candidato LR del “canale storico”. Dopo l’annuncio dello scioglimento, la candidatura dell’ex deputato Guillaume Larrivé sembrava probabile a destra. Sconfitto sonoramente nel 2022, nel settembre 2023 dichiarò che “se domani ci fossero le elezioni legislative”, si candiderebbe “per servire il nostro Paese”.

Di nuovo sulla scena mediatica per opporsi all’alleanza LR/RN, Guillaume Larrivé ha finalmente rinunciato a candidarsi. L’ex deputato non tenterà quindi di riconquistare il suo posto a Palazzo Borbonico, affidando la pericolosa missione a Céline Bähr (LR). A 33 anni, il vicesindaco di Auxerre con delega alla Cultura e consigliere regionale si presenta come “candidata della destra e del centro”.

Legislativa: di fronte al RN e al candidato macronista, Céline Bähr afferma di essere “nella posizione migliore per rappresentare la destra e il centro”

Lei rivendica l’appoggio del deputato uscente per la seconda circoscrizione André Villiers (Orizzonti). Ma questa etichetta centrista è contestata dall’UDI dell’Yonne, benché presieduta dal suo collega vicesindaco di Auxerre, Sébastien Dolozilek. Céline Bähr si considera “nella posizione migliore” per incarnare il blocco centrale, pur proponendo “una rottura con i macronisti”.

Indebolito dalla sconfitta alle elezioni europee e da sette anni di potere, il campo della maggioranza presidenziale è indebolito. Ma Victor Albrecht (Rinascimento) vuole credere nella sua fortuna e offrire un’“alternativa” agli “estremi”. Questo primo Walker si considera “l’unico candidato legittimo” per il centro. Il trentenne si era già presentato nel 2022 e si era piazzato quarto (19,50%), subito dietro Guillaume Larrivé (22,61%).

Consapevoli che la sovrapposizione delle loro candidature apre la strada alle due parti che rifiutano, Victor Albrecht e Céline Bähr hanno invitato l’altro a ritirarsi. Ma nessuno ha ceduto. Il duello avrà luogo, almeno al primo turno.

Rappresentati altri due partiti

In totale, sei candidati si candidano alle elezioni legislative anticipate nella prima circoscrizione elettorale dell’Yonne. Saranno rappresentate anche la Riconquista e la Lotta Operaia.

Jean-Christophe Letierce, 54 anni, sarà un buon candidato per la Riconquista nella prima circoscrizione. Il leader locale del partito di estrema destra, anche consigliere comunale a Charny-Orée-de-Puisaye, succederà a Paul Téqui, che ha tentato la fortuna nel 2022 (4,76%).

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione delle candidature restava il dubbio se si sarebbero presentati o meno candidati locali. La sezione locale si è detta pronta, ma attende di conoscere le direttive nazionali del partito, che ha vissuto qualche turbolenza dopo lo scioglimento. Dopo aver avviato le trattative con la RN, chiamata poi a sostenere i candidati di questo partito, Marion Maréchal è stata esclusa da Reconquête, di cui era capolista europea. Nell’Yonne, Jean-Christophe Letierce ha indicato che “la linea è quella di Éric Zemmour”.

All’estrema sinistra dello spettro politico, il partito Lutte Ouvrière sarà rappresentato da Sylvie Manigaut. La candidata 65enne è una regolare alle urne, poiché si è già presentata alle elezioni legislative nel 2022 e nel 2017, ma anche alle elezioni comunali di Auxerre nel 2020 e nel 2014. Per queste elezioni legislative anticipate, Lutte Ouvrière presenta candidati in quasi tutte le circoscrizioni, comprese le tre dell’Yonne, per difendere “gli operai”, ma non ha aderito al Nuovo Fronte Popolare. Nel 2022 Sylvie Manigaut ha raccolto lo 0,94% dei voti.

Sofia Bardin

-

PREV Essonne: dopo essersi fatto rubare il telefono, si mette al volante e investe un adolescente
NEXT Previsioni degli esperti per l’incontro 1 a VICHY questo mercoledì 17 luglio