Dovremmo preoccuparci di una pandemia di influenza aviaria?

Dovremmo preoccuparci di una pandemia di influenza aviaria?
Dovremmo preoccuparci di una pandemia di influenza aviaria?
-

11 minuti fa

Diritti d’autore della foto, Immagini Getty

Didascalia immagine, Un pollo salvato dall’influenza aviaria

L’influenza aviaria si sta diffondendo tra le mandrie di bestiame negli Stati Uniti, uno sviluppo sorprendente che preoccupa gli scienziati.

Non ci sono prove che il virus possa provocare un’epidemia nell’uomo, ma le autorità stanno monitorando attentamente la situazione. Cosa sappiamo del virus H5N1 e quanto dovremmo preoccuparci? Che cos’è l’influenza aviaria? circola tra gli uccelli selvatici di tutto il mondo, è un tipo di virus noto come H5N1. È apparso in Cina alla fine degli anni ’90. La migrazione degli uccelli ha portato a epidemie tra gli uccelli domestici e selvatici. In casi molto rari il virus ha infettato l’uomo. Gli scienziati ritengono che il rischio attuale per l’uomo sia basso. La trasmissione dagli uccelli all’uomo è rara e non vi è stata alcuna trasmissione da uomo a uomo. Non c’è modo di prevedere se l’influenza aviaria scatenerà una pandemia negli esseri umani, ma gli esperti ne monitorano la diffusione e ne studiano l’evoluzione.

Diritti d’autore della foto, Immagini Getty

Didascalia immagine, Scienziato israeliano porta via la carcassa di un uccello marino morto di influenza aviaria

Il virus H5N1 si sta diffondendo rapidamente tra le mandrie di mucche da latte negli Stati Uniti, in quello che i Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) descrivono come un “epidemia multistato in corso”. Suscettibile. Ciò avviene sullo sfondo di un altro evento insolito: all’inizio di giugno, un uomo di 59 anni è morto in Messico a causa di un altro tipo di influenza aviaria, H5N2, che non era mai stata osservata prima negli esseri umani. Non è chiaro come l’abbia contratto, anche se sono stati osservati casi in alcuni allevamenti di pollame in Messico. Organizzazioni sanitarie come l’Organizzazione mondiale della sanità e il CDC ritengono basso il rischio complessivo per la salute pubblica legato all’influenza aviaria. Ma gli scienziati affermano che la diffusione del virus deve essere attentamente monitorata. dell’Università di Oxford. L’H5N1 è da diversi anni nel mirino degli scienziati, poiché il virus si è diffuso in tutti i continenti. Sono stati registrati migliaia di focolai nel pollame e negli uccelli selvatici. Si sono verificati focolai in animali allevati per la loro pelliccia, compresi i visoni. Alla fine del 2023, in Perù, più di 5.000 leoni marini sono morti a causa del virus, che gli scienziati ritengono sia stato causato dal contatto diretto degli animali con uccelli selvatici infetti. Il virus è stato rilevato anche in volpi, orsi, lontre, procioni, gatti, cani, capre e altri animali “È un virus che progredisce, ecco perché lo stiamo monitorando con preoccupazione”, afferma il dottor Ed Hutchinson, docente senior presso l’Università. il Centro per la ricerca sui virus dell’MRC-Università di Glasgow.

Diritti d’autore della foto, Immagini Getty

Didascalia immagine, Il recente picco di influenza aviaria è stato particolarmente dannoso per le specie protette di uccelli marini, come la sula.

I virus dell’influenza sono noti per la loro capacità di cambiare forma, acquisire geni e modificarsi nel tempo mentre viaggiano al di fuori del loro ospite naturale. Gli scienziati stanno osservando attentamente i segnali che indicano che il virus H5N1 potrebbe stabilirsi permanentemente al di fuori del pollame e degli uccelli selvatici.

La scoperta del virus nei bovini è stata “un vero shock”, afferma il dottor Hutchinson. “Quando appare in un animale allevato in gran numero e quindi in stretta prossimità con l’uomo, c’è tutto ciò che gli scienziati credono che sia la via di trasmissione. quello che chiamano “artificiale”: le mucche non trasmettono il virus per contatto naturale e probabilmente non si trasmette in particelle sospese nell’aria da una mucca all’altra. Pensano invece che la trasmissione avvenga nelle sale di mungitura” Sembra di sì attraverso mungitrici contaminate”, spiega il dottor Thomas Peacock del Pirbright Institute. Ciò significa che il virus attualmente non ha la capacità di trasmettersi naturalmente da animale ad animale. Tuttavia, secondo il dottor Peacock, più si diffonde nelle mandrie di mucche da latte, maggiore è la probabilità che si evolva in un modo che gli consenta di farlo. Si ritiene che la pastorizzazione distrugga il virus, ma si stima che circa il 5% degli americani consumi latte crudo non pastorizzato oltre confine in Canada, gli scienziati hanno anche iniziato a testare il latte.

L’influenza aviaria può essere trasmessa all’uomo?

Casi di infezione umana dal virus H5N1 sono stati osservati di tanto in tanto, di solito in seguito al contatto con animali malati, in diversi paesi, tra cui Cambogia, Cile, Cina, Vietnam, Australia, Stati Uniti e Regno Unito casi sono stati segnalati dal 1997, circa la metà dei quali sono deceduti.

Diritti d’autore della foto, Immagini Getty

Didascalia immagine, L’influenza aviaria ha decimato le colonie di pellicani in Grecia

Più recentemente, si sono verificati alcuni casi tra i lavoratori del settore lattiero-caseario negli Stati Uniti che presentavano solo sintomi lievi. Molti stati degli Stati Uniti stanno investendo in misure preventive, come indumenti protettivi e occhiali per i lavoratori agricoli. Gli esperti che studiano il virus affermano che esiste non vi è alcuna prova che si sia evoluto in una forma che rappresenterebbe una minaccia significativa per gli esseri umani, ma come sottolineano due eminenti specialisti dell’influenza in un articolo pubblicato sul British Medical Journal: “il pericolo e il rischio di una grave epidemia di H5N1 sono significativi, plausibili e imminente.” Secondo il virologo Tom Peacock, più il virus si diffonde negli Stati Uniti, più è probabile che si trasmetta all’uomo. E, soprattutto, più è probabile che si trasmetta agli uccelli acquatici: anatre e oche . “Questo è ciò che ci preoccupa”, ha detto alla BBC. Questo è ciò che ci preoccupa”, ha detto alla BBC, “perché [ces oiseaux] sono molto sensibili alla malattia e sembrano essere quelli che la trasportano su distanze molto lunghe. La campagna sarebbe limitata, con dosi distribuite ai lavoratori in prima linea tra cui allevatori di pollame, veterinari, scienziati che studiano il virus e persone che lavorano negli allevamenti di animali da pelliccia come visoni e volpi.

Diritti d’autore della foto, Immagini Getty

Didascalia immagine, Le lontre sono tra i mammiferi che hanno contratto l’influenza aviaria

La dottoressa Jayna Raghwani, biologa del Royal Veterinary College del Regno Unito, sottolinea che siamo relativamente ben preparati quando si tratta di progettare nuovi vaccini contro l’influenza aviaria. “Non abbiamo bisogno di iniziare da zero con un virus, l’influenza”, dice disse. “E capiamo bene come funzionano questi vaccini [existants] agire per suscitare una risposta immunitaria e fornire protezione”. In un mondo ideale, aggiunge, la sorveglianza del virus vicino alle fattorie verrebbe rafforzata. “Potremmo fare una sorveglianza più generale della fauna selvatica vicino alle fattorie. “Non voglio minimizzare le preoccupazioni sull’influenza [circulant chez les vaches]”, dice il dottor Raghwani. “Ma se parlassi con mia madre o mia nonna del rischio per gli esseri umani, direi loro di non preoccuparsi. Il dottor Hutchinson la mette così: “Noi Non è febbraio 2020, ma ne abbiamo bisogno prestare attenzione. I rischi associati a questo fenomeno sono evidenti e potrebbero non andare da nessuna parte, ma saremmo davvero stupidi a non prestarvi attenzione.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega