“I giovani lasciano il loro branco originale per cercare un nuovo territorio”. Un lupo sospettato di aver attaccato le pecore nell’Haute-Vienne

“I giovani lasciano il loro branco originale per cercare un nuovo territorio”. Un lupo sospettato di aver attaccato le pecore nell’Haute-Vienne
“I giovani lasciano il loro branco originale per cercare un nuovo territorio”. Un lupo sospettato di aver attaccato le pecore nell’Haute-Vienne
-

Un agnello è stato ucciso e diversi feriti domenica sera a Saint-Léger-Magnazeix. L’Ufficio francese per la biodiversità sta indagando se l’attacco sia stato effettuato da un lupo, ma la stagione sembra favorevole al loro passaggio nella regione.

L’attacco è avvenuto questa domenica, 5 maggio, di prima mattina in un prato dove vivono le pecore. Poche ore dopo, l’allevatore scoprì con stupore la scena: “C’era una pecora proprio nell’angolo, completamente spaventata, sanguinante. Quindi, abbiamo guardato lontano nel campo, abbiamo visto degli agnelli sdraiati lì.”

Lunedì mattina, l’Ufficio francese per la biodiversità si è recato sul posto per studiare i morsi e le impronte. Martedì scorso è stato notato un altro attacco non lontano: quattro pecore sono state uccise e sei ferite.




durata del video: 00h01mn45s

Un agnello è stato ucciso e diversi feriti domenica sera a Saint-Léger-Magnazeix. L’Ufficio francese per la biodiversità sta indagando se l’attacco sia stato effettuato da un lupo, ma la stagione è favorevole al loro passaggio nella regione.



©Francia 3 Limosino

Per Phillipe Goursaud, capo del servizio dipartimentale dell’Ufficio francese della biodiversità dell’Haute-Vienne, la responsabilità di un lupo è possibile: “È legittimo ritenere che esista una correlazione tra questi due attacchi, distanti trenta chilometri l’uno dall’altro, sapendo che un lupo, quando si muove, percorre tra i venti e i quaranta chilometri in una notte”.

Impossibile certificare al 100% che si sia trattato di un attacco del lupo, ma il sospetto è quindi molto forte.

È logico vedere individui abbastanza lontani dal loro luogo di nascita, lontano dalle Alpi e dai centri abitati, che passeranno e forse un giorno si fermeranno.

Jessica Hureaux, responsabile del progetto Grandi Predatori del Millevaches PNR.

Per Jessica Hureaux, project manager Grandi Predatori del Millevaches PNR, questi attacchi più numerosi si possono spiegare: “Al momento, siamo in un periodo di dispersione per la specie di lupo. I giovani lasciano il loro branco originale per cercare un nuovo territorio e potenzialmente trovano un branco. Abbiamo due periodi di dispersione, ovvero la primavera e l’autunno, siamo in mezzo ad esso, ed è logico vedere individui abbastanza lontani dal loro luogo di nascita, lontani dalle Alpi e dai centri abitati, che passeranno, e potenzialmente un giorno moriranno.”

Secondo l’esperto, la presenza dei lupi nel Limosino potrebbe diventare più frequente in futuro, viste le condizioni di vita ottimali per questa specie.

-

PREV Tennis. Aix (CH) – Programma molto intenso questo venerdì ad Aix con Mannarino-Gasquet
NEXT Questo villaggio dell’Occitania soprannominato la “piccola Versailles” è uno dei villaggi più belli di Francia