“Sniffy”: cos’è questa nuova polvere energizzante da sniffare che il ministro della Salute vuole vietare

“Sniffy”: cos’è questa nuova polvere energizzante da sniffare che il ministro della Salute vuole vietare
“Sniffy”: cos’è questa nuova polvere energizzante da sniffare che il ministro della Salute vuole vietare
-

Di

Lea Giandomenico

pubblicato su

25 maggio 2024 alle 10:18

Vedi le mie notizie
Segui le notizie

Questo è una polvere bianca che può essere annusata, e che avrebbe proprietà “energizzanti”. Se dopo questa descrizione pensate subito alla cocaina, che viene anche inalata attraverso il naso, ripensateci: la polvere della marca “Sniffy” è legale e viene venduta in alcune tabaccherie e su Internet.

Questo sabato, 25 maggio 2024, Frédéric Valletoux, ministro della Salute, ha annunciato di voler vietare la vendita di questo prodotto.

Taurina, creatinina, caffeina…da sniffare

“Aumenta la tua energia all’istante”, promette il marchio Sniffy sul suo sito, dove puoi navigare liberamente dopo aver inserito solo la tua data di nascita per certificare che sei maggiorenne. Pertanto, questa polvere, che contiene, tra le altre cose, creatinina, taurina, caffeina e L-arginina, viene consumata “ per inalazione“. Proprio come la cocaina.

“Una polvere bianca che inali attraverso il naso? Sebbene possa evocare un piacere proibito, è completamente nel rispetto della legge”, vanta il marchio sul suo sito, che si vanta di essere “la nuovissima polvere da sniffare di cui tutti parleranno”.

Venduto sul suo sito web, semplici o aromatizzati (menta, limone, verde, frutto della passione, fragola candita), per la modica cifra di 14,90 euro a scatola, viene venduto anche in alcune tabaccherie.

Si dice che gli effetti di Sniffy siano “immediati” e durino “dai 20 ai 30 minuti”. Una polvere venduta ai festaioli che vogliono restare svegli, agli atleti o a chi vuole avere più energia, sostiene inoltre il marchio.

Divieto “il più presto possibile”

Ma sniffare la polvere provoca incredulità nella sfera medica. E anche a livello governativo. Ospite mattutino -questo sabato, 25 maggio 2024, il ministro della Salute, Frédéric Valletoux, ha parlato di questo nuovo prodotto che ha scoperto di recente.

Video: attualmente su -

È fastidioso vedere questo tipo di prodotti offerti ai giovani.vedere che coloro che, sotto la copertura di discorsi innocui, cercano di attirare i giovani verso il tabacco, il consumo di droga e la dipendenza”, ha esordito al microfono dei colleghi.

Ho scoperto questa spazzatura 48 ore fa, (…) Vedrò nei prossimi giorni come vietare questo genere di cose.

Frederic ValletouxMinistro della Sanità

Per quanto riguarda la data in cui Sniffy verrà bandito, il ministro ha voluto rassicurare: “Appena possibile”, ha detto. “Guarderò questo fine settimana, sarò intransigente”, ha assicurato.

Banalizzazione indiretta della cocaina

Il ministro della Salute non è l’unico a protestare. In campo medico sono gli tossicodipendenti a lanciare l’allarme, in particolare l’associazione Addictions France.

“Il problema con la commercializzazione di questo prodotto ovviamente non è la sua composizione, ma la sua promozione pubblicitaria su cui in qualche modo si basa cocaina decaina“, spiega Bernard Basset, medico specializzato in sanità pubblica, presidente di Dipendenze Francia, sul sito dell’associazione.

La banalizzazione del gesto (annusare), l’apparenza (polvere bianca), le motivazioni per consumarlo (boost your Energy, party). Sniffy® non è cocaina, ma le somiglia così tanto da banalizzarne indirettamente l’uso.

Bernard BassetPresidente dell’associazione Dipendenze Francia

Il medico aggiunge, tra tutti i difetti di questo prodotto, un’aggravante: “ci sono diversi gusti dolci e piccanti (frutto della passione, caramella alla fragola, semplice, menta fresca e lime) che, non abbiamo dubbi, piaceranno ai più piccoli, ” anticipa.

Puff presto sarà bandito

Questo tipo di prodotto non è il primo nel mirino delle autorità. Prima di Sniffy, era stato il puff a essere oggetto di polemiche, prima che la sua messa al bando fosse votata da deputati e senatori. La legge non è stata ancora promulgata.

Queste sigarette elettroniche usa e getta erano di gran moda tra i giovani e gli studenti delle scuole superiori riuscivano a procurarsele facilmente. Sono inoltre aromatizzati con diversi gusti e vengono denunciati dai professionisti che li accusano di banalizzare l’atto di svapare, e quindi di fumare, per estensione.

Puff “può creare molta dipendenza e costituire una via d’accesso al fumo”, secondo le associazioni, come abbiamo spiegato in un precedente articolo.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Gli africani rimangono in gran parte invisibili a Taiwan · Global Voices in Italiano
NEXT Egalim 3, inflazione, assortimento in calo… Le promozioni affrontano difficoltà