Il salone dell’aviazione d’affari si muove verso la sostenibilità

Il salone dell’aviazione d’affari si muove verso la sostenibilità
Il salone dell’aviazione d’affari si muove verso la sostenibilità
-

Lo spettacolo dell’aviazione d’affari si tiene per tre giorni al Palexpo. Un settore che cerca di attrarre nuovi clienti in un mercato molto competitivo e stagnante. Sempre più produttori si stanno concentrando sulla sostenibilità tra aerei elettrici, a idrogeno e a carburante sostenibile.

Qualche somiglianza con il salone dell’auto nella forma, ma anche nella sostanza. L’aviazione d’affari è in difficoltà, il mercato è teso dopo una promettente ripresa post-Covid. Il settore sta cercando di cancellare un’immagine poco ecocompatibile degli aerei elettrici come questo modello di Lilium, questo a decollo verticale ma con un’autonomia limitata.

“Il nostro aereo ci permette di sostituire l’elicottero, per andare dall’aeroporto dove i nostri clienti hanno il loro jet privato a casa loro. Secondo gli studi, entro il 2035 saranno commercializzate più di 40.000 macchine», spiega Sébastien Borel, direttore commerciale di Lilium.

Soluzioni elettriche fornite da nuovi attori, determinati a sconvolgere il mercato. Per Eloa Guillotin, fondatrice e CEO di Beyond Aero, un giorno l’aviazione sarà elettrica. “La domanda sarà quando. Batterie al litio per i viaggi più brevi, idrogeno per il medio raggio e biocarburanti per i voli più lunghi.

I colossi del settore, con il raggio d’azione più ampio, si affidano invece ai combustibili sostenibili, come Dassault Aviation. “Allo stesso tempo, stiamo sviluppando un’applicazione che consente ai piloti di beneficiare dei venti favorevoli, risparmiando fino al 7% di carburante” indica Vadim Felzer, responsabile delle comunicazioni di Dassault Aviation.

Anche l’aviazione d’affari punta a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050. Paradossalmente potrebbe arrivarci prima delle compagnie aeree.

-

PREV Forvis Mazars dà il benvenuto a due nuovi partner di audit
NEXT Le vendite di auto elettriche crollano in Germania, ma alcune vincono alla grande