Il settore delle batterie accentua la crisi immobiliare nel Centre-du-Québec | L’industria delle batterie

-

L’anno scorso, pochi giorni prima di Natale, Francesco si ritrovò per strada perché il suo coinquilino “ha rotto il contratto d’affitto”. Da allora è alla ricerca di un affitto a prezzi accessibili per poter “vivere e vivere da solo”.

Victoriaville, Drummondville, Trois-Rivières, questo giovane di 24 anni sfoglia regolarmente gli annunci, ma dice di non trovare nulla al di sotto di “1200 dollari o anche 1400 dollari per 1 ½ o 2 ½, piccolo e non ristrutturato”.

È abusatodice con tono incisivo, chiaro segno di grande frustrazione.

Nel frattempo la sua vita si divide tra la strada e le case famiglia, come Maison Raymond Roy, dove ha trovato rifugio per alcune settimane.

Cindy Kirouac, direttrice di questo centro di accoglienza per giovani adulti situato a Victoriaville, constata che il tasso di occupazione della sua struttura sta raggiungendo livelli senza precedenti. Spesso è pieno. Quando un giovane se ne va, ne arriva un altrospiega.

Quando se ne vanno, spesso ritornano in una situazione precaria, prosegue, precisando che la destinazione può essere la strada, il divano di casa di un amico o una stanza in affitto. Raramente alloggio bene a se stessi.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Julie Barabé, operatrice di strada di Répit Jeunesse, un’organizzazione di Victoriaville che aiuta i giovani in difficoltà.

Foto: Radio-Canada / Vincent Rességuier

I senzatetto banalizzati

Francesco infatti si sente trascinato in una spirale viziosa, con tutte le difficoltà del mondo per uscirne. Ha perso anche il lavoro, essendo passato da un lavoro all’altro fin dall’adolescenza, in particolare come guardia di sicurezza.

Non abbiamo un appartamento, quindi non riusciamo a trovare un posto lavoro, allora abbiamo difficoltà ad alimentarci. Ci sentiamo presi in questo modello. È triste per la nostra generazione.

Una citazione da Francis, itinerante nella regione di Victoriaville

Di profili di senzatetto come quello di Francis, Julie Barabé ne vede sempre di più. Questo operatore di strada di Répit Jeunesse lo nota i senzatetto hanno preso un’altra svolta.

Se prima della pandemia era piuttosto nascosto, ora è in bella vista a Victoriaville. Giovani, anziani, non esiste un profilo tipico, spiega. Tutti rischiano di finire in strada. Ho visto un drammatico aumento dei senzatetto.

Abbiamo campi itineranti, questa non era una realtà qualche anno fa, aggiunge la signora Kirouac. Secondo l’ultimo conteggio, tra il 2018 e il 2022, il numero dei senzatetto è aumentato del 50% nella Mauricie e nel Centre-du-Québec.

La direttrice dell’Associazione degli inquilini del Centre-du-Québec, Evelyne Heeremans, constata che nelle zone rurali sono comparsi i senzatetto. Ha sentito parlare di situazioni in cui le persone dormono nelle zone delle cooperative di credito in cui si trovano gli sportelli bancomat. Molto spesso, l’unico luogo riscaldato e accessibile in ogni momento del villaggio.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Pascal continua a sorridere anche se resta in rifugio.

Foto: Radio-Canada / Vincent Rességuier

ore per partire”,”text”:”Hai 48 ore per partire”}}”>Hai 48 ore per partire

Anche Pascal sta attraversando un periodo di instabilità, causato in particolare da un divorzio. Questo fiero Gaspésie, operaio edile, è arrivato al Centre-du-Québec lo scorso giugno. Fino a qualche settimana fa viveva in un appartamento condiviso, ma il proprietario ha deciso di recuperare l’alloggio per ampliare il suo spazio abitativo.

: hai 48 anniore per partire. Vogliono solo prendersi i soldi e poi ti cacciano via”,”testo”:”Mi hanno detto: hai 48 ore per partire. Vogliono solo i loro soldi e poi ti buttano fuori”}}”>Mi hanno detto: hai 48 ore per partire. Vogliono solo i loro soldi e poi ti cacciano fuorilui dice.

Per il momento è ospitato nell’unità di emergenza per senzatetto di Victoriaville. Questo rifugio è stato creato nel 2022 e può ospitare una decina di persone ogni notte.

È felice di ricevere il pranzo, di poter lavare i suoi vestiti e di avere accesso al supporto amministrativo. Solo che ora si ritrova disoccupato e ha perso la speranza di trovare un alloggio a prezzi accessibili.

Come vuoi lavorare se non hai un tetto sopra la testa, non hai morale e poi hai fame? si lamenta. È difficilesi lascia andare dopo un lungo sospiro.

Pressioni sugli inquilini

Sì, sta giocando duro e il proprietario ha la parte corta del bastone in questo momentoconferma Evelyne Heeremans, direttrice dell’Associazione degli inquilini del Centre-du-Québec.

In diversi casi afferma di aver accompagnato gli inquilini che hanno ricevuto una visita orgoglioso con le armi per incoraggiarli in modo non troppo subdolo a lasciare il loro alloggio o a firmare un aumento dell’affitto.

Le famose rinunce, le scalate in malafede, gli aumenti abusivi, sono cose che vediamo sempre di più.

Una citazione da Evelyne Heeremans

Secondo la Heeremans, questo contesto non sorprende, penalizza i più vulnerabili, soprattutto gli anziani, ma anche i giovani come Gabrielle, 21 anni.

Il proprietario della sua ultima casa gli ha chiesto di andarsene. Non aveva le risorse per contestare. È successo due anni fa e non ha mai più trovato un affitto.

Appena trovano qualcuno che paga un prezzo folle, se lo prendono. È ancora pazzescoè indignata. Sto ancora facendo le valigie, cercando di trovare posti con un tetto sopra la testa, ma sto parecchio tempo per strada.

Sentiamo la pressione, vediamo le manovre discutibiliriferisce Evelyne Heeremans, citando casi frequenti in cui i proprietari si guardano bene dall’informare gli inquilini sui loro diritti.

Alcuni si ritrovano addirittura con ultimatum estremamente serrati che lasciano poco spazio alla riflessione prima di firmare.

>>Sito della fabbrica ULTIUM CAM.>>

Apri in modalità a schermo intero

Lo stabilimento GM Posco in costruzione a Bécancour

Foto: Radio-Canada / Martin Chabot

Il settore delle batterie in questione

Nota che la pressione sul mercato immobiliare è amplificata dall’avvento del settore delle batterie. Nei prossimi anni, le fabbriche di Bécancour accoglieranno migliaia di dipendenti ai quali verranno promessi stipendi generosi.

I lavoratori mobilitati in gran numero per costruire edifici industriali hanno già sconvolto la dinamica stimolando la domanda. Il tasso di posti vacanti nella zona è vicino allo zero.

I proprietari hanno un buon odore, dice Nancy Hubert, coordinatrice dell’Associazione dei gruppi autonomi di educazione popolare (AGÉPA) Centre-du-Québec. Aumentano notevolmente gli affitti, sapendo bene che non avranno difficoltà a trovare un acquirente.

Se il tenore di vita aumenta con buoni salari, cosa accadrà alle altre persone?

Una citazione da Nancy Hubert dell’AGEPA

Recentemente, Evelyne Heeremans ha visto diversi condomini passare di mano. Gli occupanti si rivolgono quindi alla sua associazione perché lo hanno fatto paura di essere cacciati e che gli alloggi vengano occupati da questi nuovi lavoratori.

Un fenomeno individuato anche da Paul Morin, professore alla School of Social Work dell’Università di Sherbrooke. L’anno scorso ha redatto un rapporto sulla situazione abitativa nel Centre-du-Québec.

Le testimonianze raccolte indicano che i nuovi proprietari, spesso non ben radicati nella regione, non mostrano sentimenti e aumentano gli affitti. in modo sproporzionato. Di conseguenza, analizza il rapido declino degli alloggi a prezzi accessibili sul mercato e non ci sono abbastanza nuove costruzioni per compensare.

>>Nancy Uberto.>>

Apri in modalità a schermo intero

Nancy Hubert, coordinatrice dell’Associazione dei gruppi autonomi di educazione popolare (AGÉPA) Centre-du-Québec

Foto: Radio-Canada / Vincent Rességuier

Accelerare la costruzione di alloggi a prezzi accessibili

Una soluzione, sostiene, sarebbe quella di unire gli uffici comunali per l’edilizia abitativa della regione, la cui capacità attuale è limitata dalle loro modeste dimensioni. Ritiene che la fusione, ad esempio, degli uffici di Nicolet-Yamaska ​​e di Bécancour permetterebbe di avere delle dorsali più forti per garantire una politica ambiziosa di costruzione di alloggi sociali e accessibili.

Da parte loro, i comuni stanno intensificando le iniziative per stimolare l’edilizia.

Bécancour, ad esempio, ha appena adottato un nuovo piano urbanistico. Prevede di costruire 6.700 unità abitative entro 10 anni, sapendo che attualmente ce ne sono 7.000 nel suo territorio.

Anche il sindaco Lucie Allard sta lavorando a una politica abitativa a prezzi accessibili. Un punto di vigilanza che ci preoccupa moltoassicura, pur ammettendo che non è sempre facile convincere gli investitori perché ne hanno bisogno incentivi garantire la “redditività dei progetti”. Intende quindi ricorrere a programmi governativi per stimolare la costruzione di alloggi a prezzi accessibili.

Drummondville ha appena annunciato la creazione di un complesso di 100 unità abitative sociali ed economiche destinate ad anziani indipendenti e che dovrà essere inaugurato nel 2026. All’inizio dell’anno, Victoriaville ha adottato un credito d’imposta per la costruzione di tre unità abitative e oltre uscirà dal suolo entro il 31 dicembre 2025.

Il mercato dovrebbe quindi essere inondato di nuove case nei prossimi anni. La logica imporrebbe che i prezzi diventino più morbidi. Ma nulla è sicuro, almeno a medio termine, sottolinea Nancy Hubert, perché i proprietari possono aumentare l’affitto come meglio credono per gli edifici di meno di 5 anni.

Drummondville è uno dei comuni del Quebec dove la crisi immobiliare è più acuta. Nel 2023 gli affitti sono aumentati dell’8,2%, mentre il tasso di sfitti è stato dello 0,5%. Quest’ultima si aggira generalmente attorno all’1% nei centri urbani della regione.

La situazione è simile dall’altra parte del fiume, in Mauricie, una regione che deve fare i conti anche con l’affermazione dell’industria delle batterie.

-

PREV Vetropack presenta il suo piano sociale ai collaboratori St-Prex – rts.ch
NEXT Lombard Odier festeggia 20 anni di presenza in Belgio e apre un ufficio ad Anversa