Cos’è “Sniffy”, questa polvere bianca energizzante da inalare attraverso il naso, completamente legale?

Cos’è “Sniffy”, questa polvere bianca energizzante da inalare attraverso il naso, completamente legale?
Cos’è “Sniffy”, questa polvere bianca energizzante da inalare attraverso il naso, completamente legale?
-

Ancora poco conosciuto dal grande pubblico, Sniffy è già stato preso di mira e potrebbe essere bandito per legge. Questa polvere bianca energizzante, da inalare attraverso il naso, alimenta l’indignazione degli specialisti delle dipendenze che denunciano un’incitamento alla cocaina.

Una polvere bianca che viene inalata attraverso il naso per una sferzata di energia. Se questo “Sniffy” assomiglia sotto molti aspetti alla cocaina, è “totalmente conforme alla legge”, si vanta il marchio sul suo sito web. Presentata come un “integratore alimentare”, questa polvere energizzante avrebbe l’effetto di mantenere il consumatore sveglio o concentrato. Gli inventori sostengono il suo effetto immediato e persistente per 20-30 minuti, in particolare grazie ai suoi componenti come caffeina, creatina o taurina che si trovano anche in alcune bevande energetiche.

Tuttavia, gli operatori sanitari consigliano di non utilizzare questa sostanza, anche se è garantito che sia composta per il 90% da elementi naturali. Il marchio stesso avverte gli utenti di non superare la dose massima giornaliera fissata a due grammi e di assumerla “quando ne avete bisogno” per evitare eventuali effetti avversi.

Stai per essere bandito dalla legge?

Se Sniffy è vietato ai minorenni, la sua commercializzazione nelle tabaccherie suscita l’indignazione degli specialisti delle dipendenze. Dipendenze Francia assicura che i tabaccai “contribuiranno alla banalizzazione della cocaina nel nostro mondo”. Al microfono di BFMTV, la presidente della Federazione francese delle tossicodipendenze, Amine Benyamina, aveva già chiesto il divieto da parte delle autorità pubbliche. “È fastidioso vedere questo tipo di prodotti offerti ai giovani”, ha reagito sabato 25 maggio a - Frédéric Valletoux, ministro delegato alla Salute e alla Prevenzione. Definendo il prodotto come “spazzatura”, il ministro ha espresso il desiderio di vietarlo “il più presto possibile”, promettendo di approfondire l’argomento questo fine settimana.

Sui suoi social network, la Confederazione dei tabaccai ha anche assicurato che “più del 90% della rete rifiuta la commercializzazione di questo prodotto”. “Non stiamo compromettendo la nostra etica”, ha insistito l’organizzazione, indicando di aver già contattato le autorità in merito ad un prodotto controverso.

Chiesto da 20 minutipur preservando la sua identità, il designer di Sniffy ammette di essersi sorpreso lui stesso che la sua polvere fosse commercializzata in una tabaccheria parigina, riconoscendo che il prodotto poteva “scioccare la gente”, che la “confusione” con la cocaina era possibile, pur negando qualsiasi incentivo .

-

PREV Un uomo di 28 anni incriminato dieci anni dopo l’omicidio del suo vicino di casa nel Var
NEXT Francia – Mondo – Il Senegal diventa ufficialmente un Paese produttore di petrolio