La NASA aiuta gli animali in via di estinzione e i loro habitat dallo spazio

-

Giaguari e il loro habitat

Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), nel secolo scorso l’areale del giaguaro è diminuito del 50%. Un tempo i giaguari vagavano dal sud-ovest degli Stati Uniti all’Argentina. Come le tigri, i giaguari combattono il bracconaggio e la perdita di fonti di cibo. La IUCN classifica i giaguari selvatici come quasi a rischio, con una popolazione compresa tra 64.000 e 173.000.

Il Gran Chaco è il secondo bosco più grande del Sud America. Inoltre, ospita giaguari e altri animali, ma è considerato un ecosistema particolarmente minacciato. La foresta si estende dal nord dell’Argentina alla Bolivia, al Paraguay e al Brasile, ma è soggetta a una grave deforestazione.

La NASA ha mappato le aree prioritarie per i giaguari. Lo hanno fatto utilizzando dati sull’uso del territorio e sulle infrastrutture, oltre alle osservazioni della Terra provenienti da MODIS e Landsat. Hanno scoperto che circa il 36% delle aree prioritarie nel Gran Chaco sono zone a “bassa protezione”. Queste sono le aree in cui è consentita la deforestazione.

Sebastian Martinuzzi dell’Università del Wisconsin-Madison è l’autore principale. Ha detto: “I manager e gli ambientalisti potrebbero utilizzare le nuove informazioni spaziali per vedere dove l’attuale zonizzazione forestale protegge gli animali chiave e dove potrebbe aver bisogno di una rivalutazione”.

Rifugi sicuri per gli elefanti

Gli elefanti della savana africana occupano circa il 15% del loro areale storico, ma il loro numero sta diminuendo. Uno studio ha esaminato circa il 90% dell’areale degli elefanti. Si stima che il loro numero sia diminuito di 144.000 elefanti dal 2007 al 2014. Ciò ha lasciato circa 352.000 elefanti e la IUCN ha modificato il loro stato in pericolo di estinzione nel 2021.

Uno studio recente ha utilizzato i dati satellitari della NASA per studiare gli elefanti nella Riserva nazionale Maasai Mara in Kenya. I ricercatori hanno studiato anche le vicine zone semiprotette e non protette. Hanno scoperto che gli elefanti preferiscono le fitte foreste lungo i corsi d’acqua, soprattutto nelle aree non protette. Inoltre, hanno scoperto che gli elefanti evitano le aree aperte come le praterie, soprattutto quando ci sono più persone in giro. Lo sviluppo umano, come gli alloggi turistici, è spesso costruito attorno a questo tipo di foresta.

Anche la IUCN classifica gli elefanti come a rischio di estinzione. Nel Bhutan meridionale si stanno intensificando i conflitti tra le persone e gli elefanti. Nel 2020-2021, il programma di sviluppo delle capacità della NASA ha selezionato gli studenti bhutanesi che studiano in America per il programma DEVELOP. Hanno collaborato con la Bhutan Foundation, il Bhutan Tiger Center e la Bhutan Ecological Society. I team hanno modellato l’idoneità dell’habitat attuale e hanno mappato i percorsi della fauna selvatica tra gli habitat. Hanno utilizzato le osservazioni della Terra della NASA, i dati sulla presenza degli elefanti e altre informazioni. Ha aiutato le strategie che hanno ridotto il rischio di conflitto.

-

PREV “Cosa ci rende madri? È un’esperienza biologica? La madre è soprattutto un essere sociale”
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez