L’ultima scoperta di Curiosity conferma che Marte era molto più simile alla Terra di quanto pensiamo

L’ultima scoperta di Curiosity conferma che Marte era molto più simile alla Terra di quanto pensiamo
L’ultima scoperta di Curiosity conferma che Marte era molto più simile alla Terra di quanto pensiamo
-

Orfano di Ingenuity, la cui missione si è conclusa all’inizio dell’anno, Curiosity continua ancora a esplorare il suolo di Marte, e i ricercatori del Los Alamos National Laboratory (LANL), nel New Mexico, affermano che il piccolo rover ha inviato nuove prove che ci sono ambienti simili alla Terra su Marte.

Dal 2015, e dal suo atterraggio nel cratere Gale, Curiosity esplora la superficie di Marte con l’obiettivo di scoprire se la superficie del pianeta rosso è abitabile e se ha mai ospitato la vita.

Rocce che si possono formare solo in acqua

“Dopo l’atterraggio, abbiamo trovato molte prove di acqua corrente, come fiumi che sfociano nei laghi. E questa roccia lacustre che rappresenta il lago sembra essere esistita per molto tempo nel cratere Gale,” spiega Patrick Gasda, ricercatore scientifico della LANL.

Le immagini inviate dal Rover rivelano un vasto campo di rocce di manganese, ed è proprio la presenza dell’ossido di manganese ad incuriosire gli scienziati. “Possiamo vedere che le rocce sono stratificate, sono tutte piatte e questo è caratteristico delle rocce formate nei laghi. Inoltre, queste rocce sono minerali argillosi o rocce che possono formarsi solo in acqua”, continua Gasda.

Fino al 45% di ossido di manganese nei sedimenti

Questo ricercatore ha pubblicato le sue scoperte sul Journal of Geophysical Research. Il suo team spiega perché l’ossido di manganese, rivelato da Curiosity a livelli significativamente aumentati nei sedimenti della Formazione Murray, è essenziale per comprendere il passato, certamente lontano, di Marte.

Innanzitutto, il suo team sottolinea che lo strumento ChemCam è essenziale per analizzare questi sedimenti. Creato in particolare da ingegneri francesi, questo strumento analizza tramite un laser la composizione chimica delle rocce marziane attorno al rover. Riscalda la superficie fino a diverse migliaia di gradi ed è il plasma che emerge che viene analizzato a distanza per determinarne la composizione. Roccia sedimentaria silicoclastica, la mudstone arricchita in ossido di manganese arriva fino al 45%.

credito fotografico: NASA

Una scoperta “sconcertante”.

Sulla Terra, dovresti sapere che questo ossido si trova nei fondali dei laghi o dei delta dove l’ossidazione è forte, spesso influenzata dai microbi. La presenza marziana di tali composti solleva la questione dell’origine dell’ossigeno necessario alla loro formazione, e quindi allo sviluppo dei microbi. Il che, secondo questo team di ricercatori, è semplicemente “confuso”.

“È difficile che l’ossido di manganese si formi sulla superficie di Marte, quindi non ci aspettavamo di trovarlo in concentrazioni così elevate in un deposito costiero”, riconosce Patrick Gasda. “Su Marte non abbiamo prove di vita e il meccanismo per la produzione di ossigeno nell’antica atmosfera di Marte non è chiaro. Di conseguenza, è davvero sconcertante il modo in cui l’ossido di manganese si è formato e concentrato qui. »

Anche se quest’acqua è scomparsa da milioni di anni, ciò non significa che anche tutta la vita sia scomparsa, e questa è l’eccezionalità di questa scoperta. “ Tutte le osservazioni che abbiamo finora suggeriscono che sì, se ci fossero microbi su Marte come la Terra, potrebbero assolutamente vivere su Marte”, conclude Gasda.

-

PREV La Borgogna perde un appassionato del suo terroir
NEXT Il prezzo del carburante diminuirà in alcune stazioni di servizio