Boeing si prepara a lanciare gli astronauti per la NASA in una nuova capsula

-

CAPO CANAVERAL, Florida. (AP) – Dopo anni di ritardi e inciampi, Boeing è finalmente pronta a lanciare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale per la NASA.

Si tratta del primo volo della capsula Starliner della Boeing con un equipaggio a bordo, una coppia di piloti della NASA che effettueranno un controllo della navicella durante il test drive e una permanenza di una settimana presso la stazione spaziale.

La NASA si è rivolta ad aziende statunitensi per i viaggi degli astronauti dopo che le navette spaziali sono state ritirate. La SpaceX di Elon Musk ha effettuato nove viaggi in taxi per la NASA dal 2020, mentre Boeing ha gestito solo un paio di voli di prova non occupati.

Mark Nappi, responsabile del programma Boeing, vorrebbe che Starliner fosse più avanti. “Non c’è dubbio su questo, ma ora siamo qui.”

Il decollo della tanto attesa dimostrazione degli astronauti della compagnia è previsto lunedì sera.

A condizione che questa prova vada bene, la NASA alternerà Boeing e SpaceX per portare gli astronauti da e verso la stazione spaziale.

Uno sguardo alla corsa più recente e alla sua crociera shakedown:

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Gli astronauti del Boeing Crew Flight Test della NASA Suni Williams e Butch Wilmore escono dal Neil A. Armstrong Operations and Checkout Building presso il Kennedy Space Center dell’agenzia in Florida durante una prova generale della missione venerdì 26 aprile 2024. (Frank Micheaux/NASA tramite AP)

LA CAPSULA

Bianca con finiture nere e blu, la capsula Starliner della Boeing è alta circa 10 piedi (3 metri) e ha un diametro di 15 piedi (4,5 metri). Può ospitare fino a sette persone, anche se gli equipaggi della NASA in genere saranno quattro. La società scelse il nome Starliner quasi dieci anni fa, una svolta sul nome del primo Stratoliner della Boeing e dell’attuale Dreamliner.

Nessuno era a bordo dei due precedenti voli di prova dello Starliner della Boeing. La prima, nel 2019, è stata colpita da problemi software così gravi che la sua capsula vuota non è riuscita a raggiungere la stazione fino al secondo tentativo nel 2022. Poi l’estate scorsa sono comparsi paracadute deboli e nastri infiammabili che dovevano essere riparati o rimossi.

L ‘EQUIPAGGIO

Gli astronauti veterani della NASA Butch Wilmore e Suni Williams sono capitani della Marina in pensione che hanno trascorso mesi a bordo della stazione spaziale anni fa. Si sono uniti al volo di prova dopo che l’equipaggio originale si è ritirato a causa dei ritardi accumulati. Wilmore, 61 anni, è un ex pilota da combattimento di Mount Juliet, Tennessee, e Williams, 58 anni, è un pilota di elicotteri di Needham, Massachusetts. I due sono stati coinvolti nello sviluppo della capsula e insistono sul fatto che Starliner sia pronta per il debutto, altrimenti non si allaccerebbero per il lancio.

“Non metteremo la testa sotto la sabbia”, ha detto Williams all’Associated Press. “Certo, Boeing ha avuto i suoi problemi. Ma noi siamo il QA (garanzia di qualità). I nostri occhi sono puntati sulla navicella spaziale”.

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

I membri dell’equipaggio del Boeing Crew Flight Test Suni Williams e Butch Wilmore lavorano nel simulatore Boeing Starliner presso il Johnson Space Center di Houston il 3 novembre 2022. Il primo volo della capsula Starliner della Boeing con un equipaggio a bordo è previsto per lunedì 6 maggio , 2024. (NASA/Robert Markowitz)

IL VOLO DI PROVA

Starliner decollerà a bordo del razzo Atlas V della United Launch Alliance dalla stazione spaziale di Cape Canaveral. Sarà la prima volta che gli astronauti viaggeranno su un Atlas dai tempi del Progetto Mercury della NASA, a cominciare da John Glenn quando divenne il primo americano a orbitare attorno alla Terra nel 1962. Sessantadue anni dopo, questo sarà il centesimo lancio dell’Atlas V, che viene utilizzato per sollevare satelliti e veicoli spaziali.

“Siamo estremamente attenti a ogni missione. Siamo super, super, super attenti” con le missioni umane, ha affermato Tory Bruno, CEO di ULA, una joint venture di Boeing e Lockheed Martin.

Starliner dovrebbe raggiungere la stazione spaziale in circa 26 ore. I sette residenti della stazione terranno gli occhi aperti sulla capsula in avvicinamento. L’arrivo di un nuovo veicolo è “davvero un grosso problema. Non lasci nulla al caso”, ha detto all’AP l’astronauta della NASA Michael Barratt dall’orbita. La Starliner rimarrà attraccata per otto giorni, sottoposta a controlli prima di atterrare nel Nuovo Messico o altrove nell’Ovest americano.

STARLINER CONTRO. DRAGO

Le capsule di entrambe le aziende sono progettate per essere autonome e riutilizzabili. Questo Starliner è lo stesso che ha effettuato il primo volo di prova nel 2019. A differenza dei Dragoni di SpaceX, Starliner ha controlli manuali tradizionali e interruttori insieme ai touchscreen e, secondo gli astronauti, è più simile alle capsule Orion della NASA per le missioni lunari. Wilmore e Williams prenderanno brevemente il controllo manuale per strizzare i sistemi nel loro viaggio verso la stazione spaziale.

La NASA ha donato a Boeing, un appaltatore spaziale di lunga data, più di 4 miliardi di dollari per sviluppare la capsula, mentre SpaceX ha ottenuto 2,6 miliardi di dollari. SpaceX operava già nel settore delle consegne alla stazione e si è limitato a rimodellare la sua capsula cargo per l’equipaggio. Mentre SpaceX utilizza le Tesla del boss per portare gli astronauti sulla rampa di lancio, Boeing utilizzerà un più tradizionale “astrovan” dotato di uno schermo video che, secondo Wilmore, riprodurrà “Top Gun: Maverick”.

Una grande differenza alla fine del volo: lo Starliner atterra a terra con gli airbag ammortizzanti, mentre il Dragon si tuffa in mare.

IL FUTURO

Boeing è impegnata in sei viaggi Starliner per la NASA dopo questo, che porteranno la compagnia alla fine prevista della stazione nel 2030. Nappi di Boeing è riluttante a discutere di altri potenziali clienti fino al termine di questo volo inaugurale dell’equipaggio. Ma la società ha fatto sapere che un quinto posto sarà disponibile per i clienti privati. SpaceX vende periodicamente posti a magnati e persino a paesi desiderosi di portare i propri cittadini alla stazione per un paio di settimane.

Prossimamente: la mini navetta di Sierra Space, Dream Chaser, che consegnerà il carico alla stazione entro la fine dell’anno o il prossimo, prima di accettare i passeggeri.

___

Il Dipartimento Salute e Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno del Gruppo Scienze e Media Educativi dell’Howard Hughes Medical Institute. L’AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

-

PREV Cosa fare contro le zecche? Risposte in un gioco di fuga
NEXT “Stanno emergendo due clan”