Portata sullo schermo l’epopea delle Nati ai Mondiali del 1994

Portata sullo schermo l’epopea delle Nati ai Mondiali del 1994
Portata sullo schermo l’epopea delle Nati ai Mondiali del 1994
-

Il viaggio di una generazione d’oro che ha fatto sognare il Paese ha diritto al suo film 30 anni dopo. Il documentario “L’epopea 1994, la Svizzera ai Mondiali” di “RTS” ripercorre la traiettoria della Nazionale di calcio allenata da Roy Hodgson tra il 1992 e il 1994. La Nati riuscì a fuggire dalle qualificazioni, dove si trovò in un girone ostico. tra cui Italia, Portogallo e Scozia, per qualificarsi per la prima volta dal 1966 a una fase finale della Coppa del Mondo. Durante il torneo negli Stati Uniti, è scappata dal gruppo che aveva formato con il paese ospitante, Romania e Colombia per raggiungere il turno di 16 dove ha perso 3-0 contro la Spagna.

Il giornalista Frédéric Scola e il regista Yves Matthey hanno mescolato immagini d’archivio con ricordi di ex nazionali dell’epoca e dell’allenatore inglese, oltre a testimonianze di seguaci di Nati e giocatori delle generazioni successive. “Questo documentario era il sogno di Frédéric Scola che mi ha chiesto di realizzarlo. Personalmente sono appassionato di calcio e faccio parte di questa generazione che non ha mai visto la Svizzera partecipare a un Mondiale fino all’età di 30 anni. Volevamo raccontare anche ciò che la gente non ha mai visto, storie umane, c’è nostalgia ed emozione. Abbiamo un totale di 25 partecipanti che sono stati felici di partecipare al progetto, gli ex giocatori hanno legami indissolubili, questa avventura li ha uniti per la vita. Questi eroi hanno ridato orgoglio al popolo svizzero anche per quanto riguarda il calcio. La gente è scesa in piazza per celebrare le vittorie”, spiega Yves Matthey.

Patrick Sylvestre, originario del Giura, faceva parte di questa epica squadra svizzera. “Era un periodo particolare per il calcio svizzero, perché era dal 1966 che la nazionale non si qualificava alla fase finale dei Mondiali. La mia prima selezione fu nel 1989 contro la Spagna e a quel tempo – lì eravamo molto poco seguiti, erano pochissimi persone alla nostra formazione. Il cammino di qualificazione a questo Mondiale ha riportato entusiasmo, abbiamo visto il cambiamento nella visione della gente nei confronti della squadra. Roy Hodgson è stato un pioniere del gioco a zone, tutti i giocatori hanno imparato molto da lui e ha stabilito qualcosa che l’ASF ha poi utilizzato per 20 anni nei propri allenamenti. E l’aspetto altrettanto importante sono le risorse finanziarie che questa epopea ha permesso di liberare per la federazione. Ciò ha permesso di assumere persone come Bernard Challandes e Yves Debonnaire che hanno lavorato moltissimo per la formazione e questo lavoro della fine degli anni Novanta ha trovato eco, dal momento che dal 2004 la Svizzera è qualificata a tutte le fasi finali, tranne Euro 2012”, confida Patrick Sylvestre . Il centrocampista del Bure evoca nel film il ricordo contrastante in cui Roy Hodgson gli annuncia che andrà negli Stati Uniti, subito dopo aver detto al suo amico e compagno di stanza Christophe Bonvin che non era stato selezionato.

Il documentario «L’epopea del 1994, la Svizzera ai Mondiali» sarà trasmesso domenica alle 10.30 al Cinémont nel corso di una sessione unica in collaborazione con la Federcalcio del Giura e alla presenza di Patrick Sylvestre, Yves Matthey e di Frédéric Scola . /emu

-

PREV Neymar confida il suo desiderio di giocare un giorno nel Flamengo
NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1