verso una catastrofe paragonabile a Katrina?

-

162 morti, 82 dispersi, 580.000 sfollati, 178.000 persone senza elettricità… Le inondazioni in corso nel Rio Grande do Sul, nel sud del Brasile, sono ancora lontane dall’essere terminate, ma rappresentano già uno dei disastri naturali più gravi del mondo la storia del paese.

Dopo una breve pausa, mercoledì 22 maggio sono riprese le piogge intense, che hanno raggiunto i 50 mm, secondo l’Istituto Nazionale di Meteorologia brasiliano. Tra il 26 aprile e il 4 maggio, alcune delle principali città dello stato hanno registrato precipitazioni fino a 533 mm, quasi quattro volte la media prevista per il mese di aprile, riferisce il BBC Brasile.

Malattie e montagne di rifiuti

Il disastro potrebbe anche innescare una crisi sanitaria. Le autorità temono in particolare un aumento dei casi di leptospirosi, direttamente collegato all’innalzamento del livello delle acque. Questa malattia viene trasmessa dopo l’esposizione all’urina di animali infetti. Dal 19 maggio sono già morte due persone, mentre sono stati registrati diciannove pazienti e 304 casi probabili, avverte il Correio Braziliense.

I rischi per la salute sono inoltre aumentati dall’afflusso senza precedenti di rifiuti causato dal maltempo. Il municipio di Canoas, vicino a Porto Alegre, la capitale dello stato, prevede di dover raccogliere più di 120.000 m3 di rifiuti, dove solitamente vengono raccolti solo tra gli 8.000 e i 9.000 m3 al mese, dettaglia il Folha de San Paolo.

Cambiamenti climatici e deforestazione

Perché le inondazioni sono diventate così gravi? ? Dal punto di vista meteorologico, si tratta di un’ondata di caldo concentrata nel centro del Paese che impedisce alle piogge di uscire dal sud del Brasile. Questi ultimi sono a loro volta alimentati da una corrente umida proveniente dal nord del paese, così come ad ovest dal fenomeno del Niño, spiega il BBC.

Su scala locale, le conseguenze catastrofiche possono essere spiegate anche dalla massiccia deforestazione intrapresa da decenni nel Rio Grande do Sul. La sola regione di Guaíba, che ne rappresenta circa 30 % del territorio dello Stato, ha perso 1,3 milioni di ettari di vegetazione naturale tra il 1985 e il 2022.

“ La trasformazione del suolo in terreno coltivato favorisce l’erosione e il deflusso »

Si tratta però di una delle zone più colpite: “ Vegetazione naturale […] protegge i suoli e la loro capacità di assorbimento dell’acqua piovana » spiega Valério Pillar, professore dell’Università Federale del Rio Grande do Sul, sul sito di informazione ambientale O Eco. “ La trasformazione del suolo in terreno coltivato favorisce l’erosione e il deflusso superficiale »lui continua.

Dal giugno 2023, il Rio Grande Sur ha subito altri tre episodi di inondazione, provocando la morte di settantacinque persone. In un anno il bilancio umano ammonta quindi – per il momento – a 237 morti, molto più dei quattordici decessi registrati tra il 2003 e il 2021, sottolinea il sito UOL. Un’ulteriore prova, se ce ne fosse bisogno, dell’accelerazione della crisi climatica.

Impreparazione ai disastri climatici

In questo contesto, la stampa brasiliana non esita a paragonare le inondazioni alla devastazione causata dall’uragano Katrina, che colpì gli Stati Uniti nel 2005. Per l’entità dei danni, ma anche per le carenze nell’organizzazione degli aiuti.

type="image/webp">>

Eduardo Leite, governatore dello stato del Rio Grande do Sul, è stato preso di mira per la sua scarsa gestione delle inondazioni.
Flickr / CC DINC 2.0 Azione / Gabriel Souza

Nel mirino delle critiche c’è soprattutto un uomo: Eduardo Leite, governatore dello stato di Rio Grande Sur. Affiliato alla destra liberale, si è distinto in particolare nei primi giorni della crisi chiedendo donazioni… per un’organizzazione privata, “ con la gestione pubblica », ha poi cercato di giustificarsi. Sei giorni dopo, Leite è intervenuta di nuovo per mettere in guardia contro l’eccesso di donazioni alle vittime, sostenendo le possibili conseguenze per l’evento “ attività locale ».

Da anni i media denunciano soprattutto l’impreparazione delle autorità pubbliche. Nel 2012, il governo federale ha stanziato 241 milioni di reais (43,2 milioni di euro) per finanziare dighe e stazioni di pompaggio, che avrebbero potuto essere utilizzate durante le attuali inondazioni. Lavoro mai intrapreso.

-

PREV Drammatico incidente a La Rochelle: l’autista ricoverato in psichiatria, due bambini dimessi dall’ospedale
NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India