L’astronauta francese Sophie Adenot reagisce al suo futuro viaggio sulla ISS

L’astronauta francese Sophie Adenot reagisce al suo futuro viaggio sulla ISS
L’astronauta francese Sophie Adenot reagisce al suo futuro viaggio sulla ISS
-

Oggi ha 41 anni, la donna che sarà in orbita nella primavera del 2026 dice di aver “sognato per molti anni” questa consacrazione e ha intenzione di lavorare duro nei due anni che la separano dalla partenza.

Dirigiti alla Stazione Spaziale Internazionale per Sophie Adenot. Mercoledì 22 maggio, l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha annunciato che questa pilota di elicottero, 41 anni, sarà la prima degli astronauti europei della classe 2022 a volare sulla ISS, nella primavera del 2026. Diventerà così la seconda francese astronauta della storia ad andare in orbita, trent’anni dopo Claudie Haigneré.

Su BFMTV questo giovedì, 23 maggio, la donna che ha appena conseguito il diploma di astronauta ripercorre i suoi sentimenti quando ha saputo della sua partenza nello spazio. “La prima emozione è stata una gioia intensa”, ricorda Sophie Adenot.

“Lo sogno da tanti anni, fin da quando ero piccolo. Un sogno è lontano, è quello che mi ha permesso di costruire il mio percorso professionale ed extraprofessionale: ‘se faccio questa attività, apprendo questa abilità, mi porta a questa?’ È stato un filo conduttore per tutta la mia vita, ma non avrei mai pensato che sarei stata lì”, spiega.

“Quando ci pensi, può succedere”

Tuttavia, non c’è tempo per assaporare troppo. Sophie Adenot le assicura che è immediatamente “entrata in modalità conto alla rovescia”.

“Mi sono detto, wow, ho ancora il modulo di qualificazione per la passeggiata extraveicolare, pilotando il braccio robotico, imparando le procedure, ce ne sono fino a 15.000 richieste a bordo della ISS”, spiega l’astronauta. A questo va aggiunto l’addestramento alla sopravvivenza “che ci permette di prepararci a gestire gli imprevisti”.

Sophie Adenot può contare sull’appoggio di Thomas Pesquet, “un mentore” che è rimasto lui stesso diversi mesi sulla ISS. “È un riferimento, così come gli altri astronauti europei. Tutti ci hanno aiutato durante tutto l’anno, ci hanno dato consigli, ci hanno permesso di comprendere meglio l’addestramento che avremmo seguito”, ricorda.

E il futuro inquilino della Stazione Spaziale Internazionale manda un messaggio di speranza a tutti gli adolescenti che sognano anche loro di andare nello spazio.

“Gli direi che se hai un sogno, non averne paura, realizzalo, devi crederci. Ti assicuro che ci saranno molte persone che diranno “non è possibile”. Non conto nemmeno il numero di volte che me lo hanno detto, e poi sono una grande sognatrice e ho lavorato tanto, quando ci pensi, può succedere”, conclude.

Formazione della durata di diversi mesi

Altri cinque astronauti hanno ricevuto diplomi dall’Agenzia spaziale europea. Tre uomini – il belga Raphaël Liegeois, lo spagnolo Pablo Alvarez Fernandez e lo svizzero Marco Sieber – e tre donne, Sophie Adenot, la britannica Rosemary Coogan e l’australiana Katherine Bennell-Pegg, si sono laureati nell’ambito di una partnership con l’ESA.

La selezione, nominata alla fine del 2022, ha iniziato la formazione nell’aprile 2023. Formazione di base “che fornisce ai candidati una comprensione e una competenza complete in varie discipline, essenziali per i loro futuri ruoli e responsabilità nello spazio”, secondo THE Sito web dell’Agenzia spaziale europea.

Insegnamenti di biologia fondamentale, formazione medica, corsi di astronomia, allenamenti in piscina per avvicinarsi alle condizioni dello spazio… Tante sono state le esperienze vissute dai nuovi astronauti europei negli ultimi mesi.

Mercoledì Emmanuel Macron ha accolto con favore la scelta dell’astronauta francese. “Ci sono annunci che ti fanno girare la testa”, ha reagito tramite il social network X.

I più letti

-

PREV Apple crittografa i suoi aggiornamenti del sistema operativo per evitare perdite
NEXT Gelo d’acqua trovato sulla sommità dei vulcani di Marte (ed è importante)