Top e flop (Portogallo 2024)

Top e flop (Portogallo 2024)
Top e flop (Portogallo 2024)
-

Per la settima stagione consecutiva, i top e i flop restano fedeli ai loro impegni ogni mercoledì dopo il raduno. Il principio rimane lo stesso con tre categorie distinte. Innanzitutto i “top” evidenziano le performance da ricordare. Al contrario, i “flop” segnalano le delusioni del fine settimana. Il “né né” conclude questa rubrica con un elemento che avrebbe potuto benissimo figurare nelle due categorie precedentemente citate.

Anche quest’anno questa classifica vuole essere puramente soggettiva e attende solo le vostre opinioni, vicine e contraddittorie. Che sono ovviamente graditi nei commenti in fondo all’articolo.

Cime:

1 Sebastien Ogier Qualunque fosse la sua posizione sulla strada, il francese è riuscito a stare davanti. Grande costanza ma anche 7 graffi, record del weekend, per un’altra vittoria controllata in Portogallo. Essenziale per Toyota.
2 Thiery Neuville Un venerdì favoloso che ha aperto la strada, un sabato più misto, poi una domenica brillante vincendo il suo duello contro Tänak. Il belga non è mai stato così ben piazzato in campionato a un terzo della stagione.
3 Jan Solans Di fronte ad una concorrenza enorme, lo spagnolo è stato uno dei pochi a non commettere errori. La più grande vittoria della sua carriera e, per di più, la prima per una Yaris Rally2 nel WRC2

Flop:

1 Kalle Rovanperä Seconda grande uscita in tre presenze stagionali. Già poco espressivo quando vinceva, il finlandese quest’anno non sembra molto coinvolto e sta commettendo errori insoliti. Ha già parlato delle vacanze estive. Ritorno previsto tra due mesi in Lettonia.
2 Takamoto Katsuta Sfortunatamente, per i giapponesi è quasi lo stesso ritornello. Grande velocità, ma ancora errori nella seconda giornata in cui si dovrebbe fare la differenza.
3 Gregoire Munster Se la Croazia era stata complicata, il Portogallo forse lo era ancora di più. In un rally che cambia poco di anno in anno, il pilota della M-Sport ha pagato caro la sua mancanza di esperienza e ha dominato due terzi del fine settimana.

Né né: Ott Tänak

Finalmente un po’ di ritmo e buone sensazioni con la Rally1 della Hyundai. Piuttosto promettente per il futuro in attesa dei tre scambi veloci in cui dovrà prendere il vantaggio su Neuville se vorrà ancora credere nel titolo.

-

PREV Sito ufficiale del Campionato Francese Superbike
NEXT Calcio – Regionale 1: AF Biars Bretenoux: finisce in grande stile