Un montepremi permette a Evan, un bambino di 10 anni della Drôme, di “realizzare il suo sogno” di un campionato europeo di BMX in Italia

-

“Ci stanno aiutando persone che non conosciamo nemmeno”. Élodie stenta a crederci: grazie alla generosità di persone care e di sconosciuti, tutta la sua famiglia può accompagnare Evan, 10 anni, ai campionati europei di BMX in Italia. Lei va da Aouste-sur-Sye a Verona questo martedì, prima della gara di venerdì.

La BMX Racing è un affare di famiglia tra questi Drômois. cominciò Evan questo sport a 5 anni. Ha convertito anche il suo fratello minore, i suoi genitori e presto il più giovane, di 1 anno. “Mi piace dare spettacolo durante tutte le gare, ad esempio quando salto e tutto questo. Non sono molti quelli che lo fanno”.

caricamento

Un incredibile track record a 10 anni

Evan ha già un ottimo track record: più volte campione della Drôme-Ardèche, campione dell’Auvergne-Rhône-Alpes, 10° miglior pilota francese nel 2022. L’anno scorso è arrivato 16° ai Campionati Europei, che si sono svolti a Besançon. Ancora una volta qualificato, il ragazzo spera di arrivare tra i primi otto e punta addirittura al podio.

Da due anni lo è anche Evan qualificato per la competizione mondiale. L’anno scorso si è svolto a Glasgow, in Scozia. Quest’anno, a Rock Hill, negli Stati Uniti. Ma con un padre che è un agente dell’acqua e una madre che è un’assistente scolastica alle scuole medie e superiori, questi viaggi rappresentano moltissimo. I soldi dei pochi sponsor non bastano.

Evan è qualificato per i campionati del mondo da due anni!
Elodie Jullian

Una frustrazione come genitori

“Piccole razze, come nella Drôme-Ardèche, sono vicine, spiega mamma Élodie. Ci sono ancora impegni da pagare, costi chilometrici. Questo è uno sport che diventa rapidamente molto costoso. È una frustrazione perché l’abbiamo fatto vuoi portare i tuoi figli il più lontano possibile.” La madre stima che la pratica della BMX per i suoi due figli valga più di 5.000 euro all’anno.

La famiglia allora decide di aprire un montepremi online il 1 maggio, per partecipare almeno al campionato Europeo, che si svolge in Italia. In pochi giorni sono stati raccolti 650 euro. Una somma che non copre tutte le spese per il viaggio a Verona (stimate sui 1.000 euro), ma per Élodie rappresenta molto : “È già enorme. Non avremmo mai pensato di arrivare a questo punto. La gente ci lascia dei bigliettini.” “Realizzeremo un altro sogno”assicura la madre.

-

PREV un accordo tra crack per intascare 15 milioni?
NEXT Cristiano Ronaldo e il Portogallo hanno ancora fame