Playoff NHL | I Rangers battono gli Hurricanes 4–3 e vincono Gara 1

-

(New York) Mika Zibanejad ha segnato due gol e un assist, portando i New York Rangers alla vittoria per 4-3 sui Carolina Hurricanes domenica sera.


Inserito alle 19:02

Zibanejad ha raccolto tutti i suoi punti nel primo periodo, mentre le “Camicie Blu” hanno subito dato il tono a questa serie di secondo turno tra le due migliori squadre del girone metropolitano.

I Rangers, che hanno vinto il Trofeo dei Presidenti in questa stagione, sono andati in vantaggio per 1-0. Il secondo duello avrà luogo martedì sera al Madison Square Garden.

“Volevamo davvero iniziare bene, soprattutto in casa, nella prima partita”, ha detto Zibanejad. Siamo riusciti a riposarci e si è visto. I ragazzi erano entusiasti di giocare e quando riusciamo a segnare velocemente nelle nostre occasioni, è bello. »

Vincent Trocheck, autore anche di un assist, e Artemi Panarin hanno segnato per la vittoria. Chris Kreider ha partecipato a due gol per la sua squadra.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO WENDELL CRUZ, USA TODAY SPORTS VIA REUTERS CON

Mika Zibanejad (93) ha segnato due gol e un assist

Igor Shesterkin non ha necessariamente giocato la sua miglior partita, ma ha effettuato 22 parate. È diventato il terzo portiere nella storia dei Rangers ad iniziare i playoff con cinque vittorie consecutive, dopo Dave Kerr (1937) e Mike Richter (1994).

“Dopo una settimana senza giocare, pensavo che avessimo avuto un ottimo inizio. L’abbiamo seguito per tutta la partita”, ha osservato l’allenatore dei Rangers Peter Laviolette.

Jaccob Slavin, Martin Necas e Seth Jarvis hanno risposto per gli Hurricanes. Frederik Andersen si è arreso quattro volte in 23 tiri.

Gli Hurricanes sono stati esclusi su cinque giochi di potere e hanno concesso due gol su altrettante occasioni con un giocatore in meno.

“Penso che abbiamo giocato un’ottima partita”, ha insistito l’allenatore degli Hurricanes Rod Brind’Amour. In un paio di rigori non abbiamo eseguito le cose bene e lo hanno fatto. Non eravamo del tutto puntuali e questo ha fatto la differenza. »

Le due squadre hanno offerto un primo periodo entusiasmante per i tifosi, ma che ha indubbiamente fatto venire i capelli grigi agli allenatori.

Zibanejad ha aperto le marcature dopo meno di tre minuti di gioco, si è rannicchiato nello slot e non ha potuto fare altro che completare la messa in scena di Jack Roslovic, che ha mostrato grande pazienza nel girare la rete.

I festeggiamenti durarono solo 62 secondi. Installato sul punto, Slavin ha preso un one-timer e il disco ha colpito la lama del bastone di Alexis Lafrenière prima di sorprendere Shesterkin.

Tony DeAngelo ha rotto il ritmo della sua squadra e ha aperto la porta ai Rangers con un violento assegno a Will Cuylle. Gli arbitri gli assegnano un rigore per rudezza e Zibanejad raddoppia il vantaggio dei newyorkesi dopo un bel scambio con Trocheck e Kreider.

Lo stesso Trocheck si occupò di far pagare agli Hurricanes la loro indisciplina prima della fine dello scontro. Mentre Evgeny Kuznetsov era seduto in panchina, si è avventato su un disco vagante davanti ad Andersen per il 3-1.

Gli ospiti hanno ottenuto due vantaggi numerici nel secondo periodo, ma i Rangers hanno mostrato una buona coesione difensiva per limitare i danni. Inoltre hanno dato pochissime possibilità a parità di forza.

Gli Hurricanes, però, hanno colmato il divario nel terzo periodo, rendendo le cose entusiasmanti. Un superbo ingresso in zona ha permesso a Necas di presentarsi da solo davanti a Shesterkin e ha battuto il russo con un tiro veloce.

I Rangers hanno ritrovato il vantaggio di due gol al 8:21, grazie a Panarin. Andersen, però, vorrebbe rivedere il suo tiro, visto che il disco gli è scivolato tra il braccio destro e il corpo.

Nel finale di gara il portiere danese era in panchina quando i compagni hanno ridotto nuovamente le distanze, grazie a Jarvis, ma i Rangers hanno resistito.

Con l’Associated Press

-

PREV Lavatrice gratuita | A parte Macklin Celebrini, una bozza davvero imprevedibile
NEXT NHL: Jacob Trouba ha poco da dire sulla gomitata che ha dato