Roland-Garros: misterioso, Novak Djokovic “non vuole aprire il vaso di Pandora” nei suoi ultimi mesi

Roland-Garros: misterioso, Novak Djokovic “non vuole aprire il vaso di Pandora” nei suoi ultimi mesi
Roland-Garros: misterioso, Novak Djokovic “non vuole aprire il vaso di Pandora” nei suoi ultimi mesi
-

Non ci sono stati i soliti sorrisi o battute. Due giorni dopo l’eliminazione in semifinale di Ginevra, alla quinta sconfitta stagionale, Novak Djokovic era presente domenica in conferenza stampa a margine del suo primo turno del Roland-Garros, atteso contro Pierre-Hugues Herbert. , questo martedì.

Ma il serbo, vestito tutto di nero, non ha mostrato la sua naturale distensione. Impantanato in domande sul suo stato fisico o mentale, il numero 1 del mondo ha risposto a corrente alternata. Vedendosi come il futuro vincitore del torneo. “Tutto altro che un titolo non mi soddisfa. È sempre stato così. So che posso sembrare arrogante. Ma Parigi è un gran titolo. E il mio obiettivo è continuare a scrivere la storia. »E talvolta come un favorito molto indebolito.

“Certo che mi ha colpito questi mesi che non sono stati proprio grandiosi. (…) Sono successe diverse cose negli ultimi 2 mesi. Non entrerò nei dettagli, penso che tu lo capisca. Non voglio aprire il vaso di Pandora e parlare di tutte queste cose, ma cerco di concentrarmi su ciò che bisogna fare, quello che è successo è successo, resta dietro di me, è nel passato”, ha risposto misteriosamente il “Djoker” .

“Raggiungere il mio apice al Roland-Garros”

Triplo vincitore al Roland-Garros, Djokovic arriva questa volta senza riferimento né titolo dall’inizio del 2024. Venuto a Ginevra la settimana scorsa per ritrovare il ritmo, sembrava in declino, dominato in tre set dal ceco Tomas Machac (6-4, 0 -6, 6-1), con in più qualche sussulto nel dissetarsi diventato virale sui social.

“Preoccupato” dopo la partita, “Nole” non ha menzionato né il suo malore dovuto al torneo svizzero né le sue sensazioni in questo momento, preferendo indicare che sa di cosa è “capace in uno Slam”. “Questi sono i tornei in cui gioco il mio miglior tennis. Ho potuto farlo durante la mia carriera. Sulla terra battuta voglio sempre raggiungere il massimo della forma al Roland Garros, ha avvertito. Devo solo costruire il mio gioco, mi serve per arrivare in finale. »

Arrivato sabato a Porte d’Auteuil, Novak Djokovic ha già partecipato a due allenamenti, di cui uno questo pomeriggio con Flavio Cobolli. Quanto basta per riscaldarsi un po’ prima del primo turno accessibile contro il francese Pierre-Hugues Herbert (142esimo al mondo), in programma martedì. In caso di vittoria, il serbo guadagnerà lentamente forza contro Roberto Carballes Baena o Constant Lestienne prima di un primo test contro Lorenzo Musetti o Gaël Monfils.

Le notizie del Roland-Garros 2024 possono essere seguite in diretta con commento leparisien.fr

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1