Abete rosso, betulla, quercia… le superfici in legno sono una buona difesa contro i virus

Abete rosso, betulla, quercia… le superfici in legno sono una buona difesa contro i virus
Abete rosso, betulla, quercia… le superfici in legno sono una buona difesa contro i virus
-

Il legno, noto per le sue proprietà antibatteriche e antimicotiche, viene naturalmente utilizzato, ad esempio, nella produzione di taglieri. Ma quali sono le sue proprietà antivirali? Alcuni ricercatori finlandesi hanno testato la durata dei virus sulle superfici di legno, i cui risultati sono stati pubblicati dall’American Chemical Society e trasmessi da franceinfo.

Il legno può ridurre il rischio di trasmissione di alcuni virus e alcuni legni sono più efficaci di altri. Pertanto, l’abete rosso, la betulla, la quercia e l’eucalipto impiegano da una a quattro ore per distruggere la capacità dei coronavirus o degli enterovirus di infettare le cellule. Un tempo molto più breve che su altre superfici, che rimangono virali per diverse settimane di seguito anche se disinfettate.

Pino, abete rosso, betulla e ontano

Per questo studio, Varpu Marjomäki e i suoi colleghi hanno spruzzato la superficie di un campione di legno con una soluzione liquida e poi lo hanno collocato in una capsula Petri contenente cellule in coltura. Hanno poi esaminato il numero di cellule infettate dal virus.

I risultati delle loro dimostrazioni con il coronavirus hanno mostrato che pino, abete rosso, betulla e ontano impiegano un’ora per ridurre completamente la capacità del virus di infettare le cellule, mentre l’eucalipto e la quercia impiegano due ore. Pine ha avuto l’attività antivirale più rapida, iniziando dopo cinque minuti. Spruce è arrivato secondo, con l’inizio dell’azione dopo 10 minuti.

Queste proprietà antivirali vengono però ridotte se il legno viene mescolato con plastica o altri materiali. I ricercatori sottolineano che la determinazione dei meccanismi chimici responsabili dell’inattivazione virale richiederà ulteriori studi.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega