Gelatina per realizzare abiti riciclabili all’infinito

Gelatina per realizzare abiti riciclabili all’infinito
Gelatina per realizzare abiti riciclabili all’infinito
-

Secondo uno studio realizzato dall’Agenzia per la transizione ecologica (Ademe), ogni anno in Francia vengono gettate via circa 1,7 milioni di tonnellate di prodotti tessili. Ne viene raccolto solo il 10%. Vengono riciclate poco più di 100.000 tonnellate. Abbastanza per tracciare i contorni del problema.

Gelatina per risolvere il problema dei rifiuti tessili

Un problema che i ricercatori dell’Università del Colorado a Boulder (Stati Uniti) hanno voluto risolvere in modo ingegnoso. Si sono chiesti non quale nuova risorsa sfruttare per migliorare la riciclabilità dei tessili, ma quale risorsa inutilizzata. E hanno subito pensato alla gelatina. Questa proteinaproteina L’elastico è presente nelle ossa di molti animali. Ogni anno i produttori di carne buttano via grandi quantità di carne che non soddisfa i requisiti dei prodotti cosmetici o alimentari. Un vantaggio per i nostri ricercatori.

Nel Atti della conferenza CHI sui fattori umani nei sistemi informatici, parlano di come hanno immaginato una macchina – la cui produzione non costa più di 560 dollari – in grado di produrre biofibre tessili dalla gelatina. Fibre che ricordano le fibre di lino. Ma che può dissolversi in acqua calda in pochi minuti o un’ora. La gelatina può quindi essere recuperata e riciclata in nuove fibre.

Grazie alla gelatina, ai tessuti intelligenti riciclabili

Meglio ancora, la soluzione potrebbe aiutare riciclarericiclare i nuovi tessuti intelligenti su cui i marchi stanno attualmente lavorando. I ricercatori lo hanno dimostrato rendendolo piccolo sensorisensori tessuti di fibre di gelatina, cotone e fili conduttivi. Una volta immersi questi sensori in acqua calda, la gelatina si scioglieva e i fili si liberavano naturalmente.

I ricercatori devono ancora migliorare il loro prodotto. Anche se già assicurano che gli additivi naturali come gli estratti di frutta possono rendere le loro fibre più resistenti. Ma nessuno vuole vedere la propria maglietta sparire sotto la pioggia. E i ricercatori sperano di poter sfruttare anche altri materiali naturali come la chitina che è nascosta nei gusci dei granchi.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega