La salute della donna: i vent’anni, il decennio per adottare buone abitudini

La salute della donna: i vent’anni, il decennio per adottare buone abitudini
La salute della donna: i vent’anni, il decennio per adottare buone abitudini
-

I periodi irregolari, ad esempio, possono richiedere lo screening per la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), che prevede un rischio più elevato di malattie cardiache precoci. Anche l’età in cui inizia il menarca e l’uso di contraccettivi ormonali possono influenzare il futuro rischio cardiovascolare. Inoltre, tutto ciò che accade durante la gravidanza, che si tratti di diabete gestazionale, ipertensione, preeclampsia, aborto spontaneo o parto prematuro, è collegato a un successivo rischio di malattie cardiache.

Lo screening per il cancro cervicale inizia intorno ai vent’anni, con uno striscio o citologia cervicale, ogni tre anni. Ma gli esami durante questi altri anni offrono anche l’opportunità per esami pelvici, esami di salute mentale, consulenza contraccettiva, discussioni sulla pianificazione familiare e rischio di cancro al seno, possibili esami fisici del seno e screening per le infezioni trasmesse sessualmente.

I test per le malattie sessualmente trasmissibili “devono essere personalizzati in base ai fattori di rischio e al numero di partner sessuali con cui una persona ha rapporti sessuali non protetti”, afferma Sarah Pachtman, ostetrica-ginecologa e specialista in medicina materno-fetale presso il North Shore University Hospital e HealthyMamaDoc su Instagram. Lo screening annuale delle malattie sessualmente trasmissibili è saggio, ma per alcune persone può essere saggio uno screening più frequente.

Se non vuoi rimanere incinta, discuti le tue opzioni contraccettive con il tuo medico, consiglia Sarah Pachtman. Più il contraccettivo è efficace e facile da usare, più è probabile che lo usi regolarmente e correttamente.

“La contraccezione funziona solo se la usi correttamente ogni volta”, afferma. La contraccezione più efficace è quella a lunga durata d’azione, come lo IUD. Sarah Pachtman raccomanda alle donne di cercare il controllo del dolore durante l’inserimento dello IUD.

Se vuoi rimanere incinta, consulta il tuo ostetrico-ginecologo per discutere come ottimizzare la tua salute prima della gravidanza, aggiunge Pachtman.

“Uno stile di vita sano prima della gravidanza è il modo migliore per avere una gravidanza tranquilla e sana”, afferma. “Tutti hanno qualcosa da migliorare.” È anche importante iniziare a prendere vitamine prenatali, o almeno un integratore di acido folico, molto prima di provare a concepire. “I livelli di acido folico nel sangue devono essere corretti prima di perdere il ciclo mestruale perché l’acido folico aiuta a prevenire i difetti del tubo neurale”, spiega Sarah Pachtman.

Se la tua gravidanza non è pianificata e intendi portarla a termine, la tua prima visita dovrebbe essere tra l’ottava e la decima settimana di gravidanza per un esame fetale. Assicurati inoltre di ricevere le vaccinazioni raccomandate durante la gravidanza, inclusi i vaccini antinfluenzale, COVID e Tdap, un vaccino per la pertosse per proteggere il tuo neonato nelle prime settimane di vita e il nuovo vaccino RSV per prevenire il virus respiratorio sinciziale nel tuo bambino.

Il tuo ginecologo o medico di famiglia dovrebbe anche farti domande sulla tua salute mentale e sui livelli di stress. Sebbene le raccomandazioni per lo screening della depressione e dell’ansia varino da società a società, Sarah Pachtman ritiene che non siano sufficienti. Ad ogni visita, chiede ai suoi pazienti quali sono i sintomi di depressione e ansia, il rischio di violenza domestica e l’uso di sostanze.

Infine, c’è tutto il resto, gran parte del quale ha a che fare con la salute generale del metabolismo e del cuore.

“Tutte le cose che facciamo per ottimizzare la salute del cuore funzionano anche per la salute del cervello, e tutto inizia negli adolescenti e nei ventenni”, afferma Rosen.

Ciò significa prendersi cura della propria salute mentale, gestire lo stress e cercare un trattamento per i sintomi della depressione o dell’ansia. Anche la salute orale deve avere la priorità. Molte persone non si rendono conto che la malattia parodontale può aumentare il rischio cardiovascolare; la messa in scala due volte l’anno è anche l’occasione per effettuare brevi proiezioni. Circa il 75% dei tumori del collo e della testa si sviluppano nella bocca, ma bastano pochi minuti perché il dentista rilevi eventuali lesioni sospette.

La pressione arteriosa va controllata ogni due anni, a meno che non sia normale, cioè inferiore a 120/80 mmHg, nel qual caso va controllata annualmente. I livelli di colesterolo, o lipidi, delle donne dovrebbero essere controllati all’età di vent’anni e successivamente ogni cinque anni, ma se non sono normali o c’è una storia familiare di colesterolo alto, lo screening deve essere individualizzato.

Sebbene sia generalmente raccomandato iniziare lo screening per il diabete intorno ai 30 anni, lo screening precoce è una buona idea per le persone con fattori di rischio come l’obesità o una storia familiare di diabete.

Il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) previene le infezioni dal virus che causa cinque tipi di cancro nelle donne, come il cancro cervicale, orale, vaginale, vulvare e dell’ano. Questo vaccino è consigliato a tutti fino ai ventisei anni, ma è possibile farlo anche dopo i ventisei anni.

“L’influenza può ancora avere effetti gravi, anche tra i giovani”, afferma Erica Johnson, infettivologo presso il Johns Hopkins Hospital, ma questo non è l’unico motivo per vaccinarsi ogni anno. “Vaccinarsi ogni anno contro l’influenza aiuta in parte a rafforzare l’immunità contro l’influenza che evolve nel tempo”, perché il virus evolve regolarmente da un anno all’altro.

Secondo Rajeev Jain, gastroenterologo della Texas Digestive Disease Consultants, il motivo più comune per cui i gastroenterologi vedono le donne sui vent’anni è la sindrome dell’intestino irritabile. Sanguinamento rettale o sangue nelle feci, o cambiamenti nelle abitudini intestinali, come diarrea cronica o stitichezza o cambiamenti nella forma delle feci, significano che è necessario consultare un medico, dice Rajeev Jain. “Proprio come le donne dovrebbero sentirsi a proprio agio nel parlare di problemi ginecologici, dovrebbero sentirsi a proprio agio nel parlare di problemi intestinali con il proprio medico”, aggiunge.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega